Albicocca - Albicocche

L'albicocca è un frutto prodotto dall'albero dell'albicocco (Prunus armeniaca). Nella famiglia Prunus non abbiamo solo le albicocche ma anche le ciliegie, le pesche e le prugne.

 

 

Le albicocche sono frutti molto apprezzati dal mercato e sono tra i primi a fare comparsa nei banchi dei supermercati nella stagione estiva, già a maggio, ma per avere quelle più dolci e succose meglio aspettare giugno.

L'albicocco è un alberello che appartiene alla stessa famiglia delle rose (Rosacee), originario della zona al confine tra Cina e Russia, è alto circa 12 metri, con fiori molto belli, a 5 petali e radunati in gruppetti, di colore bianco o rosa.

L'albicocca veniva coltivata in Cina già 3000 anni fa. Da lì si diffuse sempre più ad ovest, finchè non arrivò in Armenia dove trovò una sistemazione ideale, tanto che i romani, che 2000 anni fa la introdussero in Europa, chiamavano l'albicocca "armeniacum", che vuol dire "mela armena".
Vengono coltivate negli Stati Uniti, e nei paesi che si affacciano al mediterraneo come l'Italia, la Francia, la Spagna, la Grecia e la Turchia.

Qualità nutrizionali delle albicocche

Le albicocche mature sono frutti molto dolci e appetibili, con un indice di sazietà piuttosto elevato.

Sono un'ottima fonte di vitamina A e di potassio.

Le albicocche secche, disponibili tutto l'anno, sono un'ottima alternativa a quelle fresche poiché contengono la stessa quantità di vitamine e minerali.

Le albicocche sciroppate sono da consumare con attenzione, più che altro fuori stagione e per confezionare dolci o dessert, a causa dell'aggiunta di zucchero che le rende molto più caloriche.

Calorie e valori nutrizionali delle albicocche

 

 

Varietà di albicocche

Albicocca - Albicocche

Esistono molte varietà di albicocche, tutte simili nel gusto ma che possono variare nella grandezza e nel colore (da giallo ad arancione scuro). 

Le varietà più pregiate coltivate in Italia sono la Monaco, la Baracca, la Reale di Imola, la Luizet, la Pesca di Nancy, la Precoce Cremonini, la Diavole, la Preole e la Val Venosta.

Tre tipologie di albicocche hanno ottenuto il presidio Slow Food:

  • Albicocca di Scillato: siciliana, della provincia di Palermo, viene ancora raccolta a mano e venduta nei mercati locali.
  • Albicocca del Vesuvio: in via di approvazione come nuovo presidio, si contano circa 40 varietà locali, tra cui la più coltivata è la pellecchiella.
  • Albicocca di Valleggia o Valleggina: ligure, della provincia di Savona, questa albicocca non deve trarre in inganno poiché ha la buccia arancione disseminata di tanti puntini marroni, che non sono quindi indice di malattia o malessere.

Disponibilità delle albicocche

 

 

La stagione delle albicocche si estende dalla tarda primavera (metà maggio) all'estate (fino a fine luglio). Quelle reperibili in Dicembre e Gennaio vengono importate dal Cile e dalla Nuova Zelanda.

Guida all'acquisto delle albicocche

Le albicocche mature si trasportano con molta difficoltà a causa della loro fragilità, di conseguenza per gustare albicocche mature è necessario rivolgersi al mercato locale.

Non si devono acquistare frutti troppo acerbi, duri con tinte verdi, poiché non svilupperanno mai il sapore del frutto maturo.

Anche quando non sono pronte da mangiare, le albicocche devono comunque essere morbide e profumate, e la buccia deve essere vellutata. Evitare i frutti ammaccati o con la buccia che presenta dei tagli evidenti.

Esistono diverse forme di albicocche secche. Quelle più comuni si presentano tagliate a metà e di un colore arancione molto vivace. Questo colore è dovuto al trattamento con diossido di zolfo: chi è allergico a questo composto o chiunque preferisce evitare coloranti inutili dal punto di vista del sapore può rivolgersi ai negozi specializzati in cibi naturale o biologici, dove troverà delle albicocche secche non trattate di colore marrone. Esistono anche piccole albicocche intere, chiamate albicocche Turche, che hanno un sapore più dolce.

Le albicocche sciroppate hanno molte più calorie a causa dello zucchero aggiunto e quindi il loro consumo andrebbe valutato con maggiore attenzione.

Conservazione delle albicocche

Le albicocche non completamente mature vanno fatte maturare in un sacchetto di carta a temperatura ambiente, lontano da fonti di calore dirette, per due o tre giorni. Una volta mature, si possono conservare in frigorifero in un contenitore di plastica per uno o due giorni al massimo. Vanno lavate solamente prima di essere mangiate.

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione

Polli allevati a terra o all'aperto: quali sono le differenze?

L'allevamento dei polli a terra o all'aperto presenta notevoli differenze, sia per quanto riguarda le modalità, sia per la salubrità degli alimenti prodotti.

Meduse in cucina

Le meduse in cucina: una novità per noi Occidentali, entrate a far parte dell'elenco dei "novel foods", ma una tradizione in Asia.

Fitoplancton come alimento

Il fitoplancton marino: l'alimento del futuro, il cibo che più sta destando curiosità tra i grandi chef.

Dieta per le gengive infiammate

La dieta per le gengive infiammate consiste in cibi e nutrienti che possono prevenire e rallentare l'infiammazione, bisogna inoltre evitare alcuni alimenti.

 

Caffè espresso

Caffè espresso: la preparazione del classico caffè italiano con la macchina da caffè espresso

Storia del caffè in Italia: tra leggenda e reali innovazioni

Il caffè è diventato simbolo di un'abitudine tutta italiana ma la sua origine è in Oriente. Nel corso del tempo è diventato simbolo di socialità ma la sua diffusione ha avuto ostacoli.

Riso

Il riso è il cereale più diffuso al mondo e originario dell'Asia.

Mindful eating: alimentarsi in ottica mindfulness

Negli ultimi anni si è assistito a un crescente interesse per mindfulness, una pratica che sarebbe alquanto riduttivo definire in poche parole.