Gattò di patate

Guarda il video >>

Il gattò di patate è uno sformato cotto al forno composto da un impasto di patate, uova, burro e salumi e formaggi misti; di solito l'impasto è lo stesso che si usa per fare le crocchette di patate ma variano la forma (una teglia rettangolare e alta almeno 4-5 cm) e la cottura (in forno anzichè fritto).

 

 

Il gattò di patate è un piatto che viene dalla Francia dove si chiama gateau (termine molto generico poiché significa torta e viene usato sia per quelle dolci che salate). Da gateau a gattò il passo è breve, è solo la trasposizione italiana per assonanza.

Il gattò di patate è un piatto che si usa molto nella cucina napoletana e campana, dove probabilmente è stato esportato dai tanti cuochi che nei secoli scorsi emigrarono in Francia a lavorare nelle corti dei re e dei nobili; è meno conosciuto, invece, nelle altre zone d'Italia.

Come da tradizione, il gattò è il piatto delle feste tra amici, semplice da preparare e con un'alta resa, per di più che può essere preparato il giorno prima e non deve necessariamente venire riscaldato, quindi è indicato anche per un picnic o una pausa pranzo in ufficio.

Mentre in Campania si usa mettere salumi e formaggi tagliati a cubetti dentro l'impasto del gattò, in Francia il lardo o la pancetta vengono usati in superficie per avvolgere il gateau e dargli più sapore dato che il grasso sciogliendosi in forno penetra nella torta.

Ricetta del gattò di patate

Gatto Gateau di patate

Giusto due consigli per ottenere un buon gattò di patate: usare le patate a pasta bianca, quelle più farinose per intenderci, come per fare il purè e utilizzare uno schiacciapatate anzichè un passaverdure, altrimenti il composto viene troppo colloso.

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

 

 

Tempo totale:

Ingredienti per 6 persone

  • 600 g di patate farinose a pasta bianca
  • 2 uova (separando i tuorli dagli albumi)
  • 60 g di burro
  • 80 g di prosciutto cotto
  • 80 g di mozzarella
  • 80 g di scamorza
  • 60 g di Parmigiano Reggiano grattugiato
  • pan grattato q.b.
  • noce moscata q.b.
  • sale e pepe q.b.

Preparazione

Lessare le patate con la buccia in abbondante acqua salata per circa 30-40 minuti, in modo che si sfaldino. Nel frattempo tagliare a cubetti la mozzarella, il salame e la mortadella. Quando le patate sono pronte, scolarle e pelarle ancora calde così che la buccia venga via più facilmente. Passarle nello schiacciapatate e versarle in una ciotola; unire i 3 tuorli delle uova, quindi il burro precedentemente sciolto, il Parmigiano, la mozzarella e i salumi. Amalgamare bene il tutto e sistemare di sale, pepe e un pizzico di noce moscata.

A parte montare gli albumi a neve e unirli all'impasto molto delicatamente senza smontarli, quindi travasarlo in una pirofila imburrata o ricoperta da carta da forno. Cuocere a 180°C per circa 1 ora (si può fare la prova dello stuzzicadenti).

Volendo, si può rifinire la superficie del gattò con qualche ciuffetto di burro e del pangrattato così da creare un effetto "crosta".

Informazioni nutrizionali per porzione

 

Energia

311 kcal - 1300 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

15 g

Proteine

17 g - 21%

Carboidrati

18 g - 23%

Grassi

20 g - 56%

di cui

 

saturi

11.0 g

monoinsaturi

5.5 g

polinsaturi

1.1 g

Fibre

2 g

Colesterolo

156 mg

Sodio

297 mg

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Yogurt fatto in casa (denso e senza yogurtiera)

Lo yogurt fatto in casa, denso, senza yogurtiera e senza starter microbici, in modo economico, semplice e veloce.


Savoiardi fatti in casa

I savoiardi, i famosi biscotti piemontesi usati come base per il tiramisù o la zuppa inglese.


Baccalà alla portoghese (ricette)

Il baccalà alla portoghese: alcune ricette tipiche tra cui quella del bacalhau a bras.


Tiramisù light con la ricotta

Tiramisù light con la ricotta: tutti i segreti per preparare un tiramisù con la metà delle calorie rispetto all'originale.

 


Sfrappole di carnevale (o frappe, chiacchiere, galani...)

Sfrappole, frappe, chiacchiere, galani, bugie, cenci, fritole: tanti nomi per uno stesso prodotto, i classici dolci fritti di carnevale.


Cotoletta alla bolognese

La cotoletta alla bolognese: un secondo tradizionale tipico del città di Bologna molto ricco di calorie.


Cucina Wellness (Evolution): tanto marketing e poco arrosto?

La cucina wellness, oggi ribattezzata cucina evolution, è un modello di cucina salutistica ideato dalla nutrizionista Chiara Manzi.


Trippa alla romana

La trippa alla romana, il piatto povero del sabato laziale.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.