Salsa tartara

La salsa tartara è una versione ricca della maionese, composta da uova sia fresche che sode montate con olio e poi aromatizzate con un trito di cetriolini sott'aceto, capperi, prezzemolo, dragoncello e spesso altri ingredienti come la senape, le olive, la cipolla cruda o l'erba cipollina, il cren e così via.

 

 

La salsa tartara è un condimento di origine francese, dal colore chiaro con la presenza evidente di frammenti di verdure ed erbe di colore verde più o meno scuro. Ha un gusto delicato, leggermente acidulo e leggermente piccante (se vengono aggiunti anche senape o rafano).

Viene tradizionalmente usata come accompagnamento di piatti a base di pesce, ma anche di verdure o di carne, in particolar modo viene abbinata all'hamburger, spalmata dentro il panino, oppure alla tartare di carne cruda.

Il nome, "sauce tartare" in francese, le deriva dal fatto che a fine Ottocento, quando fu inventata, fu associata ai Tartari, un popolo rozzo e selvaggio proveniente dalla Siberia, un po' come grossolana è la grana di questa salsa.

 

 

Ricetta della salsa tartara

Salsa Tartara

Per preparare la salsa tartara occorre fare attenzione a che non "impazzisca", un po' come succede con la maionese. Per evitre che impazzisca occorre versare l'olio molto lentamente e poco alla volta, di modo da dargli il tempo di essere asorbito dall uova. 

Nel caso impazzisse c'è comunque un rimedio! Basta tenere da parte la maionese impazzita e prepararne un'altra con un solo tuorlo, poi aggiungendovi poco alla volta (un solo cucciaio alla volta) quella preparata precedentemente.

In alternativa, per mancanza di tempo e/o di voglia, si può preparare la salsa tartara con della maionese già pronta, quella confezionata, ne serviranno circa 100 g.

 

 

Ingredienti:

  • 2 tuorli d'uovo
  • 2 uova
  • 160 ml di olio di semi di girasole
  • 1 cucchiaio di aceto di vino bianco
  • 1 cucchiaio di capperi
  • 3 cetriolini sott'aceto
  • 30 g di erbe aromatiche (prezzemolo, erba cipollina, dragoncello)
  • sale e pepe q.b.

Procedimento:

Rassodare due uova ponendole in un pentolino con acqua fredda e cuocendole per circa 6-8 minuti da quando inizia l'ebollizione. Tritare i cetriolini, i capperi e le erbe aromatiche con la punta di un coltello.

Separare i rossi delle uova sode e schiacciarli, unire l'aceto, sistemare di sale e pepe e poi in un ciotola aggiungere anche le uova fresch. Iniziare a montare il composto con la frusta aggiungendo l'olio a filo poco alla volta dando il tempo alle uova di assorbirlo.

Una volta ottenuta una salsa simile alla maionese unire il trito di cetriolini, capperi ed erbe aomatiche ed amalgamare bene il tutto. La salsa tartara è pronta.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Cibi ultra-processati: fanno davvero male?

I cibi ultra-processati sono definiti dalla classificazione NOVA che ne sconsiglia il consumo, appoggiata da diversi paesi. Rimane da capire come sostituirli in modo efficace.


Caffeina

La caffeina è la sostanza psicoattiva più consumata al mondo, contenuta in diverse piante come caffè, cacao, tè, cola, guaranà e mate.


Quanta caffeina (e caffè) al giorno?

La quantità di caffeina considerata sicura dipende dalle condizioni patologiche e fisiologiche del soggetto, ma anche dalla tollerabilità individuale.


Pasta di legumi: utile solo per la celiachia

La pasta di legumi è utile solo in caso di patologie che richiedano l'eliminazione del glutine dalla dieta, per diverse ragioni che vedremo in questo articolo.

 


Prosciutto cotto senza conservanti (nitriti)

Il prosciutto cotto senza conservanti (nitriti) si sta oggi diffondendo grazie a nuove tecniche non sempre rese note dalle aziende produttrici.


Gli alimenti trasformati o processati: la classificazione NOVA

I cibi processati o trasformati sono classificati secondo la classificazione NOVA che li distingue in base al tipo di processo di produzione a cui sono sottoposti.


Arachidi

Le arachidi, una specie di leguminose tipica dei Paesi sudamericani.


Cosa mangiare durante lo sport

Troppi atleti mangiano a sproposito durante gli allenamenti. In realtà dovrebbe mangiare solo chi fa allenamenti molto lunghi.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.