Cedro

Il Cedro o Citrus medica, della famiglia delle Rutacee, è una pianta molto antica che si si ritiene sia originario dell'India e della Birmania. Il cedro forma arbusti o piccoli alberi, alti fino a 8 metri, con rami spinosi e irregolari.

 

 

Le cultivar del cedro sono divise in due gruppi: i cedri acidi, con fiori e germogli rosso-violocei; e i cedri dolci, con fiori bianchi.

Tra i cedri acidi, la Diamante coltivata in Calabria, la Etrog e la Mano di Budda (con frutti ornamentali privi di polpa); tra i cedri dolci, la Corsican e la Salò.

Vi sono poi i limoni cedrati, degli ibridi fra limoni e cedri, che producono frutti simili al cedro per pezzatura e spessore della polpa, mentre la pianta è più simile al limone, meno esigente e più resistente alle basse temperature.

La cedrina (Citrus medica citrea gibocarpa) è una varietà di cedro usata solo per la produzione dell'essenza, che si estrae dalle foglie. Si tratta di una sostanza dal forte odore di cedro, composta essenzialmente da limonina e citrale, le due essenze tipiche del cedro.

Cedro mano di Buddha

Il cedro mano di Buddha si presenta in tutti i cedri come un'anomalia, che non può essere "guidata", anche se sarebbe interessante dal punto di vista commerciale perché produce frutti senza polpa, che dal punto di vista commerciale è la parte meno interessante.

Il cedro può essere consumato crudo, da solo o in insalata, se fresco e di buona qualità, quando la polpa risulta non spugnosa e masticabile, non troppo tenace, altrimenti si può utilizzare solo per la canditura. I canditi di cedro vengono utilizzati soprattutto in pasticceria per confezionare dolci molto famosi come il panettone, la pastiera napoletana, il panforte, la torta di riso, i cannoli siciliani o il certosino bolognese.

 

 

La parte interessante dal punto di vista alimentare è la scorza, spessa, bianca e dolce nelle varietà migliori, mentre la polpa è acida e molto simile al limone.

Il cedro è impiegato nella ricetta di una famosa bibita analcolica italiana, la cedrata.

Il Consorzio del Cedro di Calabria ha avviato le pratiche per ottenere il riconoscimento DOP, attualmente (giugno 2017) non è ancora andata a buon fine.

L'arca del gusto di Slow Food ha, invece, promosso il presidio del cedro liscio di Diamante, nella zona  che va da Tortona a Cetraro, in provincia di Cosenza. Questi cedri sono molto grandi, arrivano a pesare 1 kg, e maturano nel periodo che va da ottobre a dicembre.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Bubble tea: la curiosa bevanda con perle di tapioca

Il bubble tea è una bevanda a base di tè, latte e perle di tapioca, di cui esistono però diverse versioni e ricette. Ha origini a Taiwan ma si sta diffondendo in tutto il mondo.


Polenta taragna: storia, ricetta e calorie

La polenta taragna è tipica della Valtellina, ma si trova in tutto il Nord Italia. A seconda della zona si usano formaggi diversi e condimenti diversi.


Glucosio

Il glucosio è lo zucchero semplice più importante, e la sostanza in assoluto più diffusa in natura.


Shirataki (konjac) - Pasta senza calorie

Gli shirataki, un tipo di noodles della cucina giapponese ottenuti dalla pianta del konjac e con pochissime calorie.

 


Polenta di mais

La polenta, bianca o gialla, è un tipico piatto povero del Nord Italia.


Saltare la colazione: fa male o fa dimagrire?

Saltare la prima colazione o farla non influisce sul peso corporeo nel lungo termine, ma alcuni studi a breve termine giungono a conclusioni diverse.


La buccia della frutta è ricca di vitamine?

La buccia della frutta non contiene in genere grandi quantità di vitamine, che sono per la maggior parte presenti invece nella polpa del frutto.


Castagne - Castagna e Marroni

Le castagne e i marroni, un frutto atipico molto ricco di carboidrati.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.