Polenta fritta

La polenta fritta è un'appetitosa ricetta nata come recupero degli avanzi di polenta del giorno prima. Oggi, ovviamente, può essere preparata anche al momento, basta lasciar raffreddare la polenta in modo che si indurisca prima di friggerla.

 

 

La polenta fritta non è, come potremmo pensare, una preparazione esclusiva del Nord Italia, certo è molto consumata in Veneto, in Emilia o in Trentino, ma la ritroviamo anche in Puglia o in Campania dove entra a far parte del classico cuoppo napoletano, un cartoccio di frittini misti (triangoli di polenta fritta, appunto, uniti a crocchette di patate, melanzane e zucchine fritte, mozzarelline fritte e così via) da consumare come street food

La polenta fritta può essere mangiata tale e quale, magari accompagnata da delle salse a base di yogurt che ne alleggeriscono il gusto, oppure può fare da base per altre pietanze, considerata alla stregua di un crostino di pane tostato. Dunque può essere abbinata a salumi e formaggi, alle uova in camicia, ai funghi, agli asparagi, ai carciofi e, perchè no, anche ai filetti di acciughe sott'olio.

La polenta fritta può essere preparata anche nella versione dolce, aggiungendo in pentola con l'acqua anche un cucchiaio di zucchero e poi spolverandola con zucchero a velo una volta fritta.

La ricetta della polenta fritta

Polenta fritta

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Tempo totale:

Ingredienti per 4 persone

  • 400 g di polenta di mais
  • olio di arachidi per friggere q.b.
  • 100 g di farina di mais
  • pepe nero ed erbe aromatiche (facoltativo)

Preparazione

 

 

Prepararare la polenta di mais in modo tradizionale o al microonde seguendo le ricette indicate in questo articolo, in modo da ottenere una polenta densa, ma vellutata (i tempi di cottura dipendono dalla polenta scelta).

Stendere immediatamente (altrimenti si rapprende e non si riuscirà ad ottenere uno strato liscio e omogeneo) la polenta su una teglia creando uno strato di circa 1 cm di spessore (massimo 1,5), quindi farla raffreddare a temperatura ambiente (volendo velocizzare, mettere in frigorifero una volta che sarà tiepida). Tagliarla a triangoli (o rettangoli, o rombi, a piacere), infarinare ogni pezzo con la stessa farina di mais usata per la polenta. Volendo si può insaporire la farina usata per l'impanatura con pepe nero o altre spezie.

Friggere a 180 gradi per 5-8 minuti a seconda della grandezza, finché la superficie non diventa dorata e croccante. Se si dovessero attaccare, staccare i pezzetti tra di loro con l'aiuto di una ramina dopo 3 minuti che friggono. Scolare con una schiumarola e riporre i pezzi di polenta in un piatto con carta assorbente.

Informazioni nutrizionali per porzione

 

Energia

285 kcal - 1191 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

0 g

Proteine

2 g - 3%

Carboidrati

12 g - 17%

Grassi

25 g - 80%

di cui

 

saturi

2.8 g

monoinsaturi

8.3 g

polinsaturi

12.5 g

Fibre

0 g

Colesterolo

0 mg

Sodio

200 mg

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Yogurt fatto in casa (denso e senza yogurtiera)

Lo yogurt fatto in casa, denso, senza yogurtiera e senza starter microbici, in modo economico, semplice e veloce.


Savoiardi fatti in casa

I savoiardi, i famosi biscotti piemontesi usati come base per il tiramisù o la zuppa inglese.


Baccalà alla portoghese (ricette)

Il baccalà alla portoghese: alcune ricette tipiche tra cui quella del bacalhau a bras.


Tiramisù light con la ricotta

Tiramisù light con la ricotta: tutti i segreti per preparare un tiramisù con la metà delle calorie rispetto all'originale.

 


Sfrappole di carnevale (o frappe, chiacchiere, galani...)

Sfrappole, frappe, chiacchiere, galani, bugie, cenci, fritole: tanti nomi per uno stesso prodotto, i classici dolci fritti di carnevale.


Cotoletta alla bolognese

La cotoletta alla bolognese: un secondo tradizionale tipico del città di Bologna molto ricco di calorie.


Cucina Wellness (Evolution): tanto marketing e poco arrosto?

La cucina wellness, oggi ribattezzata cucina evolution, è un modello di cucina salutistica ideato dalla nutrizionista Chiara Manzi.


Trippa alla romana

La trippa alla romana, il piatto povero del sabato laziale.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.