Street food palermitano

Non c'è altra città in Italia dove il cibo di strada sia religione come Palermo considerata una delle più importanti città del cibo di strada a livello mondiale. A Palermo, infatti, si può mangiare street food tutto l'anno, tutti i giorni, non solo durante il Palermo Street Food Fest, organizzato ogni anno in dicembre prima di Natale, anche perché in quell'occasione arrivano venditori ambulanti da tutta Italia e da tutto il mondo e le specialità siciliane rischiano di passare inosservate.

 

 

Passeggiando per le strade di Palermo è estremamente semplice imbattersi in stand che vendono le specialità palermitane pronte per un consumo veloce, in piedi e con le mani, sia salate che dolci.

Tra i migliori posti per gustare il vero street food palermitano ricordiamo due mercati di quartiere, il mercato Il Capo e il mercato di Ballarò, in pieno centro storico.

 

 

La cucina tipica palermitana è, da sempre, una cucina di strada, già da quando i buffittieri (la versione palermitana di "coloro che preparano un buffet") vendevano cibo sui banconi disposti per strada e cercavano di accaparrarsi clienti al grido di "Assazzasse" (Assaggi, prego).

Insomma, lo street food palermitano non è una moda degli ultimi anni ed è rimasto rustico, affollato e pieno di colore proprio come agli inizi del Novecento quando il pittore Renato Guttuso immortalò una scena del mercato Vucciria di Palermo (foto a lato). Purtroppo oggi di questo mercato non è rimasto granché: qualche venditore di pesce, frutta e verdura, carne alla griglia dal tardo pomeriggio, qualche bar e poco più.

Vucciria Guttuso

Lo street food palermitano è, prevalentemente, basato su alimenti terrestri (tantissima carne e frattaglie), ma non mancano alcune chicche ittiche, tantissime specialità fritte, prodotti di panetteria e, ovviamente, quelli di pasticceria. Sicuramente, anche i vegetariani troveranno pane per i loro denti.

I cibi di strada palermitani

Cibo strada palermo palermitano

Proviamo a fare un excursus il più completo possibile tra i cibi di strada palermitani, in ordine alfabetico, non di importanza.

Arancine di riso: a Palermo l'arancino è "fimmina", ma la sostanza non cambia, sono sfere ripiene di riso condito con ragù (di carne o di piselli, solitamente aromatizzato con caciocavallo e zafferano) e poi fritte.

Babbaluci: le lumache di terra cotte in padella con aglio e prezzemolo (solo in estate).

 

 

Cannoli: chiamati "cannulicchi" a Palermo, la loro patria natia, sono cilindri di pasta fritta ripiena di ricotta di pecora, scaglie di cioccolato e canditi. A Palermo capita spesso di trovarne di dimensioni enormi!

Cassata: piccole monoporzioni da passeggio di questo dolce a base di ricotta di pecora.

Cicireddu: i pesciolini fritti serviti nel cono di carta paglia.

Crocché o cazzilli: sono crocchette di patate di forma stretta e allungata, aromatizzate al prezzemolo e spesso abbinate alle panelle.

Frittula (la frittola): sono un insieme di frattaglie di vitello, soprattutto cartilagini, che vengono soffritte nello strutto e conservate in un cesto di vimini. Viene servita raccogliendola con le mani dal frittularo e poi messa in un panino, oppure in un cono di carta paglia a mo' di chips. Questo è forse lo street food palermitano più misterioso ed estremo. Personalmente, è quello che metto al primo posto.

Fritturiedda: ossia un fritto di paranza alla palermitana con calamari, gamberi, triglie, sardine, acciughe.

Granita: da mangiare in qualsiasi momento della giornata, anche a colazione quando la si abbina alla tipica brioche col tuppo.

Insalata di arance: nasce proprio a Palermo questo piatto che abbina la dolcezza delle arance alla sapidità delle olive nere.

Iris: nata nel 1901 ad opera del famoso pasticcere Antonino Lo Verso, è una sorta di bombolone ripieno di ricotta, crema pasticcera o crema al cioccolato. A differenza del bombolone, che viene fritto in modo "semplice", l'iris viene impanata e fritta.

Mussu, masciddaru e carcagnuolu: il muso e le zampe del vitello bolliti e conditi con sale e limone, a volte arricchiti anche da un'insalata di cipolla, carota, sedano e olive.

Panelle: il companatico per lo street food chiamato pane e panelle, un panino ripieno di frittelle di farina di ceci. Ecco accontentati i vegetariani...

Panì cà meusa o miavusa (il panino con la milza): per realizzare questo panino si usa la milza bovina fritta nello strutto, ma a volte anche il polmone o la trachea. Il pane è quello tipico palermitano, circolare, soffice e ricoperto di semi di sesamo (la vastedda). Come condimenti si possono scegliere o semplicemente il succo di limone (e verrà chiamato zitello) oppure una grattugiata di ricotta e/o caciocavallo (in questo caso sarà maritato).

Purpu: il polpo cucinato dai purpari, bollito e condito con succo di limone e prezzemolo.

Stigghiola: si tratta di uno spiedino in cui si alternano cipolle e interiora di vitello, cotto sulla griglia.

U'Sfinciuni (lo sfincione): la pizza vista dai palermitani, alta e soffice, condita con pomodoro, cipolla, caciocavallo, capperi e acciughe.

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina

Biscotti savoiardi vegan

Savoiardi vegan: un classico biscotto adattato alla variante vegana.

Crema chiboust

La crema chiboust è una base della pasticceria sconosciuta ai non addetti ai lavori, composta da crema pasticcera e meringa italiana.

Stoviglie in legno: lavaggio, vantaggi e divieti

Le stoviglie in legno hanno dei vantaggi anche in termini ecologici, ma bisogna adottare alcune strategie per evitare contaminazione microbica degli alimenti.

Stoviglie in bambù: sono davvero sicure ed ecologiche?

Sebbene siano proposte come alternative ecologiche alle classiche in plastica, le stoviglie in bambù non sono nemmeno così sicure per le salute.

 

Pizza in Teglia Tutta Biga - Alta Idratazione

La pizza in teglia tutta biga, ad alta idratazione (75%): tutti i passaggi di questa pizza un po' complicata, ma dal risultato sorprendente.

Uova alla scabin o cyber egg: storia e ricetta

L'uovo alla scabin è una ricetta ideata dallo chef Davide Scabin che ripropone la perfezione del guscio d'uovo in chiave gourmet.

Polenta cotta al microonde

La polenta cotta al microonde presenta un grande vantaggio rispetto alla polenta istantanea. Scopriamolo insieme.

Le pentole antiaderenti sono cancerogene?

Le pentole antiaderenti sono in genere sicure se utilizzate correttamente, fatte secondo le norme europee e di buona qualità.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.