Acqua di cocco: proprietà e benefici (ZERO)

Cos'è l'acqua di cocco?

L'acqua di cocco è il succo che si trova dentro la noce di cocco, di colore trasparente e translucido, e non va confusa con il latte di cocco che invece viene prodotto a partire dalla polpa del cocco triturata e mescolata con acqua. Un'altra differenza fondamentale che distingue l'acqua di cocco dal latte è che la prima viene ricavata dai frutti acerbi, ancora verdi, mentre il secondo si ottiene dai frutti molto maturi. La noce di cocco, infatti, è piena d'acqua solo nelle prime fasi di maturazione, poi la perde e il momento migliore per raccoglierla è intorno ai 7 mesi di vita, poiché prima avrebbe un gusto troppo amarognolo.

 

 

 

 

Inoltre, l'acqua di cocco è molto meno calorica del latte di cocco, dato che è composta per il 97% di acqua e per il resto di proteine e carboidrati; i grassi sono al di sotto dell'1%. La maggior parte dei prodotti in commercio hanno circa 20 kcal/hg, di cui la maggior parte sono carboidrati.

Tradizione delle zone dove cresce la Cocos nucifera, è quella di raccogliere il frutto verde e praticargli un foro nella parte inferiore, più arrotondata, e poi infilare una cannuccia per berne l'acqua. Questo consumo un po' folcloristico è tipico di tutte le isole caraibiche dove esistono tanti venditori ambulanti o chioschetti in riva al mare.

L'aqua di cocco si può trovare anche confezionata, in bottiglia, in latta o in tetrapak, e anche liofilizzata. Purtroppo quella confezionata è molto diversa da quella che si può gustare da un cocco fresco, raccolto da poche ore. Molti produttori aggiungono altri ingredienti, per aromatizzarla e per renderla più appetibile. I prodotti più "chic" costano più di 4 euro al litro, ma esistono anche quelli per la massa, low cost, per esempio Lidl vende un prodotto che costa a poco più di 2 euro al litro.

Dall'acqua di cocco si possono poi ricavare anche la gelatina (nata de coco) e l'aceto di cocco, due prodotti usati nelle cucine etniche ma poco o per niente diffusi da noi in Italia.

Presunti benefici

Acqua cocco

Negli ultimi anni si stanno commercializzando molte bevande energetiche a base di acqua di cocco sponsorizzandole con slogan che affermano che è una bevanda nutriente e idratante, capace, inoltre, di riequilibrare i 5 elettroliti essenziali per l'organismo: potassio, sodio, magnesio, calcio e fosforo e sarebbe da assumere prima di una gara sportiva. L'acqua di cocco viene spesso annoverata nell'elenco dei Superfood, dei cibi creduti miracolosi.

 

 

Alcuni si spingono oltre, decantando ogni tipo di beneficio: dal miglioramento della luminosità della pelle all'aumento del metabolismo, dalla prevenzione delle infezioni urinarie al miglioramento dello stato di salute dei convalescenti e di chi soffre di stanchezza... Tutto questo grazie a un cibo che contiene un po' di vitamine e minerali (come qualunque altro alimento vegetale), e nemmeno in quantità importanti, ci pare francamente ridicolo.

La realtà? L'acqua di cocco è un PRODOTTO INUTILE

In realtà l'acqua di cocco non è diversa da tanti altri prodotti di origine vegetale, e anzi contiene spesso meno principi nutritivi. Anche la FDA statunitense (Food and Drugs Administration) si è espressa in merito, affermando che non esistono prove a sostegno di questa tesi. Anzi, i livelli di sali minerali dell'acqua di cocco sono effettivamente trascurabili (inferiori, anche di molto, al 10% della RDA), così come il suo potere energizzante (come abbiamo accennato sopra è composta per il 97% di acqua!). Ci sono dei prodotti (come quello di Santal) fatti con acqua, concentrato di acqua di cocco, zucchero e, udite udite, addizionati con sali minerali (ma come: non ne conteneva abbastanza l'acqua di cocco?!?!?).

Ultima chicca: alcuni affermano che l'acqua di cocco è benefica perché ha una composizione simile a quella del plasma, perché in alcune zone del pianeta è stata usata per la reidratazione endovenosa è solo perché in queste zone povere, come la Cambogia, non c'era disponibilità di plasma sanguigno e si è stati costretti ad usare metodi alternativi, ma stiamo parlando di situazioni estreme, non di certo ottimali.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Cassis o ribes nero

Il cassis o il ribes nero, lo sciroppo di cassis per preparare il kir, l'aperitivo tipico francese.


Pesce rossetto (e bianchetti)

Il pesce rossetto (Aphia minuta): le caratteristiche, la pesca, gli usi in cucina e le differenze con i bianchetti e il pesce ghiaccio.


6 regole per rinforzare il sistema immunitario

Il sistema immunitario è un vero e proprio apparato difensivo che protegge il nostro organismo dagli attacchi di diverse sostanze estranee.


Luccio

Il luccio: pesce di acqua dolce. La pesca, la preparazione, le ricette, le curiosità.

 


Datteri di mare

I datteri di mare sono molluschi simili alle cozze di cui la pesca in Italia è vietata dal 1998.


Tenerezza della carne bovina

I tagli di carne più tenera: la tenerezza delle carni bovine secondo uno studio scientifico che valuta la qualità dei vari muscoli dei bovini.


Fico d'India

Fico d'India, tipico del Meridione, è il frutto di una particolare tipologia di cactus.


Pesticidi nella frutta e verdura: tossicità, come eliminarli

I pesticidi nella frutta e verdura sono stati riscontrati a livelli inferiori ai limiti di legge, ma alcuni accorgimenti possono ridurne la presenza nella dieta.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.