Fico d'India

Il fico d'India (Ficus indica) è una pianta grassa appartenente alla famiglia dei Cactus originaria del Messico ma, data la sua grande adattabilità e la sua capacità di resistere alla siccità, si è nel tempo diffusa nei terreni aridi di tutto il mondo.

 

 

Durante la colonizzazione spagnola dell'America Centrale, nel Quattrocento, il fico d'India era considerato una delle merci più pregiate. In talia il fico d'India (scritto anche ficodindia) ha trovato il suo habitat naturale in Sicilia, Calabria, Sardegna, Basilicata e Puglia, tanto che negli anni si è affermato come prodotto tradizionale di queste terre.

Il fico d'India è una bacca che cresce ai bordi dei cladodi (le foglie grosse e carnose del cactus) molto variabile per dimensione (tondeggiante o ovale) e colore (dal giallo al rosso), dotata di spine esterne e tanti semi all'interno. La polpa è molto dolce e gustosa.

Fico d'India

Le varietà più coltivate in Italia sono la Gialla, la Bianca e la Sanguigna, a seconda del colore del fico d'India, per dare un effetto cromatico più attraente sul mercato.

Usi e proprietà del fico d'India

Il fico d'India può essere mangiato in numerosi modi: fresco, in salamoia, candito, in infusione per realizzare liquori e sciroppi, o cotto in marmellata. In Messico con il fico d'India si ottengono anche un miele ed un formaggio (detto "queso de tuna").

 

 

Si consiglia di consumare i fichi d'India con moderazione perchè i semi contenuti nella polpa possono essere causa di occlusioni intestinali, meglio se accompagnati dal pane la cui mollica assorbe i semini.

La polpa delle foglie e dei frutti del fico d'India viene usata anche dall'industria cosmetica e farmaceutica per realizzare creme, shampoo, lozioni per il corpo, rossetti. Le proprietà riconosciute al fico d'India sono quelle di mantenere il buono stato di salute, prevenire lo stress e l'invecchiamento cellulare, essere diuretico e cicatrizzante.

Infine, la pianta del fico d'India è usata anche per realizzare gomme, fibre e adesivi. 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Amaranto: superfood o alimento inutile?

Amaranto: alimento fondamentale per gli Aztechi e gli Incas, riscoperto dagli occidentali negli anni 60.


Semi di canapa: cosa sono, effetti e valori nutrizionali

I semi di canapa sono prodotti dalla Cannabis sativa ma che non hanno il principio attivo a livello cognitivo. Hanno invece molti nutrienti e diversi potenziali effetti benefici.


Miele - Liquido o cristallizzato?

Il miele cristallizzato: quando il miele da liquido può andare incontro ad un processo di cristallizzazione?


Miele: il percorso dal nettare al vaso

Il miele: il dolcificante più antico, purtroppo poco consumato in Italia. Scopriamone tutti i segreti e le proprietà.

 


Quinoa: superfood o prodotto INUTILE?

La quinoa: uno pseudocereale considerato da molti un superfood per la qualità delle sue proteine, a nostro parere un cibo esotico inutile.


La dieta fast 5:2 (digiuno intermittente)

La dieta fast 5:2 (digiuno intermittente): è davvero possibile dimagrire con una forte restrizione calorica di soli due giorni la settimana?


Ionoforesi: definizione, applicazioni, vantaggi e svantaggi

La ionoforesi è una tecnica usata per la somministrazione dei farmaci attraverso la veicolazione di una corrente continua.


Smetana: la panna acida dell'Est Europa

La smetana è una panna acida prodotta in alcuni paesi dell'Europa centrale ed orientale. Accompagna diversi piatti, sia di carne che di verdure.