Vitamina E (tocoferolo)

Struttura della vitamina E

La vitamina E rappresenta un gruppo di composti liposolubili correlati a livello strutturale e funzionale, costituiti da una struttura complessa ad anello, legata ad una catena satura con residui metilici. La posizione di questi ultimi gruppi identifica i diversi isomeri che hanno attività vitaminica. Fra questi vi sono i tocoferoli e i tocotrienoli, di cui l'α-tocoferolo è il più abbondante e attivo in natura. 

 

 

La vitamina E negli alimenti

La vitamina E è abbondante nei legumi e negli oli vegetali, fra cui l'olio extra-vergine di oliva, l'olio di girasole e di soia. È contenuta anche nel fegato, nei cereali integrali e nella frutta a guscio come nocciole, arachidi, noci e mandorle.

 

 

Benefici della vitamina E

I benefici della vitamina E sono in prevalenza dovuti alla sua attività antiossidante, in quanto neutralizza i radicali liberi che possono a loro volta attaccare i lipidi polinsaturi delle membrane cellulari. Questa vitamina è quindi utile per la protezione dall'ossidazione di molecole e strutture biologiche, fra cui membrane biologiche, LDL, ma anche acidi grassi polinsaturi, vitamina A e carotenoidi. 

L'attività della vitamina E è importante per la protezione dei globuli rossi di cui aumenta l'emivita. 

Altre attività attribuitegli sono un ruolo anti-invecchiamento, di protezione contro l'aterosclerosi e di protezione della fertilità, come dimostrato da studi su animali. 

Ci si chiede a cosa serve la vitamina E nell'ambito di prevenzione del cancro. Uno studio del 2012 ha dimostrato che alcuni tipi di tocoferolo, ma non l'α-tocoferolo, hanno attività preventiva nei confronti del cancro. L'uso di alte dosi di α-tocoferolo non ha, invece, lo stesso effetto.

Negli anni diversi studi si sono focalizzati non solo sull'α-tocoferolo, ma anche sugli altri tocoferoli e sui tocotrienoli. Queste altre forme di vitamina E possono produrre metaboliti attivi a livello biologico che potrebbero avere potenziali effetti terapeutici e preventivi in molte patologie, fra cui il cancro. Sono necessari, però, ulteriori conferme e ricerche in merito. 

 

 

Numerose ricerche si sono basate sulla correlazione tra l'azione della vitamina E e la pelle. Hanno dimostrato che, se la vitamina E viene assunta oralmente o per uso topico, può avere un effetto fotoprotettivo e stabilizzante nei confronti della funzione di barriera della pelle. Ulteriori ricerche sono necessarie per verificare il potenziale uso della vitamina E per il trattamento di dermatiti e cancro alla pelle. 

Altri ruoli della vitamina E sono quelli di controllo dell'infiammazione, dell'espressione genica e della funzione cognitiva. Inoltre ha un ruolo anche nella risposta immunitaria.

Il potenziale effetto positivo della vitamina E sui capelli potrebbe essere dovuto alla sua attività antiossidante. Lo stress ossidativo è infatti stato associato ad alopecia. Uno studio del 2010 ha concluso che l'integrazione dei tocotrienoli può aumentare il numero dei capelli, in quanto porta alla riduzione della perossidazione lipidica e dello stress ossidativo del cuoio capelluto. Sono necessarie, però, ulteriori conferme che dimostrino questa proprietà della vitamina E.

Carenza e sovradosaggio di vitamina E

La carenza di vitamina E si manifesta solo in caso di disturbi legati al malassorbimento intestinale dei grassi, nei neonati prematuri e nei casi di grave malnutrizione. Determina infertilità, degenerazione del sistema nervoso, alterazione della cute e distrofia muscolare. Nei bambini può causare anemia emolitica per danni a carico dei globuli rossi. 

La vitamina E non è particolarmente tossica, ma un eccesso dell'assunzione può determinare un aumento del rischio emorragico perchè inibisce l'aggregazione delle piastrine del sangue.

Fabbisogno giornaliero e integrazione

I LARN 2014 (Livelli di Assunzione Raccomandata per la popolazione italiana) consigliano una dose giornaliera adeguata di 13 mg per gli uomini adulti dopo i 18 anni, e 12 mg per le donne della stessa età. I valori non variano in gravidanza mentre aumentano a 15 mg durante l'allattamento

I livelli massimi di assunzione tollerabile sono fissati a 300 mg per uomini e donne dopo i 18 anni, gravidanza e allattamento compresi. 

L'uso di un integratore di vitamina E è in generale inutile, in quanto questo composto può facilmente accumularsi nell'organismo in riserve in grado di soddisfare il fabbisogno vitaminico. Non è chiaro, come evidenziato in questo studio, se l'integrazione della vitamina E nei bambini prematuri possa svolgere un effetto preventivo nei confronti dell'anemia, che colpisce questi pazienti dopo 4 o 6 settimane dalla nascita prematura e di cui sembra essere in parte responsabile la carenza di vitamina E. 

Assorbimento e persistenza nei cibi

La vitamina E viene assorbita a livello dell'intestino tenue e poi trasportata nel sangue all'interno delle lipoproteine al fegato e ai tessuti extraepatici. Si accumula nelle membrane biologiche, come le membrane plasmatiche delle cellule ma anche in quelle di mitocondri, microsomi e membrana nucleare. I maggiori depositi risultano quindi essere il fegato, il muscolo e il tessuto adiposo. 

La vitamina E è termolabile e fotosensibile; viene facilmente degradata anche dalla presenza di catalizzatori delle reazioni ossidative, come il ferro e il rame. La presenza nell'alimento di antiossidanti, come composti fenolici e acido ascorbico, ne consente la protezione dalla degradazione ossidativa. 

I processi di raffinazione e idrogenazione degli oli possono far perdere fino all'80% del contenuto di vitamina E. Per questo motivo si consiglia sempre di preferire l'olio extravergine di oliva, che essendo estratto a freddo e senza solventi, mantiene intatto il contenuto di vitamina E. 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Prosciutto cotto senza nitriti

Il prosciutto cotto senza nitriti è di difficile produzione ma si sta oggi diffondendo grazie a nuove tecniche non sempre rese note dalle aziende produttrici.


La carne rossa è più grassa?

La carne rossa non è più grassa della carne bianca, ma il suo contenuto in grassi e acidi grassi saturi dipende dal taglio di carne preso in considerazione.


Dietidea: la dieta del riso Scotti del prof. Sorrentino

Dietidea è la nuova dieta del riso, ideata dal prof. Sorrentino in collaborazione con Scotti. Scopriamo i pro e i contro di questa dieta.


Dieta per la salute della prostata

La dieta per la salute della prostata può aiutare a prevenire e coadiuvare le terapie per le principali patologie connesse con la prostata.

 


Dieta per la salute del pancreas

La dieta corretta può essere importante nella prevenzione ma anche nella cura delle principali patologie connesse con il pancreas, in particolare nelle pancreatiti.


Integratori per la memoria: funzionano?

Gli integratori per la memoria sono molto famosi e utilizzati, ma pochi sono i risultati scientifici che giustificano questo uso.


Dieta per la salute degli occhi

La dieta per la salute degli occhi può aiutare nella prevenzione delle patologie connesse con l'invecchiamento, mentre non può curare quelle già in atto.


Dieta per la salute del colon

La dieta è importante nel mantenere la salute del colon, sia per la prevenzione che per l'attenuazione dei sintomi delle malattie ad esso associate.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.