Rösti di patate

Guarda il video >>

Il rosti di patate (o, più correttamente, rösti) è un piatto tradizionale della cucina svizzera, in particolare del cantone di Berna, di lingua tedesca, diffuso anche nella cucina tedesca, austriaca e altoatesina.

 

 

In Svizzera il rosti è considerato un piatto nazionale, mangiato a colazione oppure durante altri momenti della giornata. In Alto Adige e negli altri Paesi germanici viene invece considerato un contorno.

La ricetta originale del rosti prevede pochissimi ingredienti: patate bollite e grattugiate mescolate con burro  e poi fritte nell'olio a formare delle frittelle di diverso diametro (da 5 a 20 cm).

Da questa ricetta molto semplice sono nate molte varianti che la rendono più ricca e sostanziosa: si possono aggiungere altre verdure (cipolle, carote, zucchine...) oppure carne di maiale (pancetta, speck), o ancora formaggio o mele nella versione dolce.

La variante del rosti alla zurighese, invece, unisce le patate alla carne di vitello sminuzzata e cotta in padella con la panna.

 

 

Il rosti perfetto: patate crude o lessate?

Esistono due scuole di pensiero riguardo alla preparazione di un perfetto rosti: la prima è quella che lascia le patate crude, la seconda, invece, le usa lessate. E poi, che tipo di patate usare? Per quanti minuti bisogna lessarle? Meglio lessarle con la buccia o senza buccia?

Nonostante sia un piatto semplicissimo, i cultori del rosti hanno creato un vero e proprio vademecum.
Innanzitutto occorre usare un tipo di patata che non si disfi durante la cottura ma, anzi, che rimanga soda. La patata più adatta è, dunque, quella a pasta gialla, meno farinosa e più resistente alla cottura, come per es. la varietà Monalisa, l'Agata o la Caesar.

Nel momento in cui si decide di lessare le patate prima di friggerle lo si deve fare con la buccia e il giorno prima, per poco tempo (10 minuti), poi vanno tenute in frigorifero così rimarranno sode e compatte. Questa preparazione è indicata nel caso in cui il rosti serva da contorno, per le uova all'occhio di bue, per le carni arrosto o stufate.

Le patate crude, invece, in pieno stile svizzero, si usano tagliate a julienne e poi fritte in abbondante olio per circa 20 minuti, senza mai girarle per evitare di sfaldarle. Così cotto, il rosti rimane molto croccante e viene servito come piatto principale, al massimo accompagnato da insalata o da formaggio.

Ricetta del rosti di patate

Rosti patate

Si può rendere il rosti più saporito aggiungendo le erbe aromatiche (rosmarino, salvia, menta, timo...) al posto della pancetta o del formaggio.

La ricetta che propongo è, comunque, quella originale, con la tecnica di cottura del soffritto nel burro, quindi impensabile come contorno di tutti i giorni, ma da relegare solo nelle occasioni speciali. Il burro è bene che sia chiarificato, che si comporta come l'olio in frittura, perché il burro non chiarificato raggiungerebbe molto velocemente il punto di fumo, bruciandosi e impedendo la corretta frittura delle patate.

 

 

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Tempo totale:

Ingredienti per 4 persone

  • 1 kg di patate a pasta gialla
  • 60 g di burro chiarificato
  • sale e pepe q.b.
  • erbe aromatiche (facoltativo)

Preparazione

Lessare le patate con la buccia per 10 minuti e riporle, quando raffreddate, in frigorifero per almeno 24 ore.

Pelare le patate e grattugiarle a julienne. Non mescolare mai le patate, altrimenti diventano un purè, e aggiungere il sale e il pepe (e volendo le erbe aromatiche) man mano che si stanno grattugiando.

Prendere una grande padella antiaderente piatta e scaldare 20 g di burro, versare le patate con l'aiuto di una spatola, lasciarle rosolare per 10 minuti, aggiungere sui bordi altri 20 g di burro e continuare la cottura a fiamma bassa per altri 10 minuti.

Poi aiutarsi con un coperchio per capovolgere il rosti e versare gli ultimi 20 g di burro, ultimare la cottura a fiamma vivace per altri 10 minuti.

Informazioni nutrizionali per porzione

 

Energia

326 kcal - 1363 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

0 g

Proteine

5 g - 7%

Carboidrati

35 g - 47%

Grassi

15 g - 46%

di cui

 

saturi

7.3 g

monoinsaturi

3.5 g

polinsaturi

0.4 g

Fibre

4 g

Colesterolo

38 mg

Sodio

26 mg

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina

Frittelle di mele - Gonfie e soffici

Le frittelle di mele sono un dolce tipico della regione Trentino Alto Adige, ma diffusa in tutta Italia. Scopri come farle gonfie e soffici!

Scapece

Scapece ovvero la marinatura in aceto ed erbe aromatiche di verdure o pesci fritti tipica del Meridione.

Alici marinate - Ricetta classica e veloce con aceto

Le alici marinate sono un piatto semplice, ma è importante adottare alcuni accorgimenti per essere sicuri del risultato. Scopriamo questa ricetta con aceto, vino e limone.

Pasta con pesto di pistacchi e gamberi

Pasta con pesto di pistacchi e gamberi: una raffinata e gustosa ricetta di origine siciliana, patria tanto dei gamberi, quanto dei pistacchi.

 

Zeppole di San Giuseppe

Zeppole di San Giuseppe: i dolci tipici campani, diffusi un po' in tutto il sud Italia, a base di pasta per bignè che però viene fritta, dopo un passaggio in forno.

Ziti alla genovese - Origini e ricetta napoletana

Ziti alla genovese: la ricetta originale napoletana di questo primo piatto a base di cipolle e carne di manzo.

Gulasch (o gulash) : ricetta originale e light

Il gulasch, il famoso piatto ungherese qui proposto con la ricetta originale, ma anche rivisitato in chiave dietetica.

Pici all'aglione - Ricetta toscana

I pici all'aglione sono un piatto di origine toscana, preparato con un particolare aglio molto grosso come dimensioni, ma più delicato.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.