Chiodi di garofano

I chiodi di garofano sono i boccioli non ancora sbocciati della pianta arborea originaria delle Filippine e delle Molucche Eugenia caryophyllata.

 

 

I chiodi di garofano vengono colti ed essicati al sole due volte l'anno.

In cucina, i chiodi di garofano vengono utilizzati soprattutto nei dolci e nella frutta cotta, per aromatizzare il vin brulè, ma anche nelle preparazioni a base di carne a lunga cottura (stracotti, salmì, stufati), nella marinatura della selvaggina e nelle conserve.

Guida all'acquisto e utilizzo in cucina

Chiodi di garofano

I chiodi di garofano si presentano nella caratteristica forma di chiodo che ne ha tributato il nome. Si utilizzano prevalentemente interi, in infusione, anche se potrebbe essere comodo, per facilitare il dosaggio, ridurli in polvere con un macinaspezie.

I chiodi di garofano hanno un aroma forte, caldo, di tendenza dolce (il dolce è un sapore e non un aroma e quindi è opportuno non fare confusione... Aggiungendo l'aggettivo "tendenza") e piuttosto stucchevole, un po' come la cannella. Il loro utilizzo va quindi ben ponderato, per evitare di rendere troppo stucchevoli i piatti nei quali lo si utilizza.

L'aroma rilasciato dal chiodo di garofano dipende dal numero di chiodi messi in infusione e dal tempo di infusione, e dalla temperatura del liquido nei quali viene messo in infusione.

 

 

Per quanto riguarda i piatti salati, il chiodo di garofano si sposa bene con lae verdure dolci come la cipolla, cipolline e carote, nei sughi a base di pomodoro, soprattutto con i molluschi come il polpo. Viene utilizzato anche per aromatizzare la selvaggina, nelle marinate o in cottura.

Nei piatti dolci, trova il suo naturale abbinamento con le mele, in tutti i dolci in cui viene utilizzato il vino (infatti è l'ingrediente fondamentale nel vin brulè), nei dolci speziati in genere in abbinamento a cannella, anice stellato e pepe.

Per dosare i chiodi di garofano occorre un po' di pratica, anche perché il gusto è soggettivo. In linea di massima, un chiodo di garofano in infusione per almeno 10 minuti è sufficiente per aromatizzare una porzione di un piatto salato o dolce. Se rimane in infusione per un tempo inferiore, allora è opportuno raddoppiare le quantità.

Nelle marinate conviene mantenere le stesse proporzioni: la temperatura del liquido è molto inferiore, ma il tempo di permanenza è decisamente superiore.

Importante: trovarsi un chiodo di garofano sotto i denti può essere una esperienza spiacevole (provare per credere). Toglieteli prima di servire, oppure metteteli da parte nel piatto prima di iniziare a mangiare.

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione

L’alimentazione che ti migliora la vita: perché leggere The Open Ring

L’alimentazione che ti migliora la vita: perché leggere The Open Ring

Il digiuno: benefici, storia e evoluzione

Il digiuno: benefici, storia e evoluzione

L'aceto balsamico di Modena di Acetaia Leonardi nella cucina moderna: idee e ricette innovative

L'aceto balsamico di Modena di Acetaia Leonardi nella cucina moderna: idee e ricette innovative

Vitamine del gruppo B: in quali alimenti si trovano e quando integrarle

Tra i componenti più importanti rientrano le vitamine del gruppo B: vediamo in quali alimenti si trovano e quando integrarle.

 

Alimenti ricchi di vitamina B12 per una dieta equilibrata

La B12 è una vitamina che insieme a tiamina, riboflavina, niacina, acido pantotenico, piridossina, biotina e acido folico fa parte delle vitamine del gruppo B.

5 alimenti che supportano il sistema immunitario

Per contrastare la comparsa dei malanni di stagione, è fondamentale aiutare il sistema immunitario debole attraverso uno stile di vita più sano, l'assunzione di integratori e un'alimentazione equilibrata.

Alla scoperta del pangasio: perché fa bene e come usarlo in cucina

Il pangasio è un pesce che a oggi non è particolarmente conosciuto, tuttavia si sta sempre più ritagliando un ruolo di spicco sulle tavole di molte famiglie italiane.

Nutrizione Autunnale: Consigli per una Dieta Equilibrata

Con l’arrivo dell’autunno è normale avere voglia di cibi più calorici per contrastare l’abbassamento delle temperature, nonché rinforzare l’organismo per evitare i malanni di stagione.