Zuppa di cipolle (ricetta francese)

Guarda il video >>

La zuppa di cipolle è un grande classico della cucina francese, considerata solitamente un antipasto, soprattutto nei mesi invernali per riscaldarsi e aprirsi lo stomaco prima del vero pasto.

In Francia viene chiamata soupe a l'oignon e in inglese french onion soupe, comunque sia la zuppa di cipolle è un piatto conosciuto e diffuso in tutto il mondo anche se con diverse varianti.

La ricetta classica, tradizionale, che risale al XVII secolo, prevede di soffriggere a lungo, fino a farle caramellare, le cipolle nel grasso (burro solitamente, o lardo o strutto), cuocerle in un brodo di carne, aggiungere dei crostini di pane tostato e del formaggio grattugiato e terminare la cottura nel forno così da gratinarla in superficie.

Una ricetta che a ben vedere è ipercalorica, ma che può essere facilmente adattata ai vincoli della Cucina Sì come abbiamo fatto in queste ricette:

 

 

Un po' di storia

Zuppa cipolle

La zuppa di cipolle è un piatto dalla lunga storia, ci sono testimonianze di questa ricetta già in epoca romana, d'altronde le cipolle sono un ingrediente povero, facile da coltivare e che ben si adattano a vari tipi di terreno, quindi per molti secoli è stato considerato un piatto povero. Il vero successo della zuppa di cipolle ci fu quando iniziò ad essere servita alla corte del re di Francia Luigi XV. La leggenda narra che fu il re stesso ad inventarsela quando, una notte, affamato, scese in cucina e la preparò con i primi ingredienti che trovò a portata di mano: burro, cipolle e champagne.

Nel 1831 fu pubblicata ufficialmente la ricetta della zuppa di cipolle alla francese nel ricettario "Libro di tutte le famiglie".

Sempre durante l'Ottocento in Francia venne creata la Società della cena a base di zuppa di cipolle, composta da 20 illustri membri che si riunivano regolarmente e iniziavano sempre la cena con una zuppa di cipolle.

Ricetta della zuppa di cipolle

Come anticipato, esistono numerose varianti di questo piatto. Per esempio c'è chi cuoce le cipolle nel latte, chi nel brodo e chi, semplicemente in acqua. La zuppa può essere addensata con farina o uova, frullata fino a renderla crema, gratinata oppure no. Qualche ricetta prevede anche di sfumare le cipolle con del vino bianco, oppure brandy o sherry. Ci può star bene anche la crosta del Parmigiano Reggiano che si ammorbidirà durante la cottura rilasciando il suo gusto.

Nella ricetta che propongo cerco di proporre una ricetta che si avvicina il più possibile a quella tradizionale francese.

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Tempo totale:

Ingredienti per 6 persone

  • 500 g di cipolle bianche
  • 50 g di burro
  • 1,5 litri di brodo di gallina
  • 100 g di vino bianco
  • 80 g di Gruyere
  • 20 g di farina 00
  • 12 fette di baguette spesse 2 cm
  • sale e pepe q.b.

Preparazione

Affettare finemente le cipolle, sciogliere il burro in una casseruola antiaderente, aggiungere le cipolle, salare, cuocere a fuoco medio-alto per 5 minuti, mescolando spesso, quindi coprire e cuocere a fuoco basso per 30 minuti, mescolando ogni 5 minuti. Quando le cipolle saranno completamente disfatte e avranno preso un colore giallo-arancio, sfumare con il vino bianco e quando sarà evaporato aggiungere la farina, cuocere per un minuto mescolando in continuazione, quindi unire il brodo, portare ad ebollizione e far sobbollire per circa 15 minuti. Regolare di sale e pepe.

Tostare il pane (tagliato a fette spesse 2 cm) in forno ventilato a 170 gradi, farlo seccare bene, rendendolo bello croccante.

Mettere due fette di pane in cocotte individuali, versare la zuppa, il pane verrà a galla, unire il formaggio grattugiato, mettere in forno sotto il grill a una distanza di 15 cm circa, accendere il grill e far gratinare il formaggio per circa 4-5 minuti (controllare a vista per evitare di bruciarlo).

Informazioni nutrizionali per porzione

 

Energia

291 kcal - 1216 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

7 g

Proteine

10 g - 14%

Carboidrati

33 g - 46%

Grassi

13 g - 40%

di cui

 

saturi

6.6 g

monoinsaturi

2.9 g

polinsaturi

0.5 g

Fibre

4 g

Colesterolo

57 mg

Sodio

453 mg

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Gramigna alla salsiccia

La gramigna alla salsiccia: la vera ricetta emiliana, senza panna, senza funghi, senza piselli, solo con ragù di salsiccia.


Angel cake

La Angel cake: può esistere davvero il cibo degli angeli? Provate questa torta sofficissima senza burro né uova.


Le mousse

Le mousse (o spume) sono preparazioni base della pasticceria molto ricche di aria, fatte con la pate a bombe e/o meringa italiana.


Fettuccine alla papalina

Le fettuccine alla papalina: un primo piatto tipico della cucina romana nato come variante della più famosa carbonara.

 


Pasta risottata con i cannolicchi

Pasta ai cannolicchi: un primo piatto di mare meno conosciuto di quello con le vongole ma altrettanto gustoso. Scopriamo come prepararli con la tecnica della pasta risottata.


Triglie alla livornese

Le triglie alla livornese: una ricetta semplicissima e ipocalorica che affonda le sue origini nei primi anni del Novecento.


Agnello (abbacchio) alla romana

Agnello o abbacchio alla romana: una ricetta gustosa per cucinare la carne di agnello abbinandolo alle acciughe sotto sale.


Spaghetti aglio olio peperoncino

Spaghetti aglio olio e peperoncino. La ricetta e le possibili varianti, come quella con olio a crudo.