Sanguinaccio dolce

Il sanguinaccio dolce è un dolce tipico di Carnevale, diffuso in molte regioni del Centro-Sud Italia (Campania, Calabria, Basilicata, Abruzzo, Marche) e consiste in una crema al cioccolato da abbinare alle chiacchiere fritte, in molte zone chiamate anche sfrappole o bugie. 

Non va confuso con il sanguinaccio "salato", un insaccato a base di sangue e frattaglie di maiale.

Il sanguinaccio dolce nasce come ricetta umile, di origine contadina, e veniva fatto in passato con il sangue fresco di maiale mescolato con farina e cacao, anche se ormai questa tradizione è scomparsa e gli ingredienti utilizzati sono principalmente cioccolato, cacao e cannella. Si presenta sottoforma di una crema, non proprio liscia ma vellutata e densa con all'interno dei pezzetti di frutta secca tritata e, a volte, canditi.

Il nome "sanguinaccio" deriva proprio dall'abitudine di usare sangue di maiale filtrato nel momento in cui si preparava la crema al cacao. Il sangue era un ingrediente che conferiva a questo dolce un sapore acidulo e amarognolo che nelle versioni attuali, senza sangue, non siamo più in grado di percepire. La vendita di sangue di maiale fresco è vietata in Italia dal 1992, ma non quella del sangue disidratato a bassa temperatura, che si trova in commercio e col quale si possono preparare tutti i tipi di sanguinaccio.

 

 

Alla scomparsa del sangue di maiale si sono, però, aggiunti altri ingredienti, spezie come la cannella o i chiodi di garofano, frutta come le noci o il cedro candito, cioccolato fondente. In alcune regioni si usa anche il vino cotto o il mosto d'uva in sostituzione al sangue di maiale, entrambi in grado di conferire un sapore acidulo alla crema.

In mancanza di sfrappole, il sanguinaccio si può abbinare anche a dei classici biscotti.

La ricetta del sanguinaccio dolce

Sanguinaccio dolce

Nella ricetta che proponiamo non aggiungiamo il sangue di maiale ma, se lo si riesce a reperire da un contadino o dal proprio macellaio di fiducia, basta tenere in considerazione che ne va mezzo litro in sostituzione al cioccolato e, ovviamente, va aggiunta più farina o amido di mais. La diatriba sull'uso della farina o dell'amido di mais o della fecola di patate come addensante è molto accesa. Sicuramente, l'amido di mais conferisce un aspetto e una consistenza più vellutati, mentre la farina o la fecola daranno come risultato una crema più densa e rustica come consistenza, quindi molto dipende dai gusti personali.

Non essendoci le uova, ma solo il latte, la crema sanguinaccio può essere resa vegana sostituendo il latte vaccino con un latte vegetale.

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Tempo totale:

Ingredienti per 20 porzioni (50 g a porzione)

  • 50 g di farina 00 o di maizena (per addensare la crema)
  • 20 g di burro
  • 300 g di zucchero
  • 100 g di cioccolato fondente
  • 100 g di cacao amaro in polvere
  • 500 ml di latte
  • 1 cucchiaino di cannella 
  • i semi di una bacca di vaniglia
  • a piacere noci tritate, canditi, chiodi di garofano

Preparazione

In una ciotola mescolare tra loro lo zucchero, la cannella, i semi di vaniglia, la farina (o l'amido) setacciata e il cacao. Aggiungere il latte a temperatura ambiente, mescolare con una frusta per evitare la formazione di grumi e versare il tutto in una pentola. Far addensare la crema lentamente, a fuoco basso, mescolando continuamente, per circa 10 minuti. A questo punto unire anche il cioccolato fondente a scaglie, i canditi, i chiodi di garofano e le noci, continuando a mescolare a fuoco basso. Per ultimo aggiungere il burro a tocchetti, sempre mescolando finchè il sanguinaccio non avrà una consistenza densa e setosa e un colore brillante. Spegnere il fuoco e travasare la crema in una ciotola, farla raffreddare quindi riporla in frigorifero (si mantiene per circa 7 giorni in frigorifero). 

Informazioni nutrizionali per porzione

 

Energia

224 kcal - 936 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

7 g

Proteine

9 g - 15%

Carboidrati

33 g - 57%

Grassi

7 g - 28%

di cui

 

saturi

4.3 g

monoinsaturi

2.2 g

polinsaturi

0.3 g

Fibre

0 g

Colesterolo

18 mg

Sodio

6 mg

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Dolma (foglie di vite ripiene)

Le foglie di vite non sono un ingrediente usuale in Italia ma vengono molto usate nella cucina mediorientale per fare i dolma, involtini ripieni di carne e riso.


Pasta al tonno in bianco

La pasta al tonno in bianco: un classico della cucina moderna poiché semplice e veloce. Fatta con il tonno in scatola sott'olio.


Pappa al pomodoro

La pappa al pomodoro: la preferita di Gian Burrasca, scopriamone la tradizione e la ricetta.


Civet di capriolo

Il civet di capriolo: una ricetta tradizionale di origine francese per cucinare la selvaggina e non solo.

 


Sanguinaccio dolce

Il sanguinaccio dolce: una crema al cioccolato che per tradizione veniva fatta con il sangue di maiale, tipica del periodo di carnevale.


Casatiello

Il casatiello napoletano salato: una torta salata tipica della cucina napoletana che si consuma a Pasqua. Fatta con pasta di pane condita con salumi e sormontata da uova sode.


Ragù di cervo

La ricetta del ragù di cervo: un condimento da abbinare alla polenta oppure alla pasta fresca all'uovo. Tutti i consigli per trattare al meglio la carne di selvaggina.


Gnocchi alla romana

Gli gnocchi alla romana, fatti di semolino e non di patate, sono un primo piatto tradizionale laziale.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.