Cuoppo napoletano

Il cuoppo napoletano, impossibile resistergli, è un cono di fritti misti da passeggio, il principe dello street food partenopeo, ripieno di ogni ben di dio. Il cuoppo in sé è un cono di carta paglia assorbente, la classica carta gialla da fritto, e quello che c'è dentro può cambiare di volta in volta in base ai gusti del cliente o del cuoco. Il cuoppo napoletano viene servito sia nei ristoranti, sia nelle pizzerie, sia dai chioschetti o dai venditori ambulanti, praticamente in ogni angolo di Napoli si può trovare un cuoppo, sia di giorno che di notte! In particolare recentemente stanno nascendo come funghi tante piccole botteghe, friggitorie che si fanno chiamare cuopperie specializzate proprio nella preparazione di fritti, cuoppi e cuoppetielli (la versione più piccola).

 

 

L'attore Totò ha reso celebre il cuoppo con la frase "Miss mia cara Miss, nu’ cuoppo allesse io divento per te", nella canzone del film "Totò a Parigi" del 1958 (qui il video), volendo indicare che di fronte alla donna da lui amata diventava un cuoppo lesso, bollito, ossia un uomo ammaliato e remissivo.

Di fondo i tipi di cuoppo possono essere 3: di mare (di pesce), di terra (di carne e verdure) e dolce. Vediamoli nel dettaglio.

Il cuoppo di mare

 

 

Si chiama così perché ha il pesce tra i suoi ingredienti. A Napoli, in realtà, non lo considerano il vero cuoppo, perchè solitamente i napoletani preferiscono mangiare un fritto di paranza seduti al tavolo, piuttosto che a passeggio, ma nelle nuove friggitorie si può scegliere anche un cuoppo di mare con alici fritte, oppure baccalà fritto, o gamberi e calamari o ancora chele di granchio o polpettine di pesce. Magari in abbinamento a delle patatine fritte.

Quando le si trovano, vanno provate le zeppoline di pasta cresciuta con alghe!

Il cuoppo di terra

Cuoppo napoletano

Ecco il vero e proprio cuoppo! Questo cartoccio di fritto contiene solitamente: tocchetti di melanzane e zucchine fritti, triangolini di polenta fritta, palline di riso (dei mini arancini), panzerottini (che a Napoli sono le crocchette di patate) e zeppole di pasta cresciuta (impasto di pane lievitato e fritto).

 

 

In alcuni casi si possono trovare anche i fiori di zucca ripieni (fiorilli imbottiti), i carciofi fritti in pastella, le mozzarelline fritte, pezzetti di mozzarella in carrozza, le crocchette di pollo o le polpettine di carne. Esistono anche cuoppi più moderni, come quello con salsiccia o wurstel e patatine fritte, che però poco hanno a che fare con la tradizione.

Il cuoppo dolce

Non poteva mancare la versione dolce del cuoppo, ossia le zeppoline fritte, chiamate anche graffette, composte da farina, acqua e lievito, fritte e poi zuccherate in superficie e a volte ricoperte di cioccolata. Anche la versione dolce, come quella di mare, del cuoppo è più un'invenzione moderna delle friggitorie piuttosto che un piatto davvero tradizionale.

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina

Strangozzi alla spoletina - Ricetta umbra

Gli strangozzi sono un formato di pasta di origine umbra, di preparazione molto semplice visto che, di fatto, sono una semplice pasta al pomodoro.

Cinnamon rolls - Ricetta originale svedese

Cinnamon rolls, i rotoli alla cannella originali svedesi, diffusi in tutto il Nord Europa e anche in America: scopriamo la ricetta e tutti i segreti per prepararli.

Frittata dolce di mele alla cannella (ricetta light)

In questo articolo ti proponiamo la frittata dolce di mele alla cannella, che si può preparare tutto l'anno.

Zuppa inglese - Ricetta con savoiardi o pan di Spagna

La zuppa inglese, nata probabilmente durante l'epoca elisabettiana, è un dolce al cucchiaio a base di crema pasticcera e crema al cioccolato, aromatizzata con Alchermes.

 

Pulled pork (maiale sfilacciato) al forno

Pulled pork: una tecnica di cottura al barbeque della spalla di maiale, qui proposta in versione casalinga con il capocollo, a cottura lenta in forno.

Salsa Senape al Miele - Ricetta con limone o aceto

Una delle varianti più classiche della senape è la senape al miele, una salsa molto accattivante che abbina l'acidità della senape alla dolcezza del miele.

Ziti lardiati - Ricetta

Ziti lardiati: la ricetta tradizionale campana preparata con lardo stagionato e pomodorini del Vesuvio, e la tipica pasta simile ai bucatini.

Bucatini (o meglio spaghetti) all'amatriciana

I bucatini (o meglio spaghetti) all'amatriciana, la pasta con pomodoro e guanciale (e senza cipolla nella versione tradizionale) che viene da Amatrice.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.