Insalata di arance

L'insalata di arance è una ricetta tipicamente siciliana ormai conosciuta in tutto il resto dell'Italia.
Le origini di questo piatto vengono fatte risalire agli arabi, che a seguito dell'invasione della Sicilia hanno introdotto anche questa ricetta tra i loro lasciti culturali.

L'insalata di arance è un piatto povero, composto principalmente da arance, un frutto che si può rimediare praticamente ovunque, ma che vede la sua culla nella costa di Palermo, denominata Conca d'Oro proprio per la moltitudine di alberi di arance che lì crescono. È un piatto che di solito viene consumato d'inverno, in special modo sotto il periodo natalizio, o comunque finché si trovano le arance sui mercati, quindi fino a giugno.

È un piatto fresco e gustoso che può essere mangiato anche d'estate, ovvio che le arance trovate in vendita saranno di importazione e meno succose e gustose di quelle invernali e primaverili.

L'insalata di arance nella Cucina Sì

Insalata di arance

L'insalata di arance è un piatto ipocalorico molto adatto alla Cucina Sì. Può essere consumato come antipasto, come contorno o anche come piatto unico se oltre alle arance si uniscono aringa o baccalà, o molte verdure, quali finocchi, olive o valeriana. I condimenti usati possono essere ridotti al minimo visto che le arance sono già molto sugose e una buona idea per condire l'insalata di arance è quella di creare un'emulsione con il succo di arancia stessa e qualche spezia o erba aromatica, riducendo al minimo l'uso di olio.

 

 

Spezie e aromi da abbinare alle arance

Per dare un tocco in più all'insalata di arance si possono utilizzare varie spezie ed aromi, primo fra tutti il pepe nero, ma ideali sono anche la menta, il cardamomo o, per i palati più robusti, lo zenzero.

Le arance migliori per l'insalata

Quali arance scegliere per preparare un'ottima insalata? Sicuramente le migliori sono le Arance rosse di Sicilia IGP, le più gustose e succose, tra le quali ricordo le tre varietà, a parer mio, migliori da mangiare, oltre che da spremere: l'Arancia Tarocco, di un color aranciato scuro, la cui stagionalità va da dicembre a marzo; l'Arancia Sanguinella, dalla polpa di un colore rosso intenso, simile al colore del sangue, appunto, la cui stagionalità va da gennaio ad aprile, e tra quelle bionde ricordiamo l'Arancia Valencia, di un colore biondo, più chiaro degli altri due tipi, la cui stagionalità va da aprile a giugno.

Altrimenti le arance che si trovano d'estate sono di importazione.

L'importante è scegliere delle arance piuttosto acidule, non troppo dolci.

Ricetta dell'insalata di arance con finocchi e olive nere

Ingredienti per 4 persone

  • 4 arance
  • 2 finocchi
  • 1 cipolla rossa di Tropea (o un cipollotto fresco)
  • 30 g di olive nere con nocciolo

Per l'emulsione

  • il succo di un'arancia
  • un filo d'olio extra vergine di oliva
  • sale e pepe q.b.
  • qualche fogliolina di menta

Procedimento

Mondare la cipolla, tagliarla a fette molto sottili e riporle in una ciotola con dell'acqua fredda per almeno 10 minuti affinchè perda l'acidità e rimanga croccante. Lavare e sbucciare le arance eliminando anche la pellicina bianca esterna e gli eventuali semi. Tagliarle a fettine spesse circa 6 mm nel senso orizzontale, e riporle su un grande piatto da portata. Lavare e tagliare i finocchi anch'essi a fettine sottile nel senso orizzontale. Unire la cipolla sgocciolata, le olive ed i finocchi alle arance. A parte preparare l'emulsione con il succo di un'arancia spremuta, un filo d'olio, sale, pepe e qualche foglia di menta spezzettata, sbattere tutti gli ingredienti con una forchetta e poi condire l'insalata. Lasciar riposare per almeno 10 minuti affinchè si insaporisca e poi servire.

Ricetta dell'insalata di arance e aringa affumicata

Questa variante dell'insalata di arance è tipica delle tante borgate marinare sparse sul litorale siciliano. Abbina due ingredienti poveri ma molto gustosi, creando un gusto davvero particolare, in cui il sapore forte dell'aringa viene ammorbidito dalla dolcezza dell'arancia.

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Tempo totale:

Ingredienti per 4 persone

  • 4 arance
  • 1 aringa affumicata
  • 1 scalogno fresco
  • 2 cucchiai d'olio extra vergine di oliva
  • sale e pepe q.b.
  • 50 cl di latte (facoltativo)

Preparazione

Pulire l'aringa, spinarla e tagliarla a filetti non troppo sottili. Se l'aringa dovesse essere troppo salata o troppo secca, la si può ammorbidire ed addolcire lasciandola a bagno con poco latte. Affettare lo scalogno ad anelli larghi pochi millimetri e metterli in una ciotola con acqua e ghiaccio per circa 10 minuti, affinchè perda l'acidità e rimanga croccante. Lavare e sbucciare le arance eliminando anche la pellicina bianca esterna e gli eventuali semi. Fare questa operazione sopra una ciotola in cui raccogliere il succo delle arance che servirà poi come condimento. Tagliare le arance a spicchi. Sgocciolare lo scalogno dall'acqua, ed eventualmente l'aringa dal latte, quindi unire questi tre ingredienti in una zuppiera. Nella ciotola dove è stato raccolto il succo delle arance aggiungere l'olio, il sale e il pepe ed emulsionare con una forchetta. Aggiungere l'emulsione all'insalata, fare insaporire per una decina di minuti e servire. Quest'insalata va consumata sul momento perché, alla lunga il sapore dell'aringa attaccherebbe l'arancia e sovrasterebbe tutto.

Informazioni nutrizionali per porzione

 

Energia

131 kcal - 548 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

5 g

Proteine

6 g - 17%

Carboidrati

9 g - 26%

Grassi

8 g - 57%

di cui

 

saturi

0.9 g

monoinsaturi

5.2 g

polinsaturi

1.6 g

Fibre

2 g

Colesterolo

21 mg

Sodio

5 mg

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Faraona alla leccarda

La faraona alla leccarda: un ricco e gustoso secondo piatto umbro.


Farinata o cecina

La farinata ligure: una torta salata fatta con farina di ceci che vanta numerose imitazioni e varianti.


Il gusto: tatto e sensazioni chimiche indifferenziate

Il gusto: piccante, astringente, fresco, tutte le sensazioni di bocca non riconducibili al sapore e all'aroma.


Il gusto: sapore, profumo e aroma

Il gusto, le sensazioni di bocca, di olfatto, di vista e di consistenza con le quali giudichiamo un cibo.

 


Fritto misto all'italiana

Si fa presto a dire fritto misto all'italiana ma le varianti regionali sono tantissime.


Fritto di paranza

La paranza o il fritto di paranza: un piatto di mare che prevede una grande varietà di pesci con le lische fritti.


Saltimbocca alla romana

I saltimbocca alla romana: involtini di carne ripieni di prosciutto e salvia.


Semifreddo al torrone

Il semifreddo al torrone (o semifreddo al torroncino) è un grande classico della pasticceria italiana, vediamolo in due versioni, con base gialla e base bianca.