Crema catalana (senza panna e senza cannello)

La crema catalana è una crema di origine spagnola, tipica della regione della Catalunia (la regione con capitale Barcellona). Si tratta di una semplice crema pasticcera aromatizzata con limone e cannella, la cui particolarità principale è quella di essere preparata con uno strato di zucchero in superficie che viene fatto caramellare. Tradizionalmente questa operazione veniva effettuata con un disco di ferro rotondo (chiamato "ferro per cremar"), dotato di apposito manico, arroventato nelle braci o sul fuoco. Dopo aver cosparso la crema catalana di zucchero, il ferro veniva appoggiato sulla crema catalana caramellandolo all'istante e producendo un piacevole contrasto tra il caldo dello zucchero e il freddo della crema.

 

 

La crema catalana esiste in diverse varianti, per esempio con la buccia d'arancia al posto del limone, che si sposa molto bene con la cannella, oppure con altre spezie al posto della cannella, come i semi di finocchio. La crema catalana va accompagnata solo con acqua, come consiglia l'istituto catalano del vino.

 

 

Sì o No?

La crema catalana è una semplice crema pasticcera e quindi può essere preparata in mille varianti, ed essendo un dolce al cucchiaio naturalmente ipocalorico, può essere anche preparato nella sua versione "Sì" da 150 kcal per 100 g, utilizzando le proporzioni "classiche", ma sottraendo 50 g di zucchero che andranno riportati in superficie e caramellizzati: 1 litro di latte parzialmente scremato, 10 tuorli, 150 g di zucchero. Non fatevi spaventare dalla quantità di tuorli, una crema pasticcera da pasticceria ne contiene quasi il doppio! Al di sotto del tuorlo per ogni 100 g di latte la crema diventa troppo gelatinosa e magra.

Questa crema pasticcera ha 135 kcal per 100 g: aggiungendo altri 50 g di zucchero da caramellare in superficie si rimane comunque poco sopra le 150 kcal per 100 g che rendono la crema catalana Sì adatta anche in un'alimentazione ipocalorica (ovviamente, essendo un dolce, va comunque mangiato ogni tanto, non di certo quotidianamente!).

La ricetta della crema catalana

Crema catalana

Come accennato in precedenza, per preparare la crema catalana è sufficiente cucinare una crema pasticcera aromatizzata con scorza di limone o arancia, e cannella. La parte difficile è quella relativa alla bruciatura dello zucchero in superficie che si può effettuare con un cannello da pasticceria oppure con il grill del forno… A meno che non si possieda il "ferro per cremar"!

Di seguito trovate la versione light, o meglio la versione "Sì", da circa 150 kcal/hg, per renderla "tradizionale" è sufficiente aumentare i tuorli a 15/18 per litro di latte, come in una comune crema pasticcera, e aumentare lo zucchero di 30 g.

 

 

Molte ricette della crema catalana prevedono l'utilizzo della panna in aggiunta al latte, anche la crema pasticcera che degustate in pasticceria è spesso fatta usando un 20% circa di panna (al posto di un litro di latte si utilizzano 800 g di latte e 200 g di panna). La panna rende la crema sensibilimente più calorica, ma anche più gustosa e densa. Noi proponiamo una versione senza panna, ma ovviamente potete optare per la sua aggiunta, se desiderate un prodotto più ricco.

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Tempo totale:

Ingredienti per 6/8 porzioni

  • 1 litro di latte
  • 10 tuorli d'uovo
  • 200 grammi di zucchero
  • 60 g di zucchero di canna per la copertura
  • 70 grammi di maizena
  • la buccia di un limone
  • un pezzetto di cannella

Preparazione

Rimuovere la scorza dal limone e metterla a cuocere nel latte insieme alla cannella, non appena prende il bollore spegnere e far riposare 5 minuti. Nel frattempo, mescolare la maizena con poco latte fino a farla disperdere completamente, quindi unire i tuorli e 200 g di zucchero e mescolare bene. Aggiungere il composto al latte dopo aver tolto limone e cannella, e cuocere a fuoco medio mescolando in continuazione con una frusta finché non si addensa, avendo cura di mescolare vigorosamente nell'ultima fase della cottura, mentre si addensa. Versare nelle coppette monoporzione e far raffreddare molto bene in frigorifero, per almeno due o tre ore, quindi cospargere 15 g di zucchero di canna per ogni coppetta su tutta la superficie e farlo caramellizzare sotto il grill del forno a una distanza di 5-10 cm (variabile a seconda della potenza del grill), per qualche minuto, guardandolo a vista. Altrimenti utilizzare il cannello da pasticceria. Servire immediatamente.

Informazioni nutrizionali per porzione

 

Energia

290 kcal - 1212 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

6 g

Proteine

6 g - 7%

Carboidrati

64 g - 83%

Grassi

3 g - 9%

di cui

 

saturi

2.8 g

monoinsaturi

0.8 g

polinsaturi

0.2 g

Fibre

0 g

Colesterolo

34 mg

Sodio

2 mg

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina

Polpette di tonno e patate al forno

Cerchi una ricetta per far mangiare il pesce in modo divertente ai propri figli? Una soluzione potrebbe essere rappresentata dalle polpette di tonno e patate al forno.

Torta di mele light: può un cibo essere dietetico?

Spesso i dolci sono spesso banditi dalle diete, anche se in realtà è possibile preparare torte leggere e non eccessivamente caloriche.

Torta tenerina: la ricetta originale

La torta tenerina è forse uno dei dolci più diffusi e preparati in Italia: semplicissimo da preparare e adatto anche a chi è alle prime armi.

Guacamole allo zenzero con mele e gamberi

Guacamole allo zenzero con mele e gamberi: una variante sfiziosa della salsa di origine messicana, per stupire i vostri ospiti.

 

Vellutata di castagne, quenelles di zucca e gamberi rossi lardellati

La vellutata di castagne, quenelles di zucca e gamberi rossi lardellati è una ricetta un po' elaborata, ma che non richiede particolari abilità e di sicuro stupirà i vostri ospiti.

Gnocchi di spinaci con porri e fonduta di parmigiano

Gli gnocchi di spinaci sono una variante degli gnocchi tradizionali, scopriamoli in abbinamento a un letto di porri e alla fonduta di parmigiano.

Crostata meringata al limone e zenzero

La crostata meringata al limone e zenzero è una variante molto interessante del classico dolce di origine anglosassone.

Involtini di sgombro ripieni di patate e uvetta

Gli involtini di sgombro ripieni di patate e uvetta sono una ricetta sfiziosa, non troppo complicata da realizzare, economica, salutare, e dall'impatto visivo molto interessante.