Giardiniera

La giardiniera, chiamata anche giardiniera campagnola, è un metodo tradizionale italiano di conservare le verdure sotto aceto, per questo è conosciuta anche con il termine generico di "sott'aceti" o "sottaceti".
Di solito la giardiniera classica è composta da carote, cavolfiore, sedano, peperoni, cipolle e cetrioli, ma si possono trovare anche funghi champignon, fagiolini, zucchine, piselli etc. La quantità e il tipo di ortaggi può variare a seconda dei gusti di chi la prepara.

 

 

La giardiniera nasce come piatto povero, preparato tradizionalmente a fine estate per poi essere consumato durante l'inverno.

Le verdure vengono tagliate a pezzi e precotte in acqua bollente (con sale, vino bianco e aceto) ma solo per pochi minuti, così da rimanere croccanti, poi chiuse ermeticamente in barattoli di vetro.

I contenitori devono essere conservati in un luogo fresco e asciutto, al riparo dal sole e dal calore, e si conservano per circa 1 anno.

 

 

Diffusione e varianti della giardiniera

La giardiniera è un piatto diffuso in tutte le regioni italiane e arrivato, tramite i connazionali emigranti, anche nella cucina statunitense.

Può essere facilmente preparata in casa, anche se esistono svariate aziende che la producono a livello industriale o artigianale ed è, quindi, reperibile in un qualsiasi supermercato a prezzi irrisori.

Viene consumata come contorno per accompagnare la carne o taglieri di salumi e formaggi, oppure come antipasto o, ancora, unita alle insalate miste (x es. all'insalata di riso) o inserita dentro un panino.

In Emilia, ad esempio, è un contorno che accompagna spesso le crescentine o le tigelle assieme ai salumi e allo stracchino.

In Sicilia e nella comunità italo-americana di Chicago viene mangiata con il roast-beef dentro un panino.

Giardiniera

In alcune zone, soprattutto del Meridione, viene condita con spezie e aromi, ne esiste anche una versione americana chiamata "Hot Mix", cioè piccante e speziata, nata per differenziarla dalla versione classica "Mild", cioè delicata.

Si abbina bene anche alle olive, alle acciughe e ai formaggi freschi, per esempio durante un aperitivo, ed anche alle carni bianche come il pollo, il tacchino o il prosciutto cotto.

Ricetta della giardiniera

 

 

Prima di cominciare a preparare la giardiniera occorre munirsi di qualche contenitore di vetro con tappo, più o meno 2 da 500 grammi, o 4 da 250 grammi. Va tenuto presente, inoltre, che la giardiniera va fatta macerare per almeno 1 mese prima di essere pronta.

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Tempo totale:

Ingredienti per 1 kg di giardiniera (6 porzioni)

  • 1 kg di verdura mista (carote, peperoni, sedano, cipolle, fagiolini, funghi champignon, cavolfiore)
  • 1 l di acqua
  • 1 l di aceto di vino bianco
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • 1 cucchiaio di sale grosso
  • 1 cucchiaio di zucchero semolato
  • 50 g di aromi misti (pepe nero, alloro, timo, basilico)

Preparazione

Pulire tutti gli ortaggi, lavarli bene e tagliarli in pezzi di circa 1 cm di spessore. In una pentola capiente mettere l'acqua assieme all'aceto, al vino bianco, al sale, allo zucchero e agli aromi e portare ad ebollizione, quindi gettare per primi i fagiolini, le cipolle e le carote, dopo pochi minuti unire i peperoni , il sedano e il cavolfiore, per ultimi i funghi.

Lasciar bollire per 10 minuti circa, le verdure devono rimanere croccanti, nè dure, nè molli.

Scolare le verdure e inserirle nei contenitori di vetro, senza arrivare al bordo, ma ricoprendole con l'acqua di cottura filtrata fino all'orlo.

Chiudere i barattoli e procedere alla chiusura ermetica come descritto in questo articolo sulla sterilizzazione delle conserve (per circa 1 minuto in acqua bollente).

Conservare i barattoli di giardiniera in un luogo fresco e asciutto, protetto dalla luce diretta del sole e da fonti di calore, una cantina o un sottoscala vanno benissimo. Lasciar passare almeno un mese prima di consumarla.

Informazioni nutrizionali per porzione

 

Energia

188 kcal - 786 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

0 g

Proteine

2 g - 4%

Carboidrati

45 g - 95%

Grassi

0 g - 1%

di cui

 

saturi

0.0 g

monoinsaturi

12.6 g

polinsaturi

0.1 g

Fibre

5 g

Colesterolo

0 mg

Sodio

151 mg

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Il risotto alla milanese

Il risotto alla milanese: il re dei piatti della cucina lombarda affonda le sue origini nel Cinquecento.


New York Cheesecake Ricetta

La cheesecake di New York, la torta al formaggio che ha fatto il giro del mondo.


Ramen (zuppa giapponese)

Il ramen è un piatto tipico giapponese composto da tagliolini cotti nel brodo di carne e altri svariati ingredienti.


Polpo alla Luciana

Il polpo alla Luciana: una ricetta tipica campana che prende origine dalla cucina povera dei marinai.

 


Cosce di rana fritte

Rane fritte: i segreti per una delle ricette più conosciute con la carne di rana.


Tarte Tatin: origine e ricetta alle albicocche

La Tarte Tatin di albicocche è una variante delle famosa torta di mele di origine francese.


Tiramisù con crema mascarpone

Tiramisù con crema mascarpone: la versione moderna del dolce di origine veneta, quella senza zabaione che troviamo ormai nella stragrande maggioranza dei locali.


Il tiramisù

Il tiramisù: di origine veneta, è uno dei dolci più diffusi in Italia, fatto con zabaione, mascarpone e savoiardi inzuppati nel caffè.