La dieta e gli integratori per l'herpes

L'herpes virus: aspetti generali

La dieta, così come gli integratori, per l'herpes possono essere utili nella riduzione delle ricadute dell'infezione e nell'attenuazione dei sintomi. Non vi sono ad oggi nè cure nè integratori o alimenti che possano, invece, impedire il contagio del virus da un soggetto all'altro.

 

 

L'herpes è un'infezione causata da un virus, Herpes simplex o HSV, che può infettare diverse parti del corpo a seconda del ceppo virale di appartenenza. Abbiamo infatti HSV-1 che infetta prevalentemente la mucosa orale, e HSV-2 che infetta la regione esterna genitale e anale. 

Questo virus può essere trasmesso attraverso il contatto con un individuo infetto ed è una condizione a lungo termine. Infatti, una volta che una persona entra in contatto con il virus, ne diventa portatore e può quindi trasmetterlo ad altri soggetti. Non sempre si ha la manifestazione dei sintomi, che però sono abbastanza frequenti e riguardano la formazione di bolle e ulcere alla mucosa, nonchè dolore anche durante l'emissione delle urine, così come anche la formazione caratteristica dell'herpes labiale. In generale la manifestazione dei sintomi si ha circa 4 giorni dopo l'esposizione al virus e nel primo periodo si hanno manifestazioni più frequenti dei sintomi, le cui ricadute tendono a diminuire di frequenza con l'andare del tempo, presentando sintomi meno severi e meno duraturi. La durata media è infatti di circa 10 giorni e i sintomi delle ricadute consistono in herpes labiale o nella formazione di bolle nella zona genitale esterna. 

 

 

Non vi sono veri e propri farmaci per la cura dell'herpes, ma degli antivirali che possono aiutare nel bloccare la moltiplicazione virale andando a prevenirne il contagio e a ridurre la gravità dei sintomi. Questi farmaci non impediscono le ricadute e vengono prescritti solo in caso di sintomi particolarmente acuti ed intensi. 

Vi sono però dei rimedi, come creme e antidolorifici, che possono aiutare nella riduzione del dolore e del fastidio: anche la semplice applicazione del ghiaccio, avvolto in stoffa, può dare sollievo. 

Integratori per l'herpes

Vi sono alcuni studi scientifici che hanno rivelato che alcuni micronutrienti o loro derivati possono essere utili nell'attenuazione dei sintomi derivanti dall'herpes così come anche delle ricadute, in particolare di quello labiale. 

Uno studio del 2006 dimostra che un derivato sintentico della vitamina A, l'isotretinoina (13-cis-acido retinoico), molecola utilizzata per il trattamento dell'acne, ha anche attività antivirale e risulta efficace nella riduzione delle ricadute del virus dell'herpes, in particolare di quello labiale. 

Altri studi propongono l'utilizzo di integratori a base di acido ascorbico, quindi vitamina C, e lignina, una fibra vegetale, per il trattamento dell'HSV-1. Sembra infatti, che queste molecole agiscano insieme per la riduzione della severità dei intomi dell'herpes labiale, nonchè anche per il decremento delle ricadute del'infezione. Questa, quindi, potrebbe essere una risposta a chi si chiede come prevenire la ricaduta da herpes labiale, anche se i risultati rimangono ancora da confermare del tutto.

 

 

La vitamina C è stata più volte associata al trattamento dell'herpes, grazie ai suoi effetti antivirali che potrebbero far pensare in futuro ad un uso dell'acido ascorbico per il trattamento dell'herpes. 

Gli integratori per la prevenzione dell'herpes labiale sono quelli che mirano a rinforzare il sistema immunitario. Fra questi vi sono i probiotici, come i fermenti lattici, che si trovano oggi in diversi integratori. Certo sono solo un aiuto per il sistema immunitario e non un sistema di prevenzione assoluto.

