Koulibiak o Coulibiac (ricetta russa)

Il koulibiak, italianizzato in coulibiac, è un piatto tipico della cucina russa, dove viene chiamato anche kulebyaka. Si tratta di una torta salata farcita con vari ingredienti, solitamente il koulibiak è farcito con pesce, salmone o storione, con l'aggiunta di uova sode, riso o grano saraceno, funghi, cipolle e come erba aromatica viene utilizzato l'aneto.

 

 

Ma esistono tante varianti del coubiliac, di carne e anche vegetariane, dove il pesce viene sostituito da cavoli e patate, oppure più "elitarie" quando oltre allo storione viene aggiunto il vesiga, un ingrediente rarissimo, ossia il midollo osseo di questo pesce.

 

 

Il ripieno scelto e precotto viene poi sistemato a strati e avvolto nella pasta sfoglia, quindi cotto in forno come una qualunque torta salata. Una volta pronto, il koulibiak viene servito a fette accompagnato dal borscht, una vellutata di barbabietole tipica anch'essa della cucina russa.

Il coulibiac è fin dal Medioevo un piatto molto popolare in Russia e fu merito del celebre chef francese Auguste Escoffier, che lo inserì tra le ricette del suo libro "Guida alla grande cucina" nei primi del Novecento, se si diffuse anche in Francia, prima, e poi nel resto d'Europa.

La ricetta del coulibiac di salmone

Koubiliak

Per la ricetta del coulibiac si può comprare la pasta sfoglia surgelata oppure prepararla in casa così come indicato in questa ricetta.

Se non piace il salmone lo si può sostituire con pesce persico, salmerino, trotarombo o luccio.

Ingredienti:

  • 2 fogli di pasta sfoglia
  • 1 trancio di salmone di circa 700 g
  • 2 uova
  • 100 g di riso
  • 200 g di funghi champignon
  • 1 cipolla
  • 1 rametto di aneto
  • 50 g di burro
  • sale e pepe q.b.

Preparazione: pulire i funghi e tagliarli a fette sottili, quindi stufarli in padella con il burro e la cipolla anch'essa affettata finemente. Rassodare le uova in un pentolino con acqua bollente per circa 7-8 minuti. Cuocere il riso lasciandolo un po' al dente (circa 10-12 minuti).

Sistemare in una teglia circolare di circa 26 cm di diametro un foglio di pasta sfoglia, quindi bucherellarlo con una forchetta e stenderci sopra prima il riso, poi i funghi e la cipolla, poi il salmone anch'esso a fette, quindi l'aneto e le uova sode a fette. Sistemare ogni strato di sale e pepe, quindi ricoprire il coulibiac con l'altro foglio di pasta sfoglia, facendo aderire bene i bordi e bucherellando la superficie.

Cuocere in forno a 180° per circa 30-35 minuti fino a quando la crosta non sarà dorata.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Besciamella fatta in casa tradizionale e leggera

La salsa besciamella è una delle salse basi della cucina, probabilmente la più famosa, non a caso è chiamata anche salsa madre.


Tarte Tatin: origine e ricetta alle albicocche

La Tarte Tatin di albicocche è una variante delle famosa torta di mele di origine francese.


Saltimbocca alla romana

I saltimbocca alla romana: involtini di carne ripieni di prosciutto e salvia.


Le pentole antiaderenti sono cancerogene?

Le pentole antiaderenti sono in genere sicure se utilizzate correttamente, fatte secondo le norme europee e di buona qualità.

 


Pollo in fricassea ricetta e video

La fricassea è una tecnica di cottura della carne detta anche "stufatura bianca". Ricetta e videoricetta della fricassea di pollo.


Spaghetti di soia con gamberi e verdure

Gli spaghetti di soia con gamberi e verdure: una ricetta ispirata alla cucina tailandese e in particolare al suo piatto nazionale.


Salmone marinato a secco con sale e zucchero (gravadlax)

Il salmone marinato a secco è una ricetta diffusa in tutta la Scandinavia, e in particolare in Svezia, dove viene chiamato gravlax o gravad lax.


Caponata di melanzane - Ricetta siciliana

Caponata di melanzane: ricette tradizionali siciliane, possibili varianti anche in chiave dietetica.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.