Panforte

Il panforte è un dolce tipico della città di Siena, in Toscana, molto simile al panpepato e composto di base da frutta secca, frutta candita e spezie. Il panforte è un dolce tipico natalizio, anche se è divenuto talmente famoso che ormai lo si può acquistare praticamente tutto l'anno e anche nella grande distribuzione.

 

 

Il nome panforte o pane forte, deriva dal fatto che originariamente veniva preparato come un pane, semplicemente con acqua e farina, e poi arricchito con miele e frutta e, poichè capitava spesso che si veniva a formare uno strato di muffa in superficie dovuto alla cattiva conservazione, il suo sapore diventava acido e molto intenso.

Storia e origini del panforte

Panforte

Le origini del panforte vengono fatte risalire per convenzione all'anno Mille. La ricetta del panforte è rimasta appannaggio dei monaci senesi per alcuni secoli, poi, nel Cinquecento, con l'arrivo delle spezie dall'Oriente, venne tramandata agli speziali e ai farmacisti che lo arricchirono ulteriormente di ingredienti come melone e cedro canditi e lo proponevano alle corti dei nobili.

All'epoca, dato l'elevatissimo costo delle spezie era un alimento di lusso per soli ricchi.

Nel 1879, quando la regina Margherita andò a Siena, fu preparata per lei una versione del panforte più delicata, senza melone e con una spolverata di zucchero a velo in superficie. Questa nuova versione fu molto apprezzata dalla regina e il suo successo fu tale che tutt'oggi esiste in commercio il "panforte Margherita".

 

 

Ricetta del panforte

Ingredienti 

  • 150 g di farina 00 per dolci
  • 150 g di miele (acacia o millefiori)
  • 150 g di zucchero semolato o a velo
  • 350 g di mandorle sgusciate
  • 200g di canditi misti (arancia, cedro, melone)
  • 50 g di cacao amaro (facoltativo)
  • 10 g di spezie (pepe nero, noce moscata, cannella)
  • 1 foglio di ostia per rivestire la teglia

Procedimento

Tostare le mandorle in forno già caldo a 180°C per circa 5 minuti. In una pentola far sciogliere il miele a fuoco moderato, quindi aggiungere lo zucchero, le mandorle, i canditi, le spezie e il cacao amaro continuando sempre a mescolare. Spegnere il fuoco e aggiungere poco alla volta la farina che fungerà da addensante. Continuare a mescolare fino a che il composto non diventerà omogeneo.

Versare l'impasto in una teglia rotonda foderata dal foglio di ostia con uno spessore di circa 2 cm, livellarlo e infornarlo a 120°C per circa 30 minuti.

Una volta uscito dal forno, togliere il panforte dallo stampo quando è ancora caldo e lasciarlo raffreddare. 

Prima di servirlo spolverarlo di zucchero a velo.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Gli spaghetti alla carbonara

Gli spaghetti alla carbonara: tante diatribe sulla nascita di questo primo piatto eccezionale.


Spaghetti alla carrettiera

Gli spaghetti alla carrettiera: un primo piatto semplicissimo di cui in molti si contendono la paternità.


Impepata di cozze - Ricetta

L'impepata di cozze, una ricetta estremamente semplice che deve il suo successo all'elevata qualità degli ingredienti.


Panna cotta senza colla di pesce

La panna cotta: un dolce piemontese simile al budino a base di panna. Scopri la ricetta senza colla di pesce!

 


Estrattore (o masticatore) da cucina

L'estrattore o masticatore da cucina: differisce dalla centrifuga perché evita processi di ossidazione e mantiene inalterate le proprietà nutritive dai cibi.


Mousse al caffè

La mousse al caffè è un dolce dalla tipica consistenza spumosa e dal sapore caratteristico di caffè. Vediamo come prepararla.


Tacos: ingredienti e ricetta del ripieno

I tacos messicani: infinite varianti per riempire le tortillas di mais, da mangiare con le mani.


Strudel di mele con pasta matta

Lo strudel di mele: il dolce simbolo della cucina altoatesina. Scopriamo la ricetta con la pasta matta fatta in casa.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.