Gnocco fritto bolognese (o crescentine)

Lo gnocco fritto ("lo" per i diversamente emiliani, "IL" gnocco fritto per gli emiliani) o crescentina è un piatto tradizionale emiliano, in particolar modo delle province di Bologna, Modena, Reggio Emilia e Parma. Si prepara con una base di pasta di pane, spesso condita con latte e/o strutto, e poi fritta nello strutto, come tradizione vuole, oppure nell'olio. Sulla scia dell'ondata salutistica degli ultimi anni nell'impasto delle crescentine lo strutto viene sempre più spesso sostituito con l'olio extra vergine di oliva e per la frittura si utilizza olio di semi, ma il risultato è senz'altro meno gustoso della versione tradizionale, soprattutto se si utilizza strutto non raffinato, ormai sempre più raro.

 

 

Gnocco fritto o crescentina?

Il nome crescentina deriva da crescenta, il termine che nel bolognese indica la focaccia cotta al forno, per via delle sue dimensioni ridotte (le crescentine, infatti, sono dei piccoli rombi di pasta di circa 4-8 cm per lato). A seconda della zona, inoltre, le crescentine vengono chiamate con nomi diversi: torta fritta a Parma, chisolini a Piacenza, pinzini a Ferrara, gnocco fritto a Bologna e Modena, sgabei a La Spezia, ma il risultato è lo stesso. A Modena con il nome crescentine vengono chiamate le tigelle, mentre a Bologna gnocco fritto e crescentine sono sinonimi, dunque bisogna fare attenzione quando si chiede una crescentina nel modenese perché per loro state chiedendo una tigella!

 

 

Lo gnocco fritto bolognese, o meglio IL gnocco fritto, come viene chiamato dai locali, è diverso rispetto ai prodotti analoghi che vengono preparati più ad ovest, verso il modenese, il reggiano e il parmense. Il gnocco fritto bolognese è più grande, rettangolare o rotondo, e più spesso, cosa che lo rende più ricco di mollica e con una parte fritta, dunque, meno importante.

Solitamente le crescentine e il gnocco fritto vengono mangiati come antipasto o come piatto unico accompagnati da salumi, formaggi morbidi come lo stracchino o lo scquaquerone, pesto montanaro e sott'oli. Da non perdere comunque l'abbinamento con alimenti dolci come la crema Novi o i fighi caramellati e lo squaquerone.

Un'accoppiata vincente in qualsiasi osteria emiliana è quella di crescentine e tigelle.

La ricetta del gnocco fritto

Gnocco fritto

Questa ricetta è ideale per la preparazione del gnocco fritto bolognese, spesso e mollicoso. La fermentazione lunga e l'utilizzo di poco lievito garantisce una pasta soffice e che non profuma di lievito, bensì di pane. All'impasto si può togliere latte sostituendolo con acqua, e aggiungere strutto, per esempio è possibile utilizzare l'impasto delle tigelle.

Autore:

Tempo di preparazione:

 

 

Tempo di cottura:

Tempo totale:

Ingredienti per 15 pezzi

  • 500 g di farina 0
  • 300 g di latte intero
  • 5 g di lievito fresco
  • 10 g di sale
  • strutto (o olio di arachidi) per friggere

Preparazione

Scaldare leggermente il latte al microonde in una ciotola, sciogliervi il lievito, aggiungere la farina e mescolare bene, a metà operazione unire il sale, impastare fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo. Far lievitare in luogo tiepido fino al raddoppio (da 2,5 a 3,5 ore, a seconda della temperatura dell'ambiente). Impastare brevemente, quindi stendere col mattarello ad un'altezza di 1 cm, tagliare delle losanghe (grandezza a piacere), far lievitare altri 10 minuti, quindi scaldare lo strutto a 200 gradi in un'ampia padella a bordo alto, o ancora meglio in un wok, e friggere le losanghe, quando si gonfiano girarle. La cottura dura non più di un minuto, quando prendono colore sono pronte.

Se si vogliono dimezzare i tempi di lievitazione, basta raddoppiare la quantità di lievito, il risultato non è ottimale ma è buono comunque.

Informazioni nutrizionali per pezzo

 

Energia

139 kcal - 581 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

1 g

Proteine

3 g - 9%

Carboidrati

20 g - 55%

Grassi

6 g - 36%

di cui

 

saturi

2.4 g

monoinsaturi

2.3 g

polinsaturi

0.6 g

Fibre

1 g

Colesterolo

6 mg

Sodio

1 mg

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione

Uva: fa ingrassare?

L'uva è uno dei frutti più calorici in assoluto. Ma fa ingrassare? Dipende da quanto amiamo questo frutto!

Popcorn: storia, preparazione, calorie

Popcorn: la storia, la chimica, le calorie, i segreti per cucinarli. Perché sono adatti a una dieta ipocalorica?

Popcorn: fanno ingrassare o sono un alleato della dieta?

I popcorn sono un cibo ipercalorico che tuttavia, a determinate condizioni, non solo non fanno ingrassare ma potrebbero addirittura far dimagrire!

Cibi che non fanno ingrassare ma saziano

Scopriamo che caratteristiche devono avere i cibi che non fanno ingrassare ma che saziano.

 

Legumi - Elenco - Proprietà

I legumi appartengono alla famiglia delle Papillonacee. I legumi più comuni sono il fagiolo, la fava, il pisello, il cece, la lenticchia, la soia e l'arachide.

I fagioli fanno ingrassare?

I fagioli fanno ingrassare? No, ma ovviamente dipende molto da come vengono cucinati.

Salame

Salame: il tipico salume di carne macinata stagionato diversi mesi.

Luganega trentina, veneta e lombarda

La luganega è un salume tipico del Nord Italia, in particolare delle regioni Trentino, Veneto e Lombardia, dove viene chiamata anche luganiga o luganica.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.