Marinatura

La marinatura è una tecnica di trasformazione dei prodotti alimentari che prevede l’abbassamento del pH (acidificazione) come meccanismo per aumentarne la conservabilità. L'abbassamento del pH inibisce molti microorganismi, così come la salagione, con il conseguente aumento di stabilità e sicurezza dei prodotti.

 

 

La marinatura viene fatta con soluzioni contenenti: aceto (l'acidificazione è causata dall'acido acetico), succo di limone (acido citrico), con l'aggiunta di oliosale e in alcuni casi anche zucchero che serve sia per disidratare il prodotto potenziando così l'effetto conservante, sia per bilanciare il sapore acido che non tutti gradiscono.

A livello industriale si deve stare attenti a creare rapporti tra i vari ingredienti in grado di assicurare una corretta stabilità batteriologica tale da consentire almeno 3 mesi di conservabilità. A livello casalingo, invece, dove non è possibile controllare agevolmente il livello del pH, conviene consumare l'alimento marinato entro pochi giorni (3 al massimo).

Tra le ricette più conosciute che prevedono una marinatura ricordiamo:

 

 

Possiamo distinguere 2 tipi diversi di prodotti marinati, a seconda della materia prima di partenza:

  • I marinati crudi
  • I marinati cotti

I marinati crudi

Marinatura Cibi marinati

La materia prima è solitamente costituita da verdure, pesce o carne crudi. Il pH viene fatto arrivare a 4,5 o anche a valori inferiori che solo alcuni tipi di carni riescono a sopportare mantenendo un loro sapore distinguibile. Per esempio, se si volesse marinare un pesce bianco o una carne bianca dal sapore delicato, occorrerebbe usare una marinatura più blanda, altrimenti il sapore leggero delle carni verrebbe completamente coperto dalle sostanze acide.

Va ricordato che la marinatura degli alimenti ittici crudi non protegge dal rischio Anisakis. Le alici marinate, un piatto onnipresente nella cultura gastronomica italiana, quando fatte in casa o comunque senza preventivo abbattimento, sono il prodotto a più altro rischio Anisakis in Italia. Quindi, nel momento in cui ci si appresta a marinare filetti di pesce crudo occorre usare un prodotto decongelato oppure fresco ma abbattuto secondo i tempi previsti dalla legge (a -20°C per 24h o a -35°C per 15 h).

I marinati cotti

Nel caso dei marinati cotti si alternano tre fasi: la prima è una cottura vera e propria, la seconda, invece, è un’operazione di raffreddamento e per ultima viene la marinatura del prodotto vera e propria.

La cottura iniziale può essere una lessatura, come nel caso delle insalate di mare, oppure una frittura, come nel caso delle sarde in saor o i marinati tipici ferraresi (anguilla in primis), o ancora una grigliatura o un arrostimento.

Dato che il prodotto viene cotto, il rischio Anisakis in questo caso non sussiste.

In generale i cotti possono essere marinati per tempi più brevi dei crudi e con soluzioni a più basso contenuto di acido acetico.

Fonte bibliografica: Colavita G. (a cura di), Igiene e tecnologie degli alimenti di origine animale, Le Point Vétérinarie Italie srl, I edizione, 2008

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Kombucha: benifici e come si prepara

Il kombicha è una coltura simbionte di lieviti e batteri che viene usato per la preparazione di un tè che i microrganismi fermentano. I suoi benefici sono ancora in dubbio.


Cannucce commestibili: alternativa amica dell'ambiente

Le cannucce commestibili sono una valida alternativa a quelle di plastica, di cui consentono di ridurne l'uso. Sono state realizzate con diversi alimenti fra cui mais, zucchero e alghe.


Amido resistente

L'amido resistente è composto da quella parte di amido che resiste al processo di digestione (idrolisi) da parte degli enzimi digestivi dell'intestino tenue.


Carne vegetale: sembra carne ma non lo è

La carne vegetale, poco nota in Italia, è un preparato di origine vegetale che ha sapore, gusto e consistenza simili a quello della carne da allevamento.

 


Carne artificiale o coltivata: in laboratorio la carne etica

La carne artificiale, o coltivata, è un tipo di carne prodotta in laboratorio. La sua tecnologia di produzione è ancora da mettere a punto e i costi sono ancora elevati.


Dieta Carb Lovers (dieta dei carboidrati)

Dieta Carb Lovers: un claim molto furbo quello di proporre i carboidrati per dimagrire, in realtà è la solita dieta da 1200 calorie.


Zapote nero: il frutto al cioccolato

Lo zapote nero è una pianta originaria del Sud America che ha poche calorie e un gusto simile a quello del cioccolato.


Eritritolo: il dolcificante salubre e senza calorie

L'eritritolo è un dolcificante naturale quasi privo di calorie, senza apparenti effetti collaterali e senza retrogusto. Ha un potere dolcificante soddisfacente.