Dolma (foglie di vite ripiene)

Nella gastronomia mediorientale vengono chiamati dolma, dal turco "dolmak" che significa "stufare", e la parola "dolma" indica in generale tutta una categoria di involtini in cui un ripieno a base di carne macinata e riso viene avvolto in una foglia di vite o di cavolo verza. Ma nella gastronomia mediorientale anche un peperone ripieno, un pomodoro ripieno o una zucchina ripiena possono essere chiamati dolma. L'importante è che ci sia un vegetale fuori e della carne dentro.

I dolma sono tipici della cucina turca, della cucina greca (dove vengono chiamati dolmades o dolmakia), della cucina dei Balcani, dell'Armenia ma anche della gastronomia russa, di tutta la zona del Caucaso, della penisola arabica e si ritrovano anche nella cucina orientale, soprattutto in quella vietnamita.

In questo mondo vastissimo dei dolma, degli involtini, esistono tantissime varianti accomunate tutte dal tipo di cottura stufata, dall'uso abbondante di spezie ed erbe aromatiche (aneto, menta, prezzemolo in primis), dall'accompagnamento con salse a base di yogurt e da un gusto asprigno dato dal succo di limone.

 

 

Vediamo alcune di queste varianti.

  • In Armenia esiste una versione vegetariana di questo piatto, chiamata Lenten dolma, con foglie di cavolo all'esterno e un ripieno di legumi (fagioli, ceci, lenticchie) stufati con pomodoro e cipolla.
  • In Turchia è molto popolare la variante ai frutti mare, con un ripieno di cozze stufate, riso e cipolla.
  • Nella cucina persiana si preferisce usare il riso basmati e come spezia viene usato il cumino.
  • In Israele esiste una versione che prevede un ripieno di bulgur, al posto del riso.

Le foglie di vite

Foglie vite

Le foglie di vite sono un ingrediente tipico della cucina mediorientale, usato già dai tempi degli antici Greci, ma che qui in Italia non ha mai preso piede ed è anche difficile da trovare.

Nei negozi etnici più forniti possiamo recuperare le foglie di vite essiccate, oppure conservate in salamoia dentro dei barattoli. Quelle conservate nei barattoli, però, hanno già un gusto molto deciso e acidulo, dato dalla salamoia con acqua, sale, acido citrico e altri conservanti. Sarebbe meglio, dunque, acquistarle semplicemente essiccate, così avranno un gusto neutro e si insaporiranno con gli ingredienti che scegliamo per la nostra ricetta.
Meglio ancora sarebbe fare una passeggiata in vigna in estate e raccoglierle fresche, assicurandosi che le piante non siano state trattate. 

In assenza di foglie di vite si possono usare le foglie del cavolo verza o del cavolo cappuccio, ma a questo punto è meglio non usare il succo di limone che non si abbina bene al gusto del cavolo.

La ricetta dei dolma

Dolma involtini

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Tempo totale:

Ingredienti per 4 persone

  • 20 foglie di vite
  • 1 cipolla
  • 120 g di carne macinata
  • 120 g di riso tipo Vialone Nano
  • erbe aromatiche (menta, aneto, prezzemolo)
  • 2 cucchiai d'olio extra vergine di oliva
  • 1 limone (il succo)
  • sale e pepe q.b.

Preparazione

 

 

Trattare le foglie di vite è semplicissimo, basta sciacquarle delicatamente e sbollentarle per 5 minuti in acqua bollente, quindi farle raffreddare e tenerle da parte mentre si prepara il ripieno.

Tostare il riso a secco in una casseruola, metterlo da parte. Preparare un soffritto con l'olio e la cipolla tritata in padella, aggiungere il riso e un mestolo di acqua bollente. Rosolare la carne a parte in una padella antiaderente, quindi aggiungerla al riso, salare. Quando l'acqua sarà stata assorbita, spegnere la fiamma.

A questo punto farcire ogni foglia con un cucchiaio di ripieno, avvolgerle su loro stesse e preparare tutti gli involtini chiudendo bene le estremità laterali per evitare che il ripieno possa fuoriuscire.

Adagiare i dolma in una pentola, versare il succo di limone e acqua fredda fino a ricoprirli, quindi cuocere per circa un'ora, fino a quando l'acqua non sarà completamente assorbita.

Una volta cotti vanno fatti raffreddare e serviti freddi, magari accompagnati da olive e salsa tzatziki.

Informazioni nutrizionali per porzione

 

Energia

193 kcal - 807 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

6 g

Proteine

8 g - 16%

Carboidrati

25 g - 50%

Grassi

8 g - 34%

di cui

 

saturi

1.6 g

monoinsaturi

4.5 g

polinsaturi

1.0 g

Fibre

0 g

Colesterolo

18 mg

Sodio

20 mg

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Ricetta Orecchiette broccoli e salsiccia

Le orecchiette con broccoli e salsiccia sono un piatto tipico del sud ormai diffuso in tutta Italia: merito della loro bontà!


Zabaione o zabaglione

Lo zabaione o zabaglione: un dolce al cucchiaio composto semplicemente da uova, zucchero e liquore.


Spaghetti cacio e pepe

Spaghetti cacio e pepe: un grande classico della cucina romana, apparentemente semplice ma che richiede ingredienti di grande qualità.


Udon - Saltati e in brodo

Gli udon o noodles udon sono spaghetti tipici della cucina giapponesi composti da farina di grano, sale e acqua.

 


Corso di analisi sensoriale del miele

Sebbene il miele sia poco conosciuto e poco consumato, l'Italia vanta un Albo nazionale degli assaggiatori di miele.


Insalata di gamberi (alla catalana e non solo)

Insalata di gamberi: alla catalana, in salsa cocktail, cantabrica. Le ricette, gli ingredienti, i segreti per prepararla.


Pasta al tonno (in scatola) in bianco

La pasta al tonno in bianco: un classico della cucina moderna poiché semplice e veloce. Fatta con il tonno in scatola sott'olio.


Gulasch (o gulash) : ricetta originale e light

Il gulasch, il famoso piatto ungherese qui proposto con la ricetta originale, ma anche rivisitato in chiave dietetica.