Pectina: di frutta, naturale, modificata

La pectina è un carboidrato non assimilabile, della categoria degli eteropolisaccaridi, ovvero i carboidrati complessi composti da una catena di molecole di glucidi diversi tra loro. Le pectine più comuni possiedono una struttura principale composta da catene di acido galatturonico, unite da legami glicosidici alfa-1,4.

 

 

La pectina è un tipo di fibra, e più precisamente viene classificata tra le fibre solubili.

La pectina in natura

La pectina si trova soprattutto nella frutta, in proporzione variabile a seconda della tipologia e dal grado di maturazione. Lo scopo della pectina è quello di cementificare lo spazio tra una cellula e l'altra, con il risultato macroscopico di esaltare la croccantezza dei frutti. Con la maturazione, vengono prodotti da parte del frutto degli enzimi (come la pectasi e la pectinasi) che determinano l'idrolisi progressiva della pectina: questo processo fa venire meno la capacità di irrigidire la struttura del frutto, che rammollisce progressivamente.

I frutti particolarmente ricchi di pectine sono le mele, le pere, le albicocche (ne contengono l'1-1,5%) e le arance (da 0,5 a 3%). La pectina, tuttavia, è presente soprattutto nella buccia dei frutti, quella delle arance ne contiene ben il 30%!

 

 

Utilizzi della pectina

La pectina è in grado di formare dei colloidi gelatinosi quando viene idratata, fenomeno esaltato dalla presenza di acidi e zuccheri. Questa caratteristica è sfruttata soprattutto per la produzione di marmellate, che grazie alla pectina assumono la tipica consistenza gelatinosa. I frutti che contengono naturalmente una quantità elevata di pectine consentono di produrre marmellate dense e gelatinose (è il caso di mele e pere), la marmellata fatta con i frutti più poveri deve essere addizionata di pectina per ottenere lo stesso risultato.

L'industria alimentare utilizza la pectina come additivo gelificante (con la denominazione E 440), soprattutto nelle confetture e nelle marmellate.

La pectina si estrae con processi industriali dalle mele, dalla sansa o dagli scarti della frutta, si trova abbastanza facilmente nei supermercati (molto diffuso è il prodotto Fruttapec di Cameo), anche se il suo utilizzo fa dosato in maniera diversa da quanto consigliato, come vedremo in un articolo specifico sull'uso della pectina per produrre marmellate.

Pectina e salute

Pectina

Le pectine, in quanto fibre solubili, ne condividono tutte le proprietà benefiche, che riassumiamo brevemente:

  • favoriscono la regolarizzazione del transito intestinale;
  • ritardano l'assorbimento di zuccheri a livello intestinale, diminuendone l'indice glicemico;
  • sequestrano gli acidi biliari, favorendo un abbassamento del colesterolo;
  • nutrono la flora batterica intestinale "buona".

La pectina si assume mangiando regolarmente frutta e verdura, e con una dieta variata che preveda il consumo di tutti i tipi di vegetali: in questo modo si consumeranno alimenti che contengono tutti i tipi di fibra, pectina compresa.

Pectina fatta in casa

La pectina si acquista in moltissimi supermercati, il prodotto più facilmente reperibile è Fruttapec di Cameo.

Si può anche produrre in casa, facendo sobbollire per 2 ore la buccia di frutti misti (di cui almeno il 50% di arance non trattate) e poi filtrando il liquido con 4 strati di garza per una notte intera.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Polenta istantanea: ricetta, calorie, tipologie

La polenta istantanea è una versione a cottura più veloce della classica polenta. Le tipologie sono differenti così come anche la qualità delle farine usate.


Bubble tea: la curiosa bevanda con perle di tapioca

Il bubble tea è una bevanda a base di tè, latte e perle di tapioca, di cui esistono però diverse versioni e ricette. Ha origini a Taiwan ma si sta diffondendo in tutto il mondo.


Polenta taragna: storia, ricetta e calorie

La polenta taragna è tipica della Valtellina, ma si trova in tutto il Nord Italia. A seconda della zona si usano formaggi diversi e condimenti diversi.


Glucosio

Il glucosio è lo zucchero semplice più importante, e la sostanza in assoluto più diffusa in natura.

 


Shirataki (konjac) - Pasta senza calorie

Gli shirataki, un tipo di noodles della cucina giapponese ottenuti dalla pianta del konjac e con pochissime calorie.


Polenta di mais

La polenta, bianca o gialla, è un tipico piatto povero del Nord Italia.


Saltare la colazione: fa male o fa dimagrire?

Saltare la prima colazione o farla non influisce sul peso corporeo nel lungo termine, ma alcuni studi a breve termine giungono a conclusioni diverse.


La buccia della frutta è ricca di vitamine?

La buccia della frutta non contiene in genere grandi quantità di vitamine, che sono per la maggior parte presenti invece nella polpa del frutto.