Rösti di patate

Guarda il video >>

Il rosti di patate (o, più correttamente, rösti) è un piatto tradizionale della cucina svizzera, in particolare del cantone di Berna, di lingua tedesca, diffuso anche nella cucina tedesca, austriaca e altoatesina.

 

 

In Svizzera il rosti è considerato un piatto nazionale, mangiato a colazione oppure durante altri momenti della giornata. In Alto Adige e negli altri Paesi germanici viene invece considerato un contorno.

La ricetta originale del rosti prevede pochissimi ingredienti: patate bollite e grattugiate mescolate con burro  e poi fritte nell'olio a formare delle frittelle di diverso diametro (da 5 a 20 cm).

Da questa ricetta molto semplice sono nate molte varianti che la rendono più ricca e sostanziosa: si possono aggiungere altre verdure (cipolle, carote, zucchine...) oppure carne di maiale (pancetta, speck), o ancora formaggio o mele nella versione dolce.

La variante del rosti alla zurighese, invece, unisce le patate alla carne di vitello sminuzzata e cotta in padella con la panna.

 

 

Il rosti perfetto: patate crude o lessate?

Esistono due scuole di pensiero riguardo alla preparazione di un perfetto rosti: la prima è quella che lascia le patate crude, la seconda, invece, le usa lessate. E poi, che tipo di patate usare? Per quanti minuti bisogna lessarle? Meglio lessarle con la buccia o senza buccia?

Nonostante sia un piatto semplicissimo, i cultori del rosti hanno creato un vero e proprio vademecum.
Innanzitutto occorre usare un tipo di patata che non si disfi durante la cottura ma, anzi, che rimanga soda. La patata più adatta è, dunque, quella a pasta gialla, meno farinosa e più resistente alla cottura, come per es. la varietà Monalisa, l'Agata o la Caesar.

Nel momento in cui si decide di lessare le patate prima di friggerle lo si deve fare con la buccia e il giorno prima, per poco tempo (10 minuti), poi vanno tenute in frigorifero così rimarranno sode e compatte. Questa preparazione è indicata nel caso in cui il rosti serva da contorno, per le uova all'occhio di bue, per le carni arrosto o stufate.

Le patate crude, invece, in pieno stile svizzero, si usano tagliate a julienne e poi fritte in abbondante olio per circa 20 minuti, senza mai girarle per evitare di sfaldarle. Così cotto, il rosti rimane molto croccante e viene servito come piatto principale, al massimo accompagnato da insalata o da formaggio.

Ricetta del rosti di patate

Rosti patate

Si può rendere il rosti più saporito aggiungendo le erbe aromatiche (rosmarino, salvia, menta, timo...) al posto della pancetta o del formaggio.

La ricetta che propongo è, comunque, quella originale, con la tecnica di cottura del soffritto nel burro, quindi impensabile come contorno di tutti i giorni, ma da relegare solo nelle occasioni speciali. Il burro è bene che sia chiarificato, che si comporta come l'olio in frittura, perché il burro non chiarificato raggiungerebbe molto velocemente il punto di fumo, bruciandosi e impedendo la corretta frittura delle patate.

 

 

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Tempo totale:

Ingredienti per 4 persone

  • 1 kg di patate a pasta gialla
  • 60 g di burro chiarificato
  • sale e pepe q.b.
  • erbe aromatiche (facoltativo)

Preparazione

Lessare le patate con la buccia per 10 minuti e riporle, quando raffreddate, in frigorifero per almeno 24 ore.

Pelare le patate e grattugiarle a julienne. Non mescolare mai le patate, altrimenti diventano un purè, e aggiungere il sale e il pepe (e volendo le erbe aromatiche) man mano che si stanno grattugiando.

Prendere una grande padella antiaderente piatta e scaldare 20 g di burro, versare le patate con l'aiuto di una spatola, lasciarle rosolare per 10 minuti, aggiungere sui bordi altri 20 g di burro e continuare la cottura a fiamma bassa per altri 10 minuti.

Poi aiutarsi con un coperchio per capovolgere il rosti e versare gli ultimi 20 g di burro, ultimare la cottura a fiamma vivace per altri 10 minuti.

Informazioni nutrizionali per porzione

 

Energia

326 kcal - 1363 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

0 g

Proteine

5 g - 7%

Carboidrati

35 g - 47%

Grassi

15 g - 46%

di cui

 

saturi

7.3 g

monoinsaturi

3.5 g

polinsaturi

0.4 g

Fibre

4 g

Colesterolo

38 mg

Sodio

26 mg

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina

Zeppole di San Giuseppe

Zeppole di San Giuseppe: i dolci tipici campani, diffusi un po' in tutto il sud Italia, a base di pasta per bignè che però viene fritta, dopo un passaggio in forno.

Busiate trapanesi (o busiata) - Ricetta

La busiata (o busiate): un formato di pasta siciliano da abbinare al pesto trapanese fatto con pomodori freschi, mandorle e basilico.

Crema pasticcera

La ricetta della crema pasticcera: la tecnica di preparazione, la scelta degli amidi, lo zucchero, i tuorli, i valori nutrizionali e le calorie.

Frittelle di mele - Gonfie e soffici

Le frittelle di mele sono un dolce tipico della regione Trentino Alto Adige, ma diffusa in tutta Italia. Scopri come farle gonfie e soffici!

 

Crema di nocciole proteica

Crema di nocciole proteica: una Nutella più saziante, proteica, meno calorica, adatta per gli spuntini golosi di chi vuole rimanere in forma.

Ricetta Rose del deserto con uvetta

Rose del deserto con uvetta: i biscotti di morbida pasta frolla avvolti con croccanti cornflakes, ricetta veloce, con o senza burro.

Pasticciotto leccese - Storia e ricetta originale

Pasticciotto leccese: la storia e la ricetta originale del dolce tipico pugliese a base di pasta frolla fatta con lo strutto, e crema pasticcera.

Gumbo (ricetta della Louisiana)

Il gumbo: una zuppa a base di riso, crostacei, carne e tante spezie tipica della cucina creola.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.