Acqua di cocco: proprietà e benefici (ZERO)

Cos'è l'acqua di cocco?

L'acqua di cocco è il succo che si trova dentro la noce di cocco, di colore trasparente e translucido, e non va confusa con il latte di cocco che invece viene prodotto a partire dalla polpa del cocco triturata e mescolata con acqua. Un'altra differenza fondamentale che distingue l'acqua di cocco dal latte è che la prima viene ricavata dai frutti acerbi, ancora verdi, mentre il secondo si ottiene dai frutti molto maturi. La noce di cocco, infatti, è piena d'acqua solo nelle prime fasi di maturazione, poi la perde e il momento migliore per raccoglierla è intorno ai 7 mesi di vita, poiché prima avrebbe un gusto troppo amarognolo.

 

 

Inoltre, l'acqua di cocco è molto meno calorica del latte di cocco, dato che è composta per il 97% di acqua e per il resto di proteine e carboidrati; i grassi sono al di sotto dell'1%. La maggior parte dei prodotti in commercio hanno circa 20 kcal/hg, di cui la maggior parte sono carboidrati.

 

 

Tradizione delle zone dove cresce la Cocos nucifera, è quella di raccogliere il frutto verde e praticargli un foro nella parte inferiore, più arrotondata, e poi infilare una cannuccia per berne l'acqua. Questo consumo un po' folcloristico è tipico di tutte le isole caraibiche dove esistono tanti venditori ambulanti o chioschetti in riva al mare.

L'aqua di cocco si può trovare anche confezionata, in bottiglia, in latta o in tetrapak, e anche liofilizzata. Purtroppo quella confezionata è molto diversa da quella che si può gustare da un cocco fresco, raccolto da poche ore. Molti produttori aggiungono altri ingredienti, per aromatizzarla e per renderla più appetibile. I prodotti più "chic" costano più di 4 euro al litro, ma esistono anche quelli per la massa, low cost, per esempio Lidl vende un prodotto che costa a poco più di 2 euro al litro.

Dall'acqua di cocco si possono poi ricavare anche la gelatina (nata de coco) e l'aceto di cocco, due prodotti usati nelle cucine etniche ma poco o per niente diffusi da noi in Italia.

Presunti benefici

Acqua cocco

Negli ultimi anni si stanno commercializzando molte bevande energetiche a base di acqua di cocco sponsorizzandole con slogan che affermano che è una bevanda nutriente e idratante, capace, inoltre, di riequilibrare i 5 elettroliti essenziali per l'organismo: potassio, sodio, magnesio, calcio e fosforo e sarebbe da assumere prima di una gara sportiva. L'acqua di cocco viene spesso annoverata nell'elenco dei Superfood, dei cibi creduti miracolosi.

 

 

Alcuni si spingono oltre, decantando ogni tipo di beneficio: dal miglioramento della luminosità della pelle all'aumento del metabolismo, dalla prevenzione delle infezioni urinarie al miglioramento dello stato di salute dei convalescenti e di chi soffre di stanchezza... Tutto questo grazie a un cibo che contiene un po' di vitamine e minerali (come qualunque altro alimento vegetale), e nemmeno in quantità importanti, ci pare francamente ridicolo.

La realtà? L'acqua di cocco è un PRODOTTO INUTILE

In realtà l'acqua di cocco non è diversa da tanti altri prodotti di origine vegetale, e anzi contiene spesso meno principi nutritivi. Anche la FDA statunitense (Food and Drugs Administration) si è espressa in merito, affermando che non esistono prove a sostegno di questa tesi. Anzi, i livelli di sali minerali dell'acqua di cocco sono effettivamente trascurabili (inferiori, anche di molto, al 10% della RDA), così come il suo potere energizzante (come abbiamo accennato sopra è composta per il 97% di acqua!). Ci sono dei prodotti (come quello di Santal) fatti con acqua, concentrato di acqua di cocco, zucchero e, udite udite, addizionati con sali minerali (ma come: non ne conteneva abbastanza l'acqua di cocco?!?!?).

Ultima chicca: alcuni affermano che l'acqua di cocco è benefica perché ha una composizione simile a quella del plasma, perché in alcune zone del pianeta è stata usata per la reidratazione endovenosa è solo perché in queste zone povere, come la Cambogia, non c'era disponibilità di plasma sanguigno e si è stati costretti ad usare metodi alternativi, ma stiamo parlando di situazioni estreme, non di certo ottimali.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Semi di canapa: cosa sono, effetti e valori nutrizionali

I semi di canapa sono prodotti dalla Cannabis sativa ma che non hanno il principio attivo a livello cognitivo. Hanno invece molti nutrienti e diversi potenziali effetti benefici.


Miele - Liquido o cristallizzato?

Il miele cristallizzato: quando il miele da liquido può andare incontro ad un processo di cristallizzazione?


Miele: il percorso dal nettare al vaso

Il miele: il dolcificante più antico, purtroppo poco consumato in Italia. Scopriamone tutti i segreti e le proprietà.


Quinoa: superfood o prodotto INUTILE?

La quinoa: uno pseudocereale considerato da molti un superfood per la qualità delle sue proteine, a nostro parere un cibo esotico inutile.

 


La dieta fast 5:2 (digiuno intermittente)

La dieta fast 5:2 (digiuno intermittente): è davvero possibile dimagrire con una forte restrizione calorica di soli due giorni la settimana?


Ionoforesi: definizione, applicazioni, vantaggi e svantaggi

La ionoforesi è una tecnica usata per la somministrazione dei farmaci attraverso la veicolazione di una corrente continua.


Smetana: la panna acida dell'Est Europa

La smetana è una panna acida prodotta in alcuni paesi dell'Europa centrale ed orientale. Accompagna diversi piatti, sia di carne che di verdure.


La dieta per unghie sane: esiste?

La dieta per unghie sane in realtà non esiste, ma una dieta equilibrata che fornisca il giusto apporto di nutrienti aiuta nel mantenimento della salute delle unghie.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.