Insalata russa

L'insalata russa è un piatto famosissimo in tutto il mondo (anche se conosciuto con nomi e varianti diverse) costituito da una base di verdure lessate e condite con maionese.

 

 

A differenza di quello che si potrebbe pensare, l'insalata russa non è una pietanza propriamente nata nella cucina russa, bensì fu inventata nel 1860 da un cuoco belga, Lucien Olivier, ed è per questo che in tutto il mondo anglosassone è consociuta come Olivier salad.

La ricetta originale dell'insalata russa proposta da Olivier nel suo ristorante Hermitage di Mosca era un piatto suntuoso composto da vari tipi di carne (gallo, lingua di vitello, anatra), code di gambero, caviale, capperi e poi condita con una salsa detta "provenzale" a base di senape, aceto di vino francese e olio d'oliva.

Olivier custodiva gelosamente la sua ricetta ma la fama della sua insalata era tale che molti altri chef a Mosca tentarono di riprodurre quel piatto, con il risultato che ogni ristorante proponeva la propria versione di insalata russa, che, per amor di precisione, in Russia viene chiamata "insalata capitale" (Stolichny) ed è una delle pietanze che non manca mai durante i pranzi delle festività natalizie, soprattutto a Capodanno.

 

 

Nel corso dei secoli molti ingredienti sono stati sostituiti (soprattutto i più cari...), altri aggiunti in base alle stagioni e ai gusti, pur sempre tenendo conto delle 4 componenti fondamentali: la carne (pollo, wurstel o prosciutto cotto), il pesce (aragosta, gamberi, acciughe), le verdure (piselli, patate, carote, cetriolini) e il condimento finale cremoso.

Oggi come oggi l'insalata russa è considerato un piatto poco pregiato, quasi esclusivamente composto da verdure e maionese e si trova facilmente nei banconi di tutte le gastronomie italiane.

Farlo in casa è semplicissimo e ci si può sbizzarrire con la fantasia, si può, inoltre, produrre la propria insalata russa vegetariana o vegana

Ricetta dell'insalata russa

Insalata russa

La ricetta che propongo è liberamente tratta dal libro di Pellegrino Artusi, La scienza in cucina e l'arte di mangiar bene, 1891, il quale definisce ironicamente l'insalata russa "l'intruglio dei cuochi a loro piacere".

Ingredienti per 4 persone:

  • 100 g di lattuga (o spinacino o rucola)
  • 100 g di rape rosse
  • 70 g di fagiolini
  • 50 g di patate
  • 20 g di carote
  • 20 g di capperi sotto sale
  • 20 g di cetriolini sott'aceto
  • 4 acciughe sotto sale
  • 2 uova sode
  • sale e pepe q.b.
  • maionese q.b. (circa 4 cucchiai)

Procedimento: lavare e pulire l'insalata, quindi tagliarla a julienne e metterla in una ciotola. Lessare le carote, i fagiolini e le patate e tagliarli a dadini, unirli all'insalata. Tenere in ammollo i capperi per pochi minuti e lasciarli interi, tagliare a cubetti anche i cetriolini e aggiungerli. Rassodare le uova per 8 minuti in acqua bollente e tagliare a dadini albume e tuorlo separatamente. Sminuzzare le acciughe e tagliare anche le rape rosse a dadini. Unire tutto nella ciotola, condire con sale e pepe e la maionese.

Volendo si può aromatizzare l'insalata russa con erba cipollina o con prezzemolo tritati.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Uova bazzotte (o barzotte)

Le uova bazzotte: uno dei tanti modi di preparare le uova, facile se fatto con le giuste accortezze.


Salsa rossa o Bagnetto rosso

La salsa rossa, sorella della salsa verde, è un condimento a base di pomodoro tradizionalmente abbinato al bollito misto.


Crema di nocciole proteica

Crema di nocciole proteica: una Nutella più saziante, proteica, meno calorica, adatta per gli spuntini golosi di chi vuole rimanere in forma.


Pasta con cozze e zucchine

La pasta con le cozze e zucchine in bianco, ricetta, varianti, calorie.

 


Caesar salad

La Caesar salad: la famosissima insalata statunitense con lattuga romana, parmigiano e pollo.


Risi e bisi con pancetta e piselli freschi

Risi e bisi, il riso con piselli e pancetta, un primo piatto tipico della cucina veneta.


Burger buns (Panini da hamburger)

Il panino da hamburger, dolce e soffice, è un simbolo della gastronomia anglosassone. Vediamo come prepararlo in casa.


Bucatini (o meglio spaghetti) all'amatriciana

I bucatini (o meglio spaghetti) all'amatriciana, la pasta con pomodoro e guanciale (e senza cipolla nella versione tradizionale) che viene da Amatrice.