Olio di arachide

L'olio di arachide o olio di arachidi è l'olio ottenuto dalla spremitura dei semi di arachide, comunemente conosciute come noccioline, della pianta Arachis hypogaea della famiglia delle leguminose, originaria del Sudamerica.
Quest'olio viene estratto per pressione o attraverso l'utilizzo di solventi e successivamente raffinato per renderlo idoneo al consumo alimentare. La resa orientativa dai semi all'olio di arachide è di circa il 40-50% del loro peso. Generalmente i prodotti industriali sono adatti anche a chi è allergico alle arachidi, poiché il processo di raffinazione elimina completamente gli allergeni, ma nel caso in cui l'olio venga estratto a freddo e non raffinato questi rimangono.

 

 

A livello industriale l'olio di arachidi viene utilizzato per produrre la margarina, per la quale subisce un parziale processo di idrogenazione, e anche la maionese, i prodotti sott'olio, ecc.

Da non confondere con il burro di arachidi, che si ottiene semplicemente tramite la macinazione delle arachidi, e quindi è un prodotto che non necessita di raffinazione.

Quest'olio è molto usato nella cucina cinese, thai e vietnamita e in generale di tutto il Sud-Est asiatico.

Il sapore dell'olio di arachide non raffinato è delicato, con un forte sentore di noccioline tostate, il colore è giallo.

L'olio di arachide raffinato, come tutti gli oli raffinati, ha un colore chiaro ed è sostanzialmente inodore.

Una curiosità: l'olio di arachide viene utilizzato anche per produrre saponi e oli da massaggio. 

Olio arachide

Gli acidi grassi dell'olio di arachide

L'olio di arachide assomiglia molto all'olio extravergine di oliva, come profilo degli acidi grassi. Contiene infatti una quantità maggioritaria di grassi monoinsaturi, e una quantità simile tra grassi saturi e polinsaturi (con una sensibile prevalenza di questi ultimi). Si tratta quindi di un olio equilibrato dal punto di vista del profilo lipidico, che coniuga una modesta quantità di grassi saturi, ad una scarsa tendenza all'ossidazione grazie alla presenza abbastanza limitata di grassi polinsaturi.

Per contro, non può essere considerato una fonte di omega 3: non ne contiene proprio, perché l'unico grasso polinsaturo che troviamo nell'olio di arachide è quello linoleico.

 

 

Acidi grassi Quantità (g)
Grassi saturi totali 19.39
C4:0\÷C10:0 0.00
C12:0 (laurico) 0.10
C14:0 (miristico) 0.27
C16:0 (palmitico) 9.91
C18:0 (stearico) 2.53
C20:0 (arachidico) 2.28
C22:0 (beenico) 3.25
Grassi monoinsaturi totali 52.52
C14:1 (miristoleico) 0.00
C16:1 (palmitoleico) 0.00
C18:1 (oleico) 51.30
C20:1 (eicosaenoico) 0.00
C22:1 (erucico) 1.22
Grassi polinsaturi totali 27.87
C18:2 W6 (linoleico) 27.87
C18:3 W3 (linolenico) 0.00
C20:4 W6 (arachidonico) 0.00
C20:5 W3
(eicosapentaenoico - EPA)
0.00
C22:6 W3
(docosaesaenoico - DHA)
0.00
Rapporto Polinsaturi/Saturi 1.40

L'olio di arachide in cucina

L'olio di arachide non raffinato ha un gusto molto spiccato di arachide, assomiglia molto al burro di arachide. Può essere utilizzato a crudo per condire insalate o per preparare piatti creativi. Non è facile da trovare, bisogna rivolgersi a negozi specializzati in alimenti biologici, oppure cercare su internet. Va conservato come l'olio extravergine, al riparo dalla luce e dal calore, ma non in frigorifero.

L'olio di arachide raffinato (quello che si trova abitualmente in commercio) è un olio inodore e insapore (come tutti gli oli raffinati). È un ottimo olio per cucinare, e in particolare per friggere, grazie al suo punto di fumo piuttosto elevato (circa 225 gradi). Se escludiamo l'olio di palma, che resiste ancora più a lungo allo stress da frittura, si tratta dell'olio migliore in assoluto per friggere.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Frutta esotica: elenco completo e come sceglierla

Colorata, dalle forme strane e con un gusto molto gradito, la frutta esotica esiste di moltissime tipologie, alcune delle quali crescono anche in Italia.


Migliori diete del 2020: la classifica americana

La classifica delle migliori diete del 2020 è stata stilata da un portale americano di informazione, servendosi del supporto di esperti del settore salute.


Glifosato nel grano: tra bufale ed accordi internazionali

Il glifosato nel grano, specie in quello canadese, è stato oggetto di diversi dossier che si sono rivelati poi delle bufale.


Glifosato negli alimenti: dove si trova e come evitarlo

Il glifosato è un erbicida usato in agricoltura che potrebbe causare il cancro nell'uomo: ecco in quali alimenti si trova e come evitarlo.

 


Clinto: storia e caratteristiche del vino proibito

Il Clinto non appartiene alla specie solitamente usata per la produzione del vino comune. La sua diffusione è ostacolata da leggi italiane ed europee.


Uva fragola: caratteristiche e proprietà dell’uva dei climi freddi

L’uva fragola ha sapore e profumo molto particolari ma la legislazione italiana ne impedisce la diffusione, specie del vino da essa derivato: il Fragolino.


Coppiette di maiale romane: storia e come si mangiano oggi

Le coppiette di maiale romane sono un’antica ricetta romana diffusasi poi oggi in tutta Italia. Nascono per l’esigenza di conservare la carne.


Dieta nordica o dei Vichinghi: la sfida alla dieta Mediterranea

La dieta nordica è molto simile a quella mediterranea e si basa sul minor consumo di alimenti animali, privilegiando quelli vegetali e locali.