Apparato digerente

L'apparato digerente è costituito da un insieme di organi la cui funzione principale è la digestione e l'assorbimento del cibo.

 

 

Dal punto di vista anatomico, esso è formato dal tubo digerente, un canale lungo 10-12 metri cha va dalla bocca all'ano, al quale è collegato lo stomaco e alcune ghiandole: le ghiandole salivari, il pancreas, il fegato e la cistifellea. Tali ghiandole producono sostanze utili alla digestione, che riversano nel canale alimentare.

Sebbene ogni tratto del tubo digerente possieda caratteristiche funzionali e anatomiche proprie, in tutto il canale alimentare troviamo quattro strutture comuni, chiamate "tonache".

La tonaca mucosa è lo strato più interno del tubo, ha principalmente due funzioni: quella protettiva, soprattutto nell'esofago, che potrebbe essere raggiunto dall'acido cloridrico presente nello stomaco; e quella di assorbire i nutrienti, soprattutto nell'intestino tenue.

La tonaca sottomucosa è formata da tessuto connettivo che contiene i vasi sanguigni e linfatici deputati al trasporto dei nutrienti assorbiti dalla tonaca mucosa al fegato e al sistema linfatico; nonché i nervi che comandano la motilità e la secrezione intestinale.

La tonaca muscolare è formata da due strati di muscolatura liscia, disposti perpendicolarmente, tra i quali si dirama il tessuto nervoso intestinale. La contrazione coordinata della muscolatura involontaria dell'intestino determina le "onde peristaltiche", che fanno avanzare il cibo lungo il tubo e lo rimescolano, favorendone l'assorbimento.

La tonaca sierosa, infine, riveste la superficie esterna della tonaca muscolare, ed è strettamente in contatto con gli organi limitrofi.

 

 

Il "secondo cervello": funzione endocrina e immunitaria

Apparato digerente

L'apparato digerente non svolge solo la funzione della digestione.

Esso è il luogo in cui il nostro organismo viene a contatto con il maggior numero di antigeni, le sostanze estranee all'organismo che possono essere potenzialmente dannose. Per questo, l'apparato digerente possiede importanti meccanismi di difesa immunitaria. Una importante postazione di questo sistema di difesa immunitaria è localizzata nell'appendice ileocecale.

L'apparato digerente possiede anche una importante funzione endocrina, grazie a un sistema di regolazione collegato con un sistema di fibre nervose, chiamato GEP (gastro-entero-pancreatico). Tale sistema possiede almeno 15 cellule diverse in grado di produrre ormoni, i quali agiscono in loco regolando le funzioni intestinali, ma anche a distanza influenzando funzioni diverse da quella digestiva, e che possono fungere anche da neurotrasmettitori.

 

 

Per questo motivo, l'apparato digerente è chiamato anche "secondo cervello", e non a caso: nell'intestino sono davvero presenti delle cellule cerebrali, in numero pari al 10% riispetto a quelle presenti nel cervello, tanto che secondo alcuni l'intestino sarebbe addirittura la sede delle intuizioni. Tutti sanno che il nostro stato emotivo influenza pesantemente il corretto funzionamento della digestione: tale fenomeno è chiamato somatizzazione, e riguarda in modo particolare i processi digestivi. Fino a qualche anno fa si pensava che fosse solo il cervello a influenzare la digestione, ma oggi sappiamo che è vero anche il contrario. L'intestino non possiede solo cellule cerebrali, ma è in grado anche di secernere ormoni, come la serotonina, che controlla le contrazioni addominali ma che influenza anche l'umore sedando l'ansia e lo stress. Quando disturbi della digestione influenzano la serotonina, si verificano di conseguenza anche disturbi dell'umore: ansia, paura, depressione, ecc.

Dunque, tra il cervello e l'apparato digerente c'è un continuo dialogo: così il nostro stato d'animo, i nostri sentimenti, il nostro livello di stress e anche la nostra postura possono influenzare l'efficienza dell'apparato digerente; ma anche viceversa, se non curiamo la nostra alimentazione i problemi digestivi che ne derivano possono influenzare pesantemente il nostro umore peggiorando la nostra qualità di vita.

Organi dell'apparato digerente

Stomaco

Intestino tenue e crasso

Fegato

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Medicina alternativa o complementare

La medicina alternativa comprende una tipologia variegata di discipline che si basano su terapie la cui efficacia non sempre viene dimostrata con metodo scientifico.


Chiropratica: che cos'è, controindicazioni e applicazioni

La chiropratica è una disciplina usata per la terapia del dolore ma non solo, che si basa sulle manipolazione a livello della colonna vertebrale.


Osteopatia: è efficace?

L'Osteopatia è una medicina complementare che si basa sulle manipolazioni per giungere ad una guarigione. Risulta ancora oggi difficile capire se l'efficacia sia reale o meno.


Omotossicologia: un derivato placebo dell'Omeopatia

L'Omotossicologia nasce dall'Omeopatia di cui usa gli stessi principi, ampliandone la farmacopea e usando alcuni principi della medicina convenzionale.

 


Medicina tradizionale cinese: una lunga tradizione senza conferme scientifiche

La medicina tradizionale cinese ha una lunga tradizione millenaria alle spalle e ha basi filosofiche con diversi tipi di cure, non ancora però confermate scientificamente.


Medicina ayurvedica: un'antica pratica dalla dubbia efficacia

La medicina ayurvedica è un'antica pratica nata in India, di cui non è ancora certa l'efficacia. Nei preparati ayurvedici è stata riscontrata la presenza di metalli tossici.


Medicina antroposofica: una storica terapia che non funziona

La medicina antroposofica è una pseudoscienza creata dopo la prima guerra mondiale, ma di cui non si hanno prove scientifiche circa la sua reale efficacia.


Omeopatia o medicina omeopatica: la pseudoscienza dell'effetto placebo

L'omeopatia è una pseudoscienza che fa parte della medicina alternativa. Ad oggi non vi sono studi che dimostrino una sua efficacia se non nell'indurre un effetto placebo.