Tempura

Il tempura, chiamato anche al femminile la tempura, è uno dei piatti della cucina giapponese più conosciuti e apprezzati in tutto il mondo. Si tratta di una frittura in pastella a base di gamberi, pesce e/o molluschi e verdure. Il tempura viene proposto praticamente da ogni ristorante giapponese anche da noi in Italia e viene servito come piatto unico, come contorno, oppure come accompagnamento di riso o pasta (come i tensoba o i tempura udon).

 

 

I pezzi che più comunemente troviamo nel tempura sono: Ebi (gamberi sgusciati a cui viene lasciata la coda per poterli prendere agevolmente con le mani), Nasu (melanzane), Kinoko (funghi), Kaboka (zucca), Satsumaimo (patata dolce), Kakiage (verdure a julienne come carote e zucchine), Sakana (filetti di pesce). Più raramente si possono trovare anche foglie di shiso che è un'erba aromatica tipica giapponese che somiglia molto alla nostra menta.

 

 

Ma praticamente tutto può essere trasformato in tempura, anche le capesante, i calamari, i germogli di bambù, il gombo, il gelato e così via.

I ristoranti in Giappone specializzati nella tempura vengono chiamati tempura-ya e un pezzo di tempura ha un costo variabile dai 100 ai 400 yen (circa 1-5€).

Il tempura viene generalmente servito accompagnato da salse e condimenti, come il sale aromatizzato al wasabi, la salsa di soia o il daikon grattugiato.

Origini e storia del tempura

Sembra che le origini della tempura coinvolgano sia il popolo giapponese che quello portoghese. Durante il Cinquecento, infatti, i missionari gesuiti emigrati dal Portogallo in Giappone importarono anche la loro abitudine di friggere le verdure pastellate in uova e farina durante i periodi di digiuno della Quaresima o delle Quattro Tempora (i giorni in cui i cristiani devono evitare il consumo di carne come il venerdì). Con la frittura rendevano le verdure più appetitose e dall'epoca a questo piatto rimase appiccicato il nome "tempora-tempura".

Durante i secoli successivi, però, i cuochi giapponesi rivisitarono il piatto e lo arricchirono aggiungendo i frutti di mare facendo acquistare al tempura sempre più popolarità.

Ricetta del tempura di gamberi e verdure

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Tempo totale:

Tempura

Sento spesso dire che la tempura è una frittura più leggera e più sana rispetto a quella classica a cui siamo abituati... Questo solo se viene comparata con una pastella densa, che forma uno strato spesso intorno al cibo, altrimenti non è vero. La tempure è pur sempre una frittura, un piatto ipercalorico, tale e quale alla nostra, non ha ingredienti magici al suo interno. Viene preparata con una pastella molto liquida, in cui si utilizza una farina debole, spesso addizionata con amidi (farina di riso) che la rendono ancor più croccante. La pastella liquida fatica ad aderire al cibo, per questo forma uno strato molto sottile che, se eseguita bene, rimane croccante, ma tuttavia non stiamo parlando di niente di spettacolare, né particolarmente leggero. La tecnica più interessante, originale e di grande effetto visivo e gustativo di preparare la tempura è quella fatta con le bricole, che illustreremo in seguito (ma che dal punto di vista salutistico è sicuramente peggio).

 

 

Il segreto per una buona frittura, leggera e croccante al palato ma non in termini di calorie, come spesso abbiamo ribadito, risiede nella scelta dell'olio, un olio di semi con un alto punto di fumo, come quello di arachidi e nell'individuazione della temperatura giusta: l'olio deve raggiungere per la tempura una temperatura di 170-180°C. Sarebbe ottimo dotarsi di un termometro da cucina, oppure ci si può regolare immergendo un pezzo di verdura e verificando che l'olio inizi a sfregolare formando tante piccole bollicine.

Di seguito riportiamo la ricetta che nel mondo anglosassone chiamano "Crunchy Tempura Flakes", ossia la tempura con la tecnica delle bricioline.

Ingredienti per 4 persone

  • 16 code di gamberi
  • 1 carota
  • 1 zucchina
  • 1/2 melanzana
  • 4 funghi champignon
  • olio di semi di arachide q.b. per friggere
  • sale q.b.

Per la pastella:

  • 2 uova (solo gli albumi)
  • 200 g di farina 00 e/o di riso 
  • 400 ml di acqua fredda

Procedimento: lavare e mondare le verdure, tagliarle a listarelle e asciugarle bene, fare la stessa cosa con i gamberi e tenere tutto in frigorifero finché non si è pronti per la frittura. Prepare la pastella mescolando l'acqua fredda con la farina e gli albumi delle uova mescolando con una frusta, fino ad ottenere un composto denso e cremoso come quello delle crepes. Filtrare la pastella con un colino in un altro contenitore per eliminare i grumi di farina. Mettere l'olio a bollire e quando avrà raggiunto la temperatura di 170°C versare un po' di pastella (le dosi sono raddoppiate appositamente) facendola cadere a filo dall'alto (30 cm circa), lasciarla sfregolare in modo che si formino le bricioline o fiocchi (flakes). Dopo 30 secondi circa, quando le briciole si sono indurite a sufficienza, impastellare il gambero (o la verdura), raccogliere una parte delle briciole con un cucchiaio sul bordo della pentola, adagiarvi sopra l'alimento affinché le briciole vi aderiscano, quindi friggerlo normalmente, fino a cottura, asciugarlo dall'olio in eccesso e continuare in questo modo finché le briciole non sono esaurite. A questo punto preparare delle altre briciole e continuare in questo modo per tutti gli altri alimenti da friggere.

Informazioni nutrizionali per porzione

 

Energia

489 kcal - 2044 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

14 g

Proteine

18 g - 14%

Carboidrati

49 g - 39%

Grassi

26 g - 47%

di cui

 

saturi

3.0 g

monoinsaturi

10.4 g

polinsaturi

12.8 g

Fibre

2 g

Colesterolo

61 mg

Sodio

127 mg

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina

Polpette di tonno e patate al forno

Cerchi una ricetta per far mangiare il pesce in modo divertente ai propri figli? Una soluzione potrebbe essere rappresentata dalle polpette di tonno e patate al forno.

Torta di mele light: può un cibo essere dietetico?

Spesso i dolci sono spesso banditi dalle diete, anche se in realtà è possibile preparare torte leggere e non eccessivamente caloriche.

Torta tenerina: la ricetta originale

La torta tenerina è forse uno dei dolci più diffusi e preparati in Italia: semplicissimo da preparare e adatto anche a chi è alle prime armi.

Guacamole allo zenzero con mele e gamberi

Guacamole allo zenzero con mele e gamberi: una variante sfiziosa della salsa di origine messicana, per stupire i vostri ospiti.

 

Vellutata di castagne, quenelles di zucca e gamberi rossi lardellati

La vellutata di castagne, quenelles di zucca e gamberi rossi lardellati è una ricetta un po' elaborata, ma che non richiede particolari abilità e di sicuro stupirà i vostri ospiti.

Gnocchi di spinaci con porri e fonduta di parmigiano

Gli gnocchi di spinaci sono una variante degli gnocchi tradizionali, scopriamoli in abbinamento a un letto di porri e alla fonduta di parmigiano.

Crostata meringata al limone e zenzero

La crostata meringata al limone e zenzero è una variante molto interessante del classico dolce di origine anglosassone.

Involtini di sgombro ripieni di patate e uvetta

Gli involtini di sgombro ripieni di patate e uvetta sono una ricetta sfiziosa, non troppo complicata da realizzare, economica, salutare, e dall'impatto visivo molto interessante.