La lisina è un amminoacido coinvolto nella produzione degli anticorpi e nella ricostruzione dei tessuti, motivo per il quale può essere utilizzato come integratore in caso di herpes e può svolgere un'azione preventiva della ricaduta dell'infezione. Da precisare che questo amminoacido non previene il contagio, ma attenua la frequenza delle ricadute dell'infezione. 

Le vitamine del gruppo B possono essere integrate con il fine della prevenzione, perchè potenziano l'attività del sistema immunitario, così come anche la vitamina A, E e C che possono svolgere la stessa attività. 

Cosa mangiare quando si ha l'herpes?

Vi sono alcuni cibi che contengono alcuni nutrienti che possono aiutare nella prevenzione e nell'attenuazione dei sintomi dovuti all'infezione da Herpes virus. Fra questi abbiamo i cibi contenenti lisina, in particolare legumi secchi, carne di pollo, maiale e manzo, ma anche cereali come quinoaamaranto e grano saracenofrutta secca come i pistacchi. Per assumere un'adeguata quantità di lisina è però importante non cuocere i cibi a temperature troppo elevate e in associazione con gli zuccheri, che ne riducono la biodisponibilità e gli effetti benefici. L'associazione tra lisina e vitamine, in particolare la A, la E e la C, potenzia l'azione della lisina, grazie anche all'attività antivirale associata ad esempio alla vitamina C. Quindi è bene associare i cibi contenenti lisina con quelli ricch di queste vitamine, come caroteasparagiagrumi, kiwi, broccoli, pomodori.

Gli alimenti ricchi di vitamine del gruppo B sono anch'essi importanti nella prevenzione delle infezioni da herpes. Queste vitamine sono largamente rappresentate negli alimenti fra cui: carciofi, radicchio, broccoli ma anche formaggi stagionati, patate e salmone.  

Gli alimenti negativi per l'herpes

Fra gli alimenti da evitare durante un'infezione da herpes vi sono sicuramente quelli che inducono allergie o intolleranze e che possono quindi indebolire il sistema immunitario. 

L'arginina sembra indurre la riattivazione del virus che usa questo amminoacido per moltiplicarsi. Quindi chi soffre di herpes dovrebbe ridurre il consumo di alimenti ricchi di questo amminoacido, evitandone l'assunzione sopratutto durante la manifestazione dei sintomi. Cibi con grande quantità di arginina sono la frutta secca come mandorle, noci e nocciole, ma anche ortaggi e frutta come zucca, cetrioli, melone, così come anche il cioccolato, alcuni tipi di pesci e i gamberi.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Sicurezza della carne di pollo, manzo e vitello - Ormoni antibiotici beta agonisti

La sicurezza della carne: come difendersi da ormoni, antibiotici, e altre sostanze nocive presenti nella carne.


Prosciutto cotto senza nitriti

Il prosciutto cotto senza nitriti è di difficile produzione ma si sta oggi diffondendo grazie a nuove tecniche non sempre rese note dalle aziende produttrici.


La carne rossa è più grassa?

La carne rossa non è più grassa della carne bianca, ma il suo contenuto in grassi e acidi grassi saturi dipende dal taglio di carne preso in considerazione.


Dietidea: la dieta del riso Scotti del prof. Sorrentino

Dietidea è la nuova dieta del riso, ideata dal prof. Sorrentino in collaborazione con Scotti. Scopriamo i pro e i contro di questa dieta.

 


Dieta per la salute della prostata

La dieta per la salute della prostata può aiutare a prevenire e coadiuvare le terapie per le principali patologie connesse con la prostata.


Dieta per la salute del pancreas

La dieta corretta può essere importante nella prevenzione ma anche nella cura delle principali patologie connesse con il pancreas, in particolare nelle pancreatiti.


Integratori per la memoria: funzionano?

Gli integratori per la memoria sono molto famosi e utilizzati, ma pochi sono i risultati scientifici che giustificano questo uso.


Dieta per la salute degli occhi

La dieta per la salute degli occhi può aiutare nella prevenzione delle patologie connesse con l'invecchiamento, mentre non può curare quelle già in atto.