La dieta ipoallergenica per le intolleranze

 

La dieta ipoallergenica è un'alimentazione finalizzata all'individuazione delle intolleranze alimentari.

Come abbiamo visto nell'articolo sulle intolleranze alimentari, non eistono test affidabili se non per un ristretto numero di cibi (alcuni zuccheri e il glutine). Per gli altri cibi, l'unica strategia possibile, che sia affidabile e non dia falsi positivi o falsi negativi, è l'eliminazione dei cibi potenzialmente coinvolti in una intolleranza. Questo tipo di alimentazione è chiamata ipoallergenica.

Come funziona la dieta ipoallergenica

Gli alimenti più frequentemente coinvolti nelle reazioni avverse al cibo di tipo non allergico sono:

  • latte (soprattutto quello vaccino) e derivati, conviene eliminare il latte di qualunque specie, eventualmente si procederà in seguito alla introduzioni di latte di capra o pecora per valutare se l'intolleranza è al solo latte vaccino;
  • tutti i cibi contenenti lievito: vino, birra, aceto, pane e prodotti derivati;
  • alcune verdure: pomodoro, melanzane, peperoni, patate;
  • crostacei in genere;
  • frumento e tutti i cereali contenenti glutine;
  • legumi;
  • uova;
  • agrumi;
  • cacao;
  • carne (soprattutto bovina);
  • cibi contenenti conservanti.
Dieta ipoallergenica

In generale bisogna considerare che se i disturbi sono continui, cioè sono presenti tutto l'anno, anche il cibo al quale si è intolleranti deve essere presente nella propria alimentazione tutto l'anno: difficile dunque essere intollerante ad asparagi, caki, anguria, castagne, ciliegie o fragole, tutti cibi molto stagionali... A meno di non avere problemi solo in quel periodo dell'anno!

Si può dunque impostare una dieta contenente degli alimenti di base:

  • riso (grezzo o sottoforma di gallette come sostituto del pane);
  • carne (esclusa quella bovina);
  • pesce (esclusi i crostacei);
  • olio extravergine di oliva;
  • frutta e verdura (tranne quelle presenti nell'elenco).

 

 

Se dopo 10-15 giorni al massimo non c'è un netto miglioramento, non si è intolleranti ai cibi eliminati. Si possono anche eliminare anche altri cibi, come il pesce e la carne: la dieta diventa un po' difficile, ma per 10 giorni si può tollerare. Se invece c'è un miglioramento netto, si reintroducono le diverse categorie di cibi, una a settimana, fino al nuovo peggioramento netto con la ricomparsa dei sintomi. Una volta individuato l'alimento incriminato, non è detto che non si debba eliminarlo per sempre: spesso le intolleranze sono dose dipendente, dunque dopo qualche settimana di eliminazione, si può tentare una graduale reintroduzione dell'alimento verificando sempre che non ricompaiano i sintomi dell'intolleranza.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Dieta


Dieta iposodica

Con il termine dieta iposodica si intende una dieta povera di sodio e quindi povera di sale.


La dieta depurativa o disintossicante

La dieta depurativa o disintossicante, quella in grado di eliminare sostanze dannose per l'organismo. Ma esiste davvero?


Calorie della pasta fresca e secca

Le calorie dei vari tipi di pasta (all'uovo, di semola, integrale...) e come calcolarle con il nostro metodo semplificato.


Calorie del riso bianco, integrale, crudo e bollito

Le calorie del riso da crudo e da cotto: come calcolarle e come confrontarle con quelle della pasta.

 


Perché la pizza è difficile da digerire?

Tantissime persone non riescono a digerire correttamente la pizza: non è solo una questione di lievitazione e cottura, ma anche di quantità... Perché il troppo, comunque, stroppia!


La pizza fa ingrassare?

La pizza fa ingrassare? Scopriamo, dati alla mano, se può essere considerata solo uno sgarro alimentare da concedersi ogni tanto, o se è possibile assumerla più di frequente.


Quante calorie ha la pizza?

Quante calorie ha una pizza? Sebbene sia un alimento variabile, è possibile risalire con abbastanza precisione alle calorie totali sia di una margherita che di una pizza condita.


Calorie della verdura

Le calorie della verdura: quando è possibile trascurarle e quando, invece, possono rappresentare un valido alleato nelle diete.