Ratafià

Il ratafià è un liquore aromatizzato alla frutta che in Italia viene prodotto per lo più in Piemonte, in Valle d'Aosta e in Abruzzo, ma è diffuso anche in Catalogna (Spagna) e in Francia (soprattutto nel nord-est, nelle regioni di Champagne e Borgogna, entrambe grandi produttrici di vini e liquori).

 

 

Sia il ratafià piemontese che quello valdostano hanno ottenuto il riconoscimento come PAT (Prodotto Agrialimentare Tradizionale). 

Altri nomi con cui il ratafià è conosciuto sono ratafia (anche in spagnolo) o rataffia, a seconda delle zone.

Esistono due modi per produrre il ratafià: o partendo da una base di vino (in Abruzzo per esempio si utilizza il rosso Montepulciano d'Abruzzo), oppure creando un infuso di frutta, erbe e spezie in alcol puro.

Di solito il ratafià più conosciuto è a base di amarene o ciliegie, ma esistono tantissimi tipi di ratafià anche con agrumi (limoni e arance), pesche o mandorle. Tra le spezie più utilizzate ricordo i chiodi di garofano, la cannella, la vaniglia, il caffè, la noce moscata e tra le erbe si possono annoverare la menta, il rosmarino, l'anice, il ginepro.

 

 

In genere il tutto viene combinato con lo zucchero per dare origine a una bevanda alcolica dolce e profumata, da bere come dopo pasto.

Il ratafia si abbina bene al cioccolato fondente, a biscotti secchi come cantuccini, in generale a tutta la pasticceria mignon ed è indicato anche con il gelato o con la macedonia, soprattutto se bevuto fresco, ad una temperatura di 8°C.

La gradazione alcolica varia dai 14 ai 22% vol, a seconda della tecnica di produzione, sarà meno alcolico se prodotto con vino o più alcolico se prodotto con alcool.

La storia del ratafià

Ratafia

Il ratafià è una bevanda storica in Italia, in passato consumata molto più frequentemente di oggi, soprattutto nel Settecento e nell'Ottocento; ma ormai la tradizione è caduta un po' in disuso, eccezion fatta per alcune zone montane soprattutto della zona alpina tra il Piemonte e la Valle d'Aosta e sulla dorsale appenninica tra Abruzzo e Molise.

L'etimologia fa derivare il termine ratafia da un modo di concludere i contratti dell'epoca: "et sic res rata fiat", ossia "che la cosa sia valida". Il notaio ratificava così i vari atti e li rendeva validi con la sua firma.

In dialetto piemontese, però, si è perso il collegamento con il latino, e il "rata fià" indica letteralmente il "gratta fiato".

Il ratafià di Andorno: una bevanda storica

Fin dal Seicento prodotto solo ed esclusivamente nei monasteri, il ratafià iniziò ad essere commercializzato a livello laico e artigianale grazie al guizzo di Giovanni Rapa, un piccolo imprenditore di Andorno, un comune piemontese della provincia di Biella alle pendici del Monte Mars.

Il liquorificio Rapa, fondato nel 1880, esiste ancora.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Acqua riciclata: come, perché e usi pratici

L'acqua riciclata può essere realizzata a partire dall'acqua piovana anche a livello casalingo attraverso impianti specifici; essi non hanno costi elevati.


Pizza con kiwi: l'erede della pizza hawaiana

La pizza con i kiwi è stata di recente proposta da uno chef svedese, che ha ricevuto per questo anche diversi insulti per aver fatto un'offesa alla tradizione culinaria italiana.


Pizza con ananas: gusto, ricetta e variante gourmet

La pizza all'ananas è una variante nata in Canada ma molto diffusa in America. Il gusto è soggettivo: molti la apprezzano, altri la ritengono inaccettabile.


Kombucha: benifici e come si prepara

Il kombicha è una coltura simbionte di lieviti e batteri che viene usato per la preparazione di un tè che i microrganismi fermentano. I suoi benefici sono ancora in dubbio.

 


Cannucce commestibili: alternativa amica dell'ambiente

Le cannucce commestibili sono una valida alternativa a quelle di plastica, di cui consentono di ridurne l'uso. Sono state realizzate con diversi alimenti fra cui mais, zucchero e alghe.


Amido resistente

L'amido resistente è composto da quella parte di amido che resiste al processo di digestione (idrolisi) da parte degli enzimi digestivi dell'intestino tenue.


Carne vegetale: sembra carne ma non lo è

La carne vegetale, poco nota in Italia, è un preparato di origine vegetale che ha sapore, gusto e consistenza simili a quello della carne da allevamento.


Carne artificiale o coltivata: in laboratorio la carne etica

La carne artificiale, o coltivata, è un tipo di carne prodotta in laboratorio. La sua tecnologia di produzione è ancora da mettere a punto e i costi sono ancora elevati.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.