Catalana di crostacei

Cos'è la catalana

La catalana di crostacei, è una ricetta di pesce che può essere considerata sia un antipasto, sia un secondo piatto che un piatto unico completo, quando abbinata anche a verdure e, talvolta, alla frutta. Si può dire sia "catalana di" (scampi, aragosta, astice, mazzancolle, gamberi, canocchie) oppure astice, aragosta, scampi... "alla catalana", o ancora, insalata di pesce alla catalana.

 

 

Come suggerisce il nome, la catalana di crostacei sembrerebbe avere origini catalane, in realtà la storia di questa ricetta non è chiara e certo è che in Catalogna moltissime ricette sono dette "a la catalana", compresa la crema catalana, il bocadillo a la catalana (un panino con spinaci, pinoli e pomodori secchi) o il pollo a la catalana (in agrodolce con uva sultanina, prugne e frutta secca), quindi ricette che non hanno nulla in comune tra loro.

 

 

Per quanto riguarda l'Italia, la catalana di crostacei è un piatto conosciuto e diffuso in tutte le zone costiere e in tutte le regioni, soprattutto in Sardegna (questo ci riporterebbe a pensare che l'origine sia spagnola data la vicinanza con l'isola sarda...).

Una delle declinazioni più classiche di questa ricetta è la catalana di gamberi, perché tra tutti i crostacei i gamberi sono senz'altro tra quelli più apprezzati e anche più abbordabili dal punto di vista economico. Trovate il video della catalana di gamberi sul nostro canale youtube.

Varianti della catalana

La ricetta dei crostacei alla catalana, però, non ha un'esecuzione ben definita e codificata, anzi, ne esitono tantissime varianti. Tendenzialmente i crostacei vanno bolliti o cotti al vapore e serviti freddi o tiepidi con verdure di stagione crude tagliate a julienne, questa è la catalana più classica, ma personalmente ho visto servire in alcuni ristoranti la catalana con i crostacei gratinati al forno, oppure con frutti esotici come l'ananas e il maracuja, o ancora abbinata alla frutta secca o ad alcune spezie come lo zafferano o il curry e c'è anche chi unisce delle salse a base di yogurt, maionese o panna acida. Insomma da quella che è una semplicissima ricetta di base ognuno poi ci mette il proprio estro e la propria fantasia.

Ricetta della catalana di crostacei

Catalana Crostacei

Cercando di rimanere sul classico, consiglio di preparare una vinaigrette semplice ma efficace con olio, succo di limone e aceto (meglio se di mele o di riso, meno aggressivi), alla quale si possono aggiungere volendo degli ingredienti aromatizzanti come il basilico, la menta, i semi di senape, il pepe o il peperoncino.

 

 

Per quanto riguarda la scelta dei crostacei dipende molto da cosa offre il mercato e dalle proprie tasche, si possono comprare solo dei gamberi decongelati, oppure anche scampi o mazzancolle, qualche canocchia e via via a salire fino all'astice e all'aragosta.

Consiglio vivamente l'abbinamento con le verdure, soprattutto quelle estive come il pomodoro e il peperone che donano al piatto, quasi esclusivamente a tendenza dolce dominante per via dei crostacei, un tocco di freschezza e acidità.

La catalana di crostacei è una ricetta leggera per natura, che può facilmente rispettare i vincoli della Cucina Sì, certo è che quando si prepara un piatto così sontuoso, le calorie dovrebbero essere l'ultimo dei nostri pensieri...

Autore:

Tempo di preparazione: 20

Tempo di cottura:

Tempo totale:

Ingredienti per 4 persone

  • 1 kg di crostacei misti (un astice o un'aragosta da soli pesano circa 600-800 g)
  • 1 peperone giallo
  • 4 pomodori rossi maturi
  • 1 cipolla di Tropea freschissima
  • 1 costa di sedano
  • qualche foglia di lattuga verde per decorare
  • sale e pepe q.b.
Per la vinaigrette
  • 6 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • 1 limone (il succo)
  • 2 cucchiaio di aceto di mele o di riso o balsamico
  • qualche fogliolina di basilico sminuzzata
  • peperoncino verde tritato (facoltativo)

Procedimento

Incidere i carapaci dei crostacei al centro per il senso della lunghezza così che durante la cottura si apriranno e saranno più semplici da sgusciare. Bollirli per pochi minuti in acqua salata (per l'astice e l'aragosta massimo 10 minuti di cottura, per gli altri bastano 3-4 minuti) e poi sgusciarli.

Nel frattempo lavare la verdura e tagliarla a julienne sottilmente.

In un vassoio da portata sistemare come letto le foglie di lattuga, quindi la verdura a julienne e per ultimi i crostacei, irrorare il tutto con la vinaigrette e servire portando in tavola sale, pepe e la vinaigrette rimasta così che ogni commensale possa servirsi.
La catalana si può servire sia fredda che tiepida.

Informazioni nutrizionali per porzione

 

Energia

318 kcal - 1329 KJoule

 

Proteine ad alto VB  

36 g

Proteine

36 g - 43%

Carboidrati

5 g - 6%

Grassi

19 g - 51%

di cui

 

saturi

2.6 g

monoinsaturi

11.3 g

polinsaturi

1.7 g

Fibre

1 g

Colesterolo

69 mg

Sodio

109 mg

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Burro fatto in casa: è vero burro?

Il burro fatto in casa è facile da produrre, ma molti si illudono che sia vero burro. Scopriamo perché spesso non lo è.


Crocchè (o panzarotti) di patate con prosciutto e mozzarella

I crocchè, o panzarotti, il grande classico del meridione, in versione ripiena di prosciutto e mozzarella filante.


Sushi

Il sushi: il piatto simbolo della cucina giapponese a base di pesce crudo, alghe e riso.


Il forno a microonde: come funziona, i rischi, come sceglierlo

Il forno a microonde: consigli e ricette. Ormai la maggior parte delle famiglie possiede un forno a microonde ma solo in pochi ne sfruttano a pieno le potenzialità.

 


Il forno a microonde: come utilizzarlo

Il forno a microonde: come utilizzarlo per ottenere i vantaggi maggiori, e quando non utilizzarlo.


Brodo di carne: ricetta, calorie, tagli e procedimento

Il brodo di carne (di manzo): i tagli, la preparazione, gli aromi, la cottura, le calorie.


Quale farina usare per la pizza?

Come scegliere la farina in base al tipo di pizza che si vuole preparare: la scelta dipende dall'idratazione e dalla lunghezza della lievitazione.


Muffa nella marmellata e nella confettura

La muffa nella marmellata e nella confettura si ha sopratutto in seguito ad errate modalità di preparazione o conservazione, che si verificano sopratutto a livello domestico.