Kangaroo pie

La kangaroo pie è una torta salata ripiena di carne di canguro (kangaroo = canguro) o di pesce molto diffusa nella cucina australiana.

La ricetta della kangaroo pie fu inventata da una cuoca austriaca che le diede questo nome poiché la forma della torta somiglia al marsupio del canguro.

Esistono due versioni della kangaroo pie: quella di pesce farcita con merluzzo, cetriolini e formaggio cheddar e quella ripiena di carne di canguro in umido.

La carne di canguro

La carne di canguro è una specialità australiana, legalizzata solo nel 1980 (anche se prima veniva mangiata di contrabbando) e che oggi viene esportata un po' in tutto il mondo.

I canguri sono animali selvatici e la loro carne ha un sapore intenso e una consistenza abbastanza dura. Generalmente si consiglia di marinare la carne prima di cuocerla sulla griglia, ma se si procede con cotture lunghe come stufati o brasati allora non è necessario.

La carne di canguro è una ricca fonte di proteine e di CLA (acido linoleico coniugato), inoltre è povera di grassi.

In Europa la carne di canguro ha un forte mercato in Germania e in Francia, in Italia, invece, non ha ancora preso molto piede ed è reperibile solo in qualche ristorante o macelleria.

 

 

Ricetta della kangaroo pie

Kangaroo Pie

Non essendo semplice reperire la carne di canguro si può optare per una carne nostrana che mantenga il sapore di "selvatico" (cavallo, cinghiale, cervo, lepre), oppure cambiare totalmente genere e scegliere il baccalà.

Il ripieno della kangaroo pie è praticamente uno spezzatino in umido, magari cotto con l'aggiunta di vino rosso, ha un sapore deciso e speziato.

Ingredienti:

  • 800 g di carne di canguro (cavallo, cervo...)
  • 4 fette di pancetta tagliata a dadini
  • 2 spicchi d'aglio
  • 2 scalogni
  • 2 patate
  • 2 bicchieri di vino rosso
  • 2 bicchieri di brodo di carne
  • 50 g di erbe aromatiche (prezzemolo, origano, menta, basilico, timo...)
  • 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • sale e pepe q.b.
  • 400 g di pasta sfoglia surgelata oppure fatta in casa
  • 2 cucchiai di farina di mais
  • 1 uovo (per spennellare)

Procedimento: tagliare la carne a cubetti, quindi rosolarla in padella su ogni lato e tenerla da parte. Fare un soffritto con lo scalogno e l'aglio tritati senza farli imbrunire, unire la pancetta a dadini e la carne rosolata, mescolare bene, aggiungere il brodo e il vino rosso e lasciar cuocere a fiamma bassa per circa 30-40 minuti con coperchio.

Quindi aggiungere anche le patate tagliate a cubetti, sistemare di sale e pepe e cuocere per altri 20 minuti, o almeno finchè le patate saranno morbide.

Mescolare la farina di mais in un bicchiere di acqua calda e versarla nella pentola così da far addensare quello che sarà il riempimento della torta. Per ultime aggiungere le erbe aromatiche tritate e lasciar raffreddare.

Preriscaldare il forno a 180°C, in una teglia circolare (circa 24 cm di diametro) ricoperta di carta da forno stendere la sfoglia arrivando a coprire anche i bordi, quindi versare la carne in umido e coprire con altra sfoglia. Con quella che avanza si possono fare piccole decorazioni o striscioline. Ricordarsi di lasciare al centro un piccolo taglio in modo da far circolare l'aria.

Spennellare la superficie con l'uovo sbattuto così da renderla più dorata e croccante.

Cuocere per circa 25 minuti, o almeno finchè la sfoglia non sarà dorata, servire a fette calda oppure tiepida.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Dolma (foglie di vite ripiene)

Le foglie di vite non sono un ingrediente usuale in Italia ma vengono molto usate nella cucina mediorientale per fare i dolma, involtini ripieni di carne e riso.


Pasta al tonno in bianco

La pasta al tonno in bianco: un classico della cucina moderna poiché semplice e veloce. Fatta con il tonno in scatola sott'olio.


Pappa al pomodoro

La pappa al pomodoro: la preferita di Gian Burrasca, scopriamone la tradizione e la ricetta.


Civet di capriolo

Il civet di capriolo: una ricetta tradizionale di origine francese per cucinare la selvaggina e non solo.

 


Sanguinaccio dolce

Il sanguinaccio dolce: una crema al cioccolato che per tradizione veniva fatta con il sangue di maiale, tipica del periodo di carnevale.


Casatiello

Il casatiello napoletano salato: una torta salata tipica della cucina napoletana che si consuma a Pasqua. Fatta con pasta di pane condita con salumi e sormontata da uova sode.


Ragù di cervo

La ricetta del ragù di cervo: un condimento da abbinare alla polenta oppure alla pasta fresca all'uovo. Tutti i consigli per trattare al meglio la carne di selvaggina.


Gnocchi alla romana

Gli gnocchi alla romana, fatti di semolino e non di patate, sono un primo piatto tradizionale laziale.