Bere alcol fa digerire?

Che bere alcol faccia digerire è una convinzione comune ma in realtà errata. A discapito dei diversi tipi di alcolici, alcuni dei quali vengono appunto chiamati digestivi, nessuno di essi ha una reale funzione positiva in questo senso. 

 

 

Vediamo di approfondire meglio questo concetto nel corso di questo articolo. 

Alcolici per digerire?

Quante volte, dopo un pasto abbandonante in compagnia, si è soliti bere un amaro a fine pasto, con la convinzione che aiuti la digestione. In realtà, quello che si ricerca è un veloce svuotamento gastrico ma quello che si ottiene è l'effetto opposto. Infatti, l'alcol va a rallentare il passaggio del cibo nello stomaco, promuovendo la sensazione di pienezza gastrica. 

Inoltre, l'alcol può determinare dei danni a livello gastrico e dell'apparato digerente in generale, che aumentano con l'aumentare della dose assunta. Uno di questi effetti negativi è la distruzione dei tessuti deputati all'assorbimento dei cibi, riducendo quello di micronutrienti come vitamine e minerali. Questo è dovuto al fatto che l'etanolo va a determinare l'infiammazione della parete gastrica ed intestinale, riducendone la loro funzionalità, specie se l'assunzione è frequente. 

 

 

La sensazione che l'amaro faccia digerire deriva dall'impressione determinata dal sapore amaro delle erbe da cui sono composti, che danno solo una errata e momentanea sensazione di sollievo. In realtà, le erbe in sé potrebbero anche avere effetti favorenti la digestione, ma non all'interno di bevande alcoliche, in cui l'alcol ne blocca l'effetto. 

Effetti dell'alcol sulla digestione

A livello dell'apparato digerente l'alcol può determinare effetti collaterali che remano contro lo scopo di facilitare la digestione. Fra questi abbiamo gonfiore addominale, flatulenza, sensazione di pienezza e talvolta persino diarrea e dolore alla defecazione. 

L'ingestione di alcol in modo frequente ed in grandi quantità determina, inoltre, una maggiore predisposizione allo sviluppo di emorroidi, ulcere, ma anche un rischio aumentato di cancro alla bocca, all'esofago e diverse altre porzioni dell'apparato digerente, colon compreso. 

 

 

Anche a basse dosi, l'alcol aumenta la sensazione di sonnolenza, dovuta proprio al rallentamento della digestione. Di conseguenza, è errata la concezione secondo cui l'alcol aumenti i riflessi, in quanto si ha l'effetto esattamente opposto. 

Cosa fa digerire meglio

Le erbe come la liquirizia, l'anice e il carciofo, ma anche la salvia, lo zenzero, il finocchio, potrebbero facilitare la digestione e aiutare nell'eliminazione dei gas intestinali, soprattutto sotto forma di infusi e tisane, ovviamente in assenza di alcol e zucchero

Un altro infuso, ideale per il sollievo dopo un pasto abbandonante, può essere quello a base di acqua calda e bucce di limone che, sebbene non acceleri la digestione, dona una sensazione di sollievo dopo un pasto abbondante. 

Se non vi sono patologie gastriche, alcune spezie come pepe e curcuma, potrebbero velocizzare lo svuotamento dello stomaco, facilitando e velocizzando quindi la digestione. 

Per quanto riguarda l'assunzione di alcol, l'Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda una quantità giornaliera di alcol pari a 2-3 Unità Alcoliche nell'uomo e a 1 Unità Alcolica per la donna e gli anziani. Quest'ultima quantità è l'equivalente di 125 ml di vino di media gradazione e 330 ml di birra. Nei superalcolici equivale a 40 ml, quindi una classica porzione servita in genere nei bar. 

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione

Marinare la carne, l’importanza delle spezie

Per valorizzare le preparazioni a base di carne e dargli un gusto deciso si possono usare gli insaporitori a base di spezie. Vediamo gli abbinamenti.

Latte proteico | Cos'è? | È salutare? | È conveniente?

Il latte proteico è un nuovo prodotto nato dalla richiesta sempre più forte da parte del mercato di prodotti ricchi in proteine.

Burrata pugliese

La burrata: un formaggio a doppia struttura inventato negli anni Trenta ad Andria.

Stracciatella (formaggio): origine, calorie, ricette

La stracciatella è un formaggio fresco composto da straccetti di pasta filata immersi nella panna.

 

Canocchia o cicala di mare

La canocchia o cicala di mare: un crostaceo prevalentemente invernale dalle carni delicatissime.

Vini premiati: come orientarsi nella scelta e dove acquistarli online

Vini premiati: come orientarsi nella scelta e dove acquistarli online.

Vezzena

Il vezzena, un altro formaggio di malga trentino in corsa per la DOP.

Senape e mostarda

Senape e mostarda: due prodotti che vengono preparati con la farina di senape, che gli conferisce la classica piccantezza.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.