Panissa ligure e piemontese

Con la parola panissa si indicano due piatti tipici regionali completamente diversi tra loro: la panissa ligure è una sorta di torta salata a base di farina di ceci, simile alla più famosa farinata, mentre la panissa piemontese è un tipo di risotto condito con fagioli, salame e verdure detto anche paniscia.

 

 

La panissa ligure

La panissa ligure è un piatto molto semplice, di umili origini, composto solo da farina di ceci, acqua e sale, impastati tra loro e poi cotto in un tegame come fosse polenta. In seguito la panissa viene fatta raffreddare e tagliata a cubotti o a listarelle, quindi fritta e può essere servita sia calda che fredda, oppure in insalata con cipollotti freschi e una spolverata di pepe. 

Può essere usata anche come base, un po' come si fa con la polentina fritta, di alcuni sfiziosi piatti da aperitivo o da antipasto, per esempio da abbinare al polpo, alla frittura di pesce, ai pomodori secchi o ad altre verdure grigliate.

Viene anche mangiata dentro un panino, a mo' di street food, simile alle panelle di mais siciliane.

La panissa viene detta in dialetto ligure anche panizza o paniccia.

 

 

Panissa Ligure

Ingredienti:

  • 250 g di farina di ceci
  • 1 l di acqua
  • sale q.b.
  • olio di semi di arachide per friggere q.b.

Procedimento:

Versare l'acqua in una casseruola e porla sul fuoco, salarla e attendere che arrivi in uno stato di pre-ebollizione. Toglierla dal fuoco e a mano a mano aggiungere la farina di ceci setacciata, mescolando con una frusta ed evitando di formare grumi (si può anche usare un frullatore ad immersione).

Cuocere il composto a fuoco basso fino a che non si nota che la panissa si stacca da sola dalle pareti della pentola (circa 60 minuti).

Versare la panissa su un piano da lavoro di legno di modo che abbia uno spessore di almeno 2 cm, lasciarla raffreddare e quindi tagliarla a piacimento, a striscioline o a cubetti.

Friggere la panissa in abbondante olio bollente o, in alternativa, saltarla in padella con olio.

Condirla a piacere con cipollotto fresco tagliato a rondelle, sale, pepe e succo di limone.

La panissa piemontese

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Tempo totale:

Panissa Piemontese

In Piemonte la panissa, invece, indica un piatto a base di riso e fagioli, due ingredienti tipici della zona, soprattutto delle provincie di Vercelli e Novara (dove viene detta paniscia).

Questo piatto prende il nome dal latino "paniculum", termine che indicava un cereale molto povero, simile al miglio, oggi ormai sostituito dal riso.

Ci sono vari modi di preparare la panissa in Piemonte, con o senza verdure, con o senza salame, le versioni più diffuse sono basicamente due: la panissa vercellese (con fagioli, lardo e salamino senza verdure) e la paniscia novarese (con fagioli, verdure e salame).

 

 

Entrambe sono adattabili alla cucina Sì, basta modulare opportunamente la quantità di ingredienti grassi (soprattutto lardo, pancetta e salame).

Consiglio di usare riso della qualità Arborio o Baldo e fagioli di Saluggia (un comune piemontese), quando reperibili.

Ingredienti per 4 persone:

  • 350 g di riso Arborio
  • 200 g di fagioli borlotti secchi
  • 1/2 cavolo verza
  • 1 carota
  • 1 cipolla
  • 1 costa di sedano
  • 3 pomodori
  • 80 g di pancetta
  • 1 salamino conservato sott'olio
  • 25 g di burro
  • 1/2 bicchiere di vino rosso
  • sale e pepe q.b.

Procedimento:

Mettere i fagioli in ammollo per circa 8 ore, quindi scolarli, sciacquarli e farli bollire in almeno 1 litro di acqua pe 30 minuti.

Lavare e tagliare le verdure a dadini (cipolla, sedano e carota per il soffritto). Preparare un soffritto in un padella con del burro, quindi aggiungere i pomodori privati dei semi e la verza tagliata a striscioline. Unire la pancetta e il salamino tagliato a dadini e per ultimo il riso, mescolare e sfumare con il vino rosso.
Versare acqua di tanto in tanto per far cuocere il riso (ne occorreranno circa 2 litri).
A metà cottura unire anche i fagioli e portare a compimento la cottura della panissa aggiungendo una noce di burro per la mantecatura finale.

Una curiosità: tutti gli anni a Vercelli viene organizzata la Sagra della Panissa, così come nei paesini limitrofi e nel novarese.

Informazioni nutrizionali per porzione

 

Energia

775 kcal - 3240 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

26 g

Proteine

38 g - 19%

Carboidrati

98 g - 50%

Grassi

27 g - 31%

di cui

 

saturi

10.2 g

monoinsaturi

12.1 g

polinsaturi

3.9 g

Fibre

10 g

Colesterolo

79 mg

Sodio

1082 mg

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina

Pizzoccheri della Valtellina

I pizzoccheri, il tradizionale primo piatto a base di grano saraceno tipico della Valtellina.

Sciatt - Ricetta originale valtellinese

Gli sciatt sono frittelle di grano saraceno tipiche della Valtellina, che racchiudono al loro interno un cuore di formaggio fuso.

Mousse al limone - Ricetta veloce senza uova

Mousse al limone: la ricetta veloce, senza uova, fatta solo con panna, succo di limone, zucchero e gelatina.

Crema catalana (senza panna e senza cannello)

La crema catalana, versione tradizionale e light: di origine spagnola è una crema pasticcera con uno strato di zucchero caramellato in superficie.

 

Bavarese alle fragole - Ricetta

La torta bavarese, o la bavarese, è un dessert di origine francese composto da crema inglese, gelatina e panna montata: oggi vi presentiamo la versione alle fragole.

Marmellata di fichi

La marmellata di fichi è di facile realizzazione e non richiede per forza la pectina: scopriamo come farla con poco zucchero.

Marmellata di fragole con aceto balsamico

Marmellata di fragole con aceto balsamico: scelta della frutta, quantità di zucchero, uso della pectina, cottura e invasettamento.

Marmellata di fragole con poco zucchero

Marmellata di fragole con poco zucchero: scelta della frutta, quantità di zucchero, uso della pectina, cottura e invasettamento.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.