Pomodori gratinati

I pomodori gratinati, anche detti pomodori al gratin, sono un classico piatto della cucina tradizionale italiana diffuso soprattutto in estate, quando i pomodori sono di stagione, più saporiti e succosi.

 

 

I pomodori gratinati vengono preparati tagliandoli a metà, poi sormontandoli con un trito di pan grattato, erbe aromatiche, aglio e olio e quindi cotti sulla griglia oppure in forno.

Oltre ai pomodori si possono gratinari altri tipi di verdure, come i peperoni, le zucchine, le melanzane, le cipolle, le patate o i funghi, e anche alcuni pesci come le sogliole, o la pasta.

I pomodori gratinati sono considerati un contorno classicamente da abbinare alla carne alla griglia, ma anche a salumi e formaggi.

In Italia esistono numerose varianti dei pomodori al gratin, a seconda delle regioni e della tradizione di ogni singola famiglia, ma le variazione riguardano più che altro il tipo di erbe aromatiche usate, o l'aggiunta facoltativa del parmigiano grattugiato.

In Puglia esiste una versione della ricetta che usa anche le acciughe e i capperi.

Pomodori gratinati

La cottura al gratin deriva dal metodo francese "au gratin", che significa "grattare", "grattugiare", ad indicare il pane o il formaggio che viene grattugiato sopra l'ingrediente prima di cucinarlo.

Ricetta dei pomodori gratinati

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Tempo totale:

Ingredienti per 4 persone

  • 8 pomodori rossi maturi della varietà a grappolo
  • 100 g di pan grattato
  • 1 spicchio d'aglio
  • 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • 80 g di erbe aromatiche (prezzemolo, origano, timo, rosmarino, menta, secondo i gusti)
  • sale e pepe q.b.

Preparazione

 

 

Preparare il trito sminuzzando al coltello le erbe aromatiche e l'aglio, metterli in una ciotola assieme al pan grattato e all'olio.

Lavare bene i pomodori, asciugarli e tagliarli a metà nel senso orizzontale, privarli di gran parte dei semi e salarli e peparli in superficie, quindi ricoprirli con un bel cucchiaio di trito.

Disporli in una teglia da forno, irrorarli con dell'olio e cuocerli in forno già caldo a 180°C per circa 30 minuti, i pomodori saranno pronti quando la buccia inizia a colorarsi e a formare delle rughe e quando il trito sulla sommità diventerà dorato.

 

 

Una possibile variante, avendone la disponibilità, è quella di cuocere i pomodori su una griglia. 

Informazioni nutrizionali per porzione

 

Energia

154 kcal - 644 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

0 g

Proteine

4 g - 10%

Carboidrati

23 g - 57%

Grassi

6 g - 32%

di cui

 

saturi

1.7 g

monoinsaturi

3.8 g

polinsaturi

1.3 g

Fibre

1 g

Colesterolo

0 mg

Sodio

104 mg

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina

Ricette stufato di carne con il Multicooker Moulinex

Lo stufato di carne può essere preparato in maniera tradizionale oppure avvalendosi del Multicooker per accorciare i tempi di preparazione.

La Putana (torta vicentina ricetta originale)

La putana è una torta di origine vicentina, fatta con pane raffermo, farina di mais, farina di frumento, burro, latte, e altri ingredienti ad insaporire.

Tradizioni natalizie a Roma: 5 usanze

Questa guida vi porterà alla scoperta di cinque usanze tipiche romane che rendono il Natale nella Città Eterna un'esperienza da vivere almeno una volta nella vita.

Pasta salsiccia peperoni e funghi

Le pasta con salsiccia peperoni e funghi è un primo piatto molto gustoso e abbastanza facile da preparare. Scopriamone tutti i segreti iniziando dall'aspetto nutrizionale.

 

Sovracosce di pollo in umido light

Le sovracosce di pollo sono una parte del pollo molto interessante, perché non sono stoppose come il petto, non sono grasse e poco carnose come l'ala.

Pancake senza uova - Ricetta

Le pancake senza uova sono una variante dei pancake adatta per chi non può mangiare le uova, perché allergico.

Marmellata di more senza semi | Poco Zucchero | Con Fruttapec

Marmellata di more senza semi: scopri il trucco per eliminare i semi e preparare una marmellata con poco zucchero.

Gli italiani in tavola, cosa mangiano davvero?

Gli italiani in tavola, cosa mangiano davvero?