Fico d'India

Il fico d'India (Ficus indica) è una pianta grassa appartenente alla famiglia dei Cactus originaria del Messico ma, data la sua grande adattabilità e la sua capacità di resistere alla siccità, si è nel tempo diffusa nei terreni aridi di tutto il mondo.

 

 

Durante la colonizzazione spagnola dell'America Centrale, nel Quattrocento, il fico d'India era considerato una delle merci più pregiate. In talia il fico d'India (scritto anche ficodindia) ha trovato il suo habitat naturale in Sicilia, Calabria, Sardegna, Basilicata e Puglia, tanto che negli anni si è affermato come prodotto tradizionale di queste terre.

Il fico d'India è una bacca che cresce ai bordi dei cladodi (le foglie grosse e carnose del cactus) molto variabile per dimensione (tondeggiante o ovale) e colore (dal giallo al rosso), dotata di spine esterne e tanti semi all'interno. La polpa è molto dolce e gustosa.

Fico d'India

Le varietà più coltivate in Italia sono la Gialla, la Bianca e la Sanguigna, a seconda del colore del fico d'India, per dare un effetto cromatico più attraente sul mercato.

Usi e proprietà del fico d'India

Il fico d'India può essere mangiato in numerosi modi: fresco, in salamoia, candito, in infusione per realizzare liquori e sciroppi, o cotto in marmellata. In Messico con il fico d'India si ottengono anche un miele ed un formaggio (detto "queso de tuna").

 

 

Si consiglia di consumare i fichi d'India con moderazione perchè i semi contenuti nella polpa possono essere causa di occlusioni intestinali, meglio se accompagnati dal pane la cui mollica assorbe i semini.

La polpa delle foglie e dei frutti del fico d'India viene usata anche dall'industria cosmetica e farmaceutica per realizzare creme, shampoo, lozioni per il corpo, rossetti. Le proprietà riconosciute al fico d'India sono quelle di mantenere il buono stato di salute, prevenire lo stress e l'invecchiamento cellulare, essere diuretico e cicatrizzante.

Infine, la pianta del fico d'India è usata anche per realizzare gomme, fibre e adesivi. 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Cibi ultra-processati: fanno davvero male?

I cibi ultra-processati sono definiti dalla classificazione NOVA che ne sconsiglia il consumo, appoggiata da diversi paesi. Rimane da capire come sostituirli in modo efficace.


Caffeina

La caffeina è la sostanza psicoattiva più consumata al mondo, contenuta in diverse piante come caffè, cacao, tè, cola, guaranà e mate.


Quanta caffeina (e caffè) al giorno?

La quantità di caffeina considerata sicura dipende dalle condizioni patologiche e fisiologiche del soggetto, ma anche dalla tollerabilità individuale.


Pasta di legumi: utile solo per la celiachia

La pasta di legumi è utile solo in caso di patologie che richiedano l'eliminazione del glutine dalla dieta, per diverse ragioni che vedremo in questo articolo.

 


Prosciutto cotto senza conservanti (nitriti)

Il prosciutto cotto senza conservanti (nitriti) si sta oggi diffondendo grazie a nuove tecniche non sempre rese note dalle aziende produttrici.


Gli alimenti trasformati o processati: la classificazione NOVA

I cibi processati o trasformati sono classificati secondo la classificazione NOVA che li distingue in base al tipo di processo di produzione a cui sono sottoposti.


Arachidi

Le arachidi, una specie di leguminose tipica dei Paesi sudamericani.


Cosa mangiare durante lo sport

Troppi atleti mangiano a sproposito durante gli allenamenti. In realtà dovrebbe mangiare solo chi fa allenamenti molto lunghi.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.