Kiwi

Il kiwi è il frutto dell'omonima pianta, un arbusto rampicante che ricorda vagamente l'uva, denominato Actinidia chinensis, originario della Cina e del Giappone. Fu portato in Europa solo nel 1800.

 

 

Il kiwi deve il suo nome dalla Nuova Zelanda, paese in cui iniziò ad essere coltivato in grande quantità all'inizio del 1900. In seguito venne esportato in USA e qui lo chiamarono kiwifruit, dal nome del tipico uccello della Nuova Zelanda.

Il kiwi è costituito da grosse bacche ovoidali ricoperte da una sottile ma robusta epidermide e da una fine peluria bruna. La buccia del kiwi è perfetta per proteggere la polpa dai raggi solari, che distruggerebbero la vitamina C, contenuta in grande quantità nei kiwi.

La polpa è di un intenso color verde mentre i semi, piccoli e neri, sono disposti a raggera attorno al centro del frutto.

Calorie e valori nutrizionali del kiwi

La coltivazione del kiwi

Il kiwi è coltivato anche in Italia, in circa 25 mila ettari di terreno per un totale di 420 tonnellate annue (dati aggiornati al 2013), soprattutto in Lazio, in Piemonte, in Emilia Romagna e in Veneto. Attualmente l'Italia è il primo Paese Europeo nella produzione di kiwi.

La raccolta avviene a partire dall'autunno (settembre/ottobre) fino alla primavera anche se troviamo sempre i kiwi sui banconi dell'ortofrutta perchè vengono importati da altre zone come la Nuova Zelanda.

I kiwi vanno conservati in luoghi freschi e asciutti, al riparo dall'umidità, preferibilmente in frigorifero dentro sacchetti di plastica. I kiwi vengono di norma raccolti acerbi quindi hanno una buona resistenza, anche di 5/7 giorni in frigorifero.

 

 

Varietà di kiwi

Il kiwi di Latina ha ottenuto la certificazione IGP ed ha la particolarità di essere molto grande, formato jumbo, viene infatti commercializzato nelle due categorie I ed Extra: la categoria I pesa circa 80 g, mentre la Extra pesa circa 90 g.

Esistono poi, in commercio, altre due varietà di kiwi molto interessanti:

  • il kiwi giallo o kiwi sungold, che si differenzia dal classico kiwi per avere una buccia glabra, senza peli, edibile e per la polpa interna di colore giallo, inoltre è più dolce e zuccherino del kiwi che di solito ha un sapore fortemente acidulo,
  • il mini kiwi o baby kiwi (Actinidia arguta) che in Italia viene chiamato nergi ed è di piccole dimensioni, circa 2-3 cm di diametro, cosa che spesso porta a scambiarlo per un frutto di bosco. Anche il mini kiwi viene mangiato intero, con la buccia, come snack. E' stato impiantato in Italia nel 2014 e viene coltivato principalmente in Piemonte.

Qualità nutrizionali del kiwi

Kiwi

Il kiwi è un frutto mediamente calorico, contiene infatti 44 kcal per 100 g. È una discreta fonte di fibre e di potassio mentre contiene parecchia vitamina C, più del 100% della RDA ogni 100 g, una quantità leggermente superiore a quella delle arance.

Questa caratteristica è la spiegazione di uno dei più curiosi e assurdi luoghi comuni sull'alimentazione.

Molti ricorderanno come le nostre nonne e le nostre mamme ci dicevano di non mangiare troppi kiwi perché "troppo nutrienti", ovvero troppo ricchi di vitamina C. Oggi sappiamo che possiamo mangiare più di 10 kg di kiwi senza alcun problema di sovradosaggio di vitamina C...

Il kiwi viene solitamente consumato crudo, ma può essere impiegato anche nella preparazione di macedonie, di marmellate o di succhi di frutta.

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione

Polli allevati a terra o all'aperto: quali sono le differenze?

L'allevamento dei polli a terra o all'aperto presenta notevoli differenze, sia per quanto riguarda le modalità, sia per la salubrità degli alimenti prodotti.

Meduse in cucina

Le meduse in cucina: una novità per noi Occidentali, entrate a far parte dell'elenco dei "novel foods", ma una tradizione in Asia.

Fitoplancton come alimento

Il fitoplancton marino: l'alimento del futuro, il cibo che più sta destando curiosità tra i grandi chef.

Dieta per le gengive infiammate

La dieta per le gengive infiammate consiste in cibi e nutrienti che possono prevenire e rallentare l'infiammazione, bisogna inoltre evitare alcuni alimenti.

 

Caffè espresso

Caffè espresso: la preparazione del classico caffè italiano con la macchina da caffè espresso

Storia del caffè in Italia: tra leggenda e reali innovazioni

Il caffè è diventato simbolo di un'abitudine tutta italiana ma la sua origine è in Oriente. Nel corso del tempo è diventato simbolo di socialità ma la sua diffusione ha avuto ostacoli.

Riso

Il riso è il cereale più diffuso al mondo e originario dell'Asia.

Mindful eating: alimentarsi in ottica mindfulness

Negli ultimi anni si è assistito a un crescente interesse per mindfulness, una pratica che sarebbe alquanto riduttivo definire in poche parole.