Nocciole - nocciola

Le nocciole, come tutta la frutta secca, sono un alimento molto ricco di grassi. Di questi, la maggior parte sono monoinsaturi.

 

 

Esse rappresentano quindi una fonte di grassi "buoni", anche se non apportano una quantità significativa di grassi essenziali, al contrario di altri tipi di frutta secca come le noci.

Le nocciole sono, dopo le mandorle, il tipo di frutta secca che contiene la quantità maggiore di vitamina E.

Sono un'ottima fonte di fitosteroli, sostanze ritenute importanti nella prevenzione delle malattie cardiovascolari. A conferma di ciò, uno studio recente ha dimostrato che un consumo regolare di nocciole è in grado di abbassare i livelli di colesterolo LDL e trigliceridi. Questo vale per chi non è sovrappeso, essendo quest'ultima una condizione molto più sfavorevole nei confronti dei fattori di rischio delle malattie cardiovascolari.

Essendo una fonte di grassi, hanno un potere saziante piuttosto basso e quindi è opportuno assumerne quantità controllate.

Le nocciole non possono essere considerate una buona fonte proteica, poiché il rapporto tra proteine e grassi è troppo sbilanciato a favore di questi ultimi. In pratica per assumere una quantità sufficiente di proteine mangiando nocciole bisognerebbe assumere troppi grassi e quindi troppe calorie.

 

 

Varietà

Nocciole

Il nocciolo è una delle più antiche piante coltivate dall'uomo. Si pensa che sia originario dell'Asia, poiché sono stati trovati manoscritti risalenti a 5000 anni fa che parlano di questa pianta considerata sacra. Anche i Greci e i Romani apprezzavano le qualità medicinali di questa pianta.

Il nocciolo ha trovato il suo habitat naturale nel bacino del mediterraneo, infatti i principali produttori sono la Turchia, la Spagna, l'Italia e la Francia.

Disponibilità

Le regioni maggiori produttrici di nocciole sono il Lazio e il Piemonte, entrambe vantano anche la certificazione di qualità (Nocciola Romana DOP e Nocciola Piemonte IGP).

Ma forse non tutti sanno che la prima nocciola a fregiarsi della certificazione IGP fu la nocciola di Giffoni, un comune campano, nel 1997.

 

 

La maggior parte di queste vengono trasformate per essere utilizzate dall'industria dolciaria.

Le nocciole sono disponibili tutto l'anno, sgusciate o con guscio, sfuse o confezionate, e anche tritate (granella).

Nei negozi specializzati (erboristerie e negozi di alimenti biologici) si può trovare anche la pasta di nocciole (prodotta macinando le nocciole tostate) oppure l'olio di nocciole.

Guida all'acquisto

È consigliabile acquistare le nocciole sgusciate confezionate sottovuoto o in contenitori sigillati, il miglior metodo per conservarne la freschezza.

Le nocciole con guscio devono essere pesanti e "piene": le nocciole vecchie diventano secche dentro il guscio e perdono peso e volume.

Conservazione

Le nocciole fresche deperiscono rapidamente, soprattutto se sgusciate: andrebbero quindi consumate rapidamente evitando di esporle alla luce, al calore e all'umidità.

Le nocciole senza guscio possono essere conservate in frigorifero anche per qualche mese. Quelle con guscio si conservano per circa un mese, a temperatura ambiente e in luogo asciutto.

È anche possibile congelarle, e conservarle per molti mesi.

Preparazione

Le nocciole andrebbero tostate a bassa temperatura (30-40°), per non alterare la qualità dei grassi e il sapore.

Questo processo potrebbe essere difficile da attuare in casa, quindi è opportuno acquistarle già tostate.

Per rimuovere la pellicina marrone che le ricopre si possono mettere in forno per qualche minuto a 180 gradi, poi trasferite in un canovaccio e agitate vigorosamente per farle sbattere l'una contro l'altra e far si che la pellicina si stacchi.

Se volete ridurle in granella, pestatele con un mortaio oppure frullatele molto brevemente con un mixer, se dovete utilizzarle per confezionare dolci passatele precedentemente nella farina per evitare che si separi l'olio durante il processo.

Calorie e valori nutrizionali

Ricette con le nocciole

Crema di nocciole

Gianduiotti

Gelato al gianduia

Torrone

Croccante

Baci di Cherasco

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Cibi ultra-processati: fanno davvero male?

I cibi ultra-processati sono definiti dalla classificazione NOVA che ne sconsiglia il consumo, appoggiata da diversi paesi. Rimane da capire come sostituirli in modo efficace.


Caffeina

La caffeina è la sostanza psicoattiva più consumata al mondo, contenuta in diverse piante come caffè, cacao, tè, cola, guaranà e mate.


Quanta caffeina (e caffè) al giorno?

La quantità di caffeina considerata sicura dipende dalle condizioni patologiche e fisiologiche del soggetto, ma anche dalla tollerabilità individuale.


Pasta di legumi: utile solo per la celiachia

La pasta di legumi è utile solo in caso di patologie che richiedano l'eliminazione del glutine dalla dieta, per diverse ragioni che vedremo in questo articolo.

 


Prosciutto cotto senza conservanti (nitriti)

Il prosciutto cotto senza conservanti (nitriti) si sta oggi diffondendo grazie a nuove tecniche non sempre rese note dalle aziende produttrici.


Gli alimenti trasformati o processati: la classificazione NOVA

I cibi processati o trasformati sono classificati secondo la classificazione NOVA che li distingue in base al tipo di processo di produzione a cui sono sottoposti.


Arachidi

Le arachidi, una specie di leguminose tipica dei Paesi sudamericani.


Cosa mangiare durante lo sport

Troppi atleti mangiano a sproposito durante gli allenamenti. In realtà dovrebbe mangiare solo chi fa allenamenti molto lunghi.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.