Zuppa di fave e cicoria (macco pugliese)

Fave e cicoria non può che far venire in mente la Puglia, la regione da dove proviene questa ricetta, chiamata proprio così, dal nome dei due ingredienti che la compongono, fave e cicoria. Nel resto d'Italia è conosciuta solitamente come zuppa di fave e cicoria, oppure come macco pugliese, dove macco è il termine siciliano che indica la crema di fave secche tipica di Agrigento alla quale vengono aggiunte altre verdure stufate (in Sicilia la bietola, in Puglia la cicoria).

 

 

Secondo la tradizione questo piatto si mangiava il lunedì, poiché durante la domenica le famiglie andavano in campagna a raccogliere le "cicuredde" selvatiche.

Un piatto semplicissimo ma che sa abbinare bene due gusti tra loro: la tendenza dolce delle fave al il sapore amarognolo delle cicorie. Inoltre, questa ricetta è indicata nella Cucina Sì, poiché ipocalorica e se abbinata ad una fetta di pane tostato, senza esagerare con l'olio, può costituire un ottimo piatto unico.

Ricetta della zuppa di fave e cicoria

 

 

Zuppa fave e cicoria

Quella che propongo è la ricetta tradizionale di fave e cicoria pugliese, ma si possono fare variazioni, per esempio aggiungendo patate, cipolle e carote per rendere più cremoso e saporito il purè di fave come indicato in questa ricetta sì: Zuppa di fave e cicoria.

Autore: Andrea Tibaldi

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Tempo totale:

Ingredienti per 4 persone

  • 300 g di fave secche decorticate
  • 600 g di cicoria
  • 1 spicchio d'aglio
  • 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • sale e peperoncino q.b.
  • acqua q.b.
  • 4 fette di pane tipo pugliese

Preparazione

 

 

Mettere le fave secche in ammollo per almeno 6-12 ore (seguire i tempi indicati dalla confezione), quindi scolarle, sciacquarle e versarle in un tegame capiente con l'acqua che deve arrivare a coprirle del tutto. Cuocere a fuoco basso per almeno 2 ore, aggiungendo un po' di acqua calda se si asciugano troppo ed eliminando con una schiumarola la schiuma che si forma man mano in superficie. Le fave saranno pronte quando girando con un mestolo si sfalderanno, a questo punto sistemare di sale e renderle una purea con l'aiuto di un frullatore ad immersione (altrimenti possono essere lasciate anche così).
Lavare e pulire la cicoria, spezzettarla grossolanamente e bollirla in acqua salata per pochi minuti, quindi stufarla in padella con l'olio, l'aglio e il peperoncino.

Su una piastra rovente tostare le 4 fette di pane.

Impiattare la zuppa servendo prima la crema di fave, sopra la cicoria stufata e di fianco la fetta di pane.

Informazioni nutrizionali per porzione

 

Energia

287 kcal - 1200 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

2 g

Proteine

19 g - 26%

Carboidrati

38 g - 51%

Grassi

7 g - 23%

di cui

 

saturi

1.1 g

monoinsaturi

12.1 g

polinsaturi

1.4 g

Fibre

22 g

Colesterolo

0 mg

Sodio

9 mg

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina

Frittata di spinaci e mozzarella al forno

La frittata di spinaci e mozzarella è una ricetta per tutte le stagioni che si presta anche ad essere preparata in versione light.

Pizzoccheri della Valtellina

I pizzoccheri, il tradizionale primo piatto a base di grano saraceno tipico della Valtellina.

Sciatt - Ricetta originale valtellinese

Gli sciatt sono frittelle di grano saraceno tipiche della Valtellina, che racchiudono al loro interno un cuore di formaggio fuso.

Mousse al limone - Ricetta veloce senza uova

Mousse al limone: la ricetta veloce, senza uova, fatta solo con panna, succo di limone, zucchero e gelatina.

 

Crema catalana (senza panna e senza cannello)

La crema catalana, versione tradizionale e light: di origine spagnola è una crema pasticcera con uno strato di zucchero caramellato in superficie.

Bavarese alle fragole - Ricetta

La torta bavarese, o la bavarese, è un dessert di origine francese composto da crema inglese, gelatina e panna montata: oggi vi presentiamo la versione alle fragole.

Marmellata di fichi

La marmellata di fichi è di facile realizzazione e non richiede per forza la pectina: scopriamo come farla con poco zucchero.

Marmellata di fragole con aceto balsamico

Marmellata di fragole con aceto balsamico: scelta della frutta, quantità di zucchero, uso della pectina, cottura e invasettamento.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.