La dieta per la salute dei capelli: esiste?

La dieta per la salute dei capelli esiste? Vediamo di seguito la risposta a questa domanda e quali cibi e nutrienti possono aiutarci a mantenere in salute i nostri capelli.

 

 

I capelli: focus generale

I capelli sono costituiti da circa il 70% di cheratina, una delle proteine più abbondanti del nostro corpo. Questa molecola è responsabile della resistenza e corposità dei capelli ed è formata dagli amminoacidi essenziali lisina e cisteina. Queste ultime molecole non possono essere sintetizzate dal nostro organismo ma devono essere introdotte attraverso la dieta.

La restante percentuale dei capelli è composta da acqua, grassi, proteine in generale e oligoelementi. 

Capelli fragili e con doppie punte sono tipici di carenza di lisina e cisteina, che potrebbe verificarsi in caso di una dieta povera di proteine. In realtà, tale tipo di carenza è molto rara nei paesi occidentali, e può verificarsi in casi di dieta fortemente sbilanciate che esclude intere categorie di prodotti, come le diete vegane non opportunamente formulate.

 

 

Cosa mangiare per avere capelli sani e forti?

La dieta per la salute dei capelli può aiutare a prevenire alcuni problemi comuni alla capigliatura. Come vedremo di seguito, in realtà non è necessario adottare uno specifico regime alimentare per mantenere i capelli sani, ma è sufficiente avere un'alimentazione equilibrata e varia, ricca di vitamine, minerali e amminoacidi. Inoltre, una dieta drastica potrebbe favorire la caduta dei capelli in quanto potrebbe determinare una carenza di nutrienti essenziali per la loro salute. 

Vi sono alimenti che più di altri si può affermare che facciano bene ai capelli, ma quali sono? Fra questi, gli alimenti di origine animale sono ricchi di proteine ad alto valore biologico, ricchi quindi di amminoacidi essenziali. Pesce, carne, uova e formaggi possono aiutare a rispondere alla domanda di chi si chiede cosa bisogna mangiare per rinforzare i capelli. Nel caso in cui si scelga un'alimentazione vegana, che esclude quindi tutti gli alimenti di origine animale, è necessario fare gli opportuni abbinamenti tra i cibi per evitare carenze di amminoacidi essenziali. Uno dei più comuni è l'associazione tra legumi e cereali. Se si forniscono con la dieta tutti gli amminoacidi essenziali si facilita la sintesi della cheratina che, come abbiamo detto, determina la forza e la consistenza dei capelli. Di conseguenza, gli alimenti ricchi di amminoacidi essenziali sono importanti per avere capelli folti.

Il peperoncino è un vasodilatatore e stimola quindi i vasi sanguigni dei bulbi piliferi nell'azione di rigenerazione dei capelli. Anche il cioccolato, con le sue proteine e minerali, ha azione positiva nei confronti della circolazione sanguigna. 

Altri alimenti per capelli sani sono cereali integrali, legumi, frutta e verdura: questi sono cibi ricchi di vitamine e minerali importanti per il benessere dei capelli. Per lo stesso motivo anche la frutta secca non deve mai mancare per chi cerca rimedi naturali contro la caduta dei capelli attraverso l'alimentazione. 

 

 

Tra gli alimenