Probiotici

I probiotici sono microrganismi identici o simili a quelli naturalmente presenti nel corpo umano.

Nel nostro intestino sono presenti miliardi di batteri che svolgono un compito fondamentale per la nostra salute. Questo microcosmo, chiamato "microbiota" in gergo tecnico, ma meglio conosciuto come "microflora intestinale", è soggetto di studi sempre più approfonditi che ne stanno gradualmente evidenziando le innumerevoli funzioni e la grande importanza per la nostra salute.

 

 

Questi "batteri buoni" svolgono numerose funzioni, come la partecipazione alla formazione della barriera intestinale, che ci protegge dagli attacchi degli agenti patogeni; la resistenza alla colonizzazione di batteri e altri agenti patogeni; la produzione di acidi grassi a catena corta; la formazione di sostanze utili per l'organismo (come le vitamine del gruppo B e K); il miglioramento del funzionamento del sistema immunitario intestinale.

Il "padre" dei probiotici fu Nobel Elie Metchnikoff, che all'inizio del XX secolo propose il concetto che l'ingestione di alcuni microorganismi poteva influenzare in maniera sostanziale la salute degli esseri umani.

I batteri probiotici sono in commercio in Italia da circa trent'anni: i famosi "fermenti lattici", venduti come integratori, contenevano principalmente i batteri presenti nello yogurt (Streptpcoccus thermophilus e Lactobacillus bulgaricus) e nel lievito di birra (Saccaromyces cerevisiae).

 

 

I probiotici, secondo la definizione dell'OMS, sono "organismi vivi che, somministrati in quantità adeguata, apportano un beneficio alla salute dell'ospite". Secondo l'americana FDA (Food and Drug Administration) e l'UE, invece, essi possono essere commercializzati ma senza alcun claim di tipo salutistico, perché non è ancora chiaro se l'integrazione con i fermenti lattici porti effettivamente un beneficio alla salute di chi li assume. L'unico claim che si può utilizzare per i probiotici, dunque, è quello relativo al riequilibrio della flora batterica intestinale.

Oggi i probiotici più utilizzati sono i lactobacilli e i bifidobatteri: essi vengono venduti come veri e propri integratori alimentari, oppure addizionati ad alimenti (in genere, yogurt). Alcuni esempi: il Lactobacillus johnsonii La1 presente nello yogurt LC1 di Nestlè; il Lactobacillus casei Shirota di Yakult; il Lactobacillus casei DN-114 001 di Actimel; il Bifidobacterium lactis DN - 173 010 di Activia.

Controindicazioni

Generalmente l'assunzione di integratori o alimenti contenti probiotici non causa particolari problemi, salvo alcuni piccoli disturbi intestinali, tuttavia non mancano le segnalazioni (seppur molto rare) di gravi effetti avversi, che suggeriscono una particolare cautela.

Allo stato attuale gli studi non dimostrano controindicazioni degne di nota, ma bisogna considerare che mancano ancora dati certi, soprattutto sugli effetti a lungo termine dell'assunzione di probiotici.

Inoltre, sono state sollevate preoccupazioni circa la qualità di alcuni prodotti probiotici, che contenevano un numero inferiore di microrganismi rispetto a quanto dichiarato, e altri che addirittura contenevano ceppi di batteri diversi da quanto riportato negli ingredienti.

Probiotici

Benefici dell'integrazione di probiotici

Effetti accertati (forte evidenza)

Prevenzione e cura della diarrea da assunzione di antibiotici

Prevenzione e cura della stipsi, soprattutto nelle persone anziane

Effetti possibili (prove ancora insufficienti)

Potenziamento del sistema immunitario negli anziani e negli immunodepressi

Eradicazione dell'Helicobacter Pylori

Efficaci nel combattere le sindromi da malassorbimento di minerali

 

 

Prevenzione del tumore al colon

Dosaggio consigliato

Gli integratori e gli alimenti con probiotici devono, per legge, contenere almeno un miliardo di batteri vivi per ognuno dei ceppi batterici dichiarati in etichetta. Le ricerche scientifiche hanno utilizzato quantità anche molto variabili: mediamente si parla di 1-5 miliardi di batteri al giorno, ma si può arrivare fino a 100.

Attualmente non si può indicare con precisione quale sia la dose giornaliera consigliata per ogni tipo di disturbo che potrebbe essere trattato con i probiotici.

Conclusioni

I probiotici sono prodotti potenzialmente molto interessanti, ma la ricerca scientifica dovrà lavorare ancora molto prima di arrivare a capire esattamente il funzionamento e l'efficacia di questi batteri.

Attualmente si possono consigliare i probiotici a chi ha problemi intestinali (diarrea, stipsi) o per ripristinare il microbiota durante un trattamento con antibiotici.

Possono tentare l'integrazione con probiotici anche coloro che soffrono di disturbi cronici come la sindrome del colon irritabile (colite) o gli intolleranti al lattosio.

Bibliografia

Probiotics for prevention of necrotizing enterocolitis in preterm infants

Probiotics for treating acute infectious diarrhoea

Probiotics for oral health: myth or reality?

Clinical indications for probiotics: an overview

Executive summary: scientific and regulatory challenges of development of probiotics as foods and drugs

Evaluation of five probiotic products for label claims by DNA extraction and polymerase chain reaction analysis

Probiotics and gastrointestinal disease: clinical evidence and basic science

National Institutes of Health Gastrointestinal Microbiota and Advances in Prebiotic and Probiotic Research conference summary

Microbes in gastrointestinal health and disease

Helping patients make informed choices about probiotics: a need for research

Probiotic Lactobacillus acidophilus enhances the immunogenicity of an oral rotavirus vaccine in gnotobiotic pigs

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Disbiosi (alterazione del microbiota intestinale)

Con il termine disbiosi si indica un'alterazione della flora batterica intestinale, anche chiamato microbiota o microbioma intestinale.


Maca o Ginseng delle Ande: effetti, valori nutrizionali e controindicazioni

La Maca, o ginseng delle Ande, è la radice di una pianta di origine peruviana usata per diverse presunte proprietà, fra cui quella di favorire la fertilità maschile.


Foglie di vite rossa - Integratore

Le foglie di vite rossa sono ricche di interessanti composti che hanno diverse potenziali attività, la maggior parte delle quali non ancora confermate del tutto.


Foglie di trifoglio rosso: effetti ancora da dimostrare

Le foglie di trifoglio rosso sono utilizzate per formulare estratti fitoterapici a cui si attribuiscono vari effetti positivi non ancora, però, dimostrati con certezza.

 


Resistenza agli antibiotici: conseguenze, rimedi e cause

La resistenza agli antibiotici è un fenomeno in crescente aumento negli ultimi anni che necessita di interventi preventivi.


Agopuntura: è solo effetto placebo?

L'agopuntura è una pratica tipica della medicina tradizionale cinese che viene proposta per diversi scopi terapeutici ma che non ha prove scientifiche solide.


Medicina alternativa

Medicina alternativa: elenco pratiche e analisi critica in base alla letteratura scientifica.


Fungo reishi: è davvero il fungo del'immortalità?

Il fungo reishi, il cui nome scientifico è Ganoderma lucidum, è un saprofita di alcune piante, usato nella medicina cinese ma dagli effetti non ancora ben confermati.