Granita

La granita è una preparazione simile al sorbetto, quello che cambia è la consistenza. Il sorbetto infatti è molto simile a un gelato, dove i cristalli di ghiaccio non si devono avvertire, mentre la caratteristica peculiare della granita è proprio la presenza dei cristalli di ghiaccio.

 

 

L’origine della granita è sconosciuta, ma è sicuro che già in antichità si conservasse la neve, compattandola e coprendola, da utilizzare nei mesi caldi insieme a succhi di frutta. Quando si scoprì che aggiungendo sale al ghiaccio si riusciva a diminuire la temperatura dell'acqua sotto lo zero, la neve conservata veniva utilizzata come elemento refrigerante, miscelata al sale, per raffreddare direttamente uno sciroppo di frutta: era nata la granita come la conosciamo oggi, e poi nel tempo si differenziarono due prodotti: la granita vera e propria e il sorbetto.

Granite d'Italia: la granita siciliana e la grattachecca

La granita è una ricetta tipicamente meridionale, dove troviamo diverse versioni a seconda della regione. Le versioni più conosciute sono la granita siciliana e la grattachecca, di origine romana ma diffusa anche a Napoli.

Granita

La granita siciliana è molto diversa dalle altre granite perché il composto di acqua, zucchero e frutta viene ghiacciato lentamente e mai completamente, mescolando continuamente il composto in modo tale da formare una pappetta che rappresenta la caratteristica peculiare della granita siciliana. Viene preparata al limone, ma anche alle mandorle o al caffè, e viene mangiata con il pane (oggi sostituito dalla brioche) soprattutto a colazione o come spuntino e mai a fine pasto.

Le granite con frutta secca (mandorle, pistacchi, ecc) e quelle con panna montata sono, caloricamente parlando, equivalenti a un gelato alle creme.

 

 

Le altre granite, come la grattachecca tipica di Roma e "a rattata" o "cazzimbocchio" di Napoli, vengono preparate con ghiaccio tritato mescolato a sciroppo di zucchero e succo di limone. Queste granite sono molto dolci e molto acide a causa della grande quantità di limone. Dunque, sono mediamente più caloriche di un sorbetto (160 kcal per 100 g contro le 130 di un comune sorbetto). Un tempo venivano preparate grattando letteralmente un blocco di ghiaccio (la "checca") per ricavare ghiaccio tritato al quale veniva aggiunto lo sciroppo di zucchero addizionato con la frutta. Oggi molto raramente viene utilizzato questo sistema preferendogli i classici mantecatori da granita oppure i frullatori nei quali si lavora il ghiaccio a cubetti.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Budelli per salumi: tipologie, proprietà, preparazione all'uso

I budelli per salumi sono di diverse tipologie, con pro e contro che vanno valutati a seconda del risultato desiderato.


Luganega trentina, veneta e lombarda

La luganega è un salume tipico del Nord Italia, in particolare delle regioni Trentino, Veneto e Lombardia, dove viene chiamata anche luganiga o luganica.


Cotechino

Il cotechino: il tipico salume che si consuma nel periodo natalizio con le lenticchie.


Salame

Salame: il tipico salume di carne macinata stagionato diversi mesi.

 


Uova di struzzo: valori nutrizionali, storia e curiosità

Le uova di struzzo sono le uova di uccello più grandi esistenti. Vengono usate sia a scopo decorativo che in cucina.


Uova di oca: proprietà e differenze con le altre uova

Le uova di oca sono più grandi di quelle di gallina e presentano delle differenze anche per quanto riguarda i valori nutrizionali.


Olio di crusca di riso: i reali benefici (pochi)

L'olio di crusca di riso ha diverse proprietà benefiche molte delle quali ancora da confermare.


Wet market: cosa sono e cosa provocano

I wet markets sono mercati in cui vengono venduti animali spesso ancora vivi e che vengono macellati al momento dell'acquisto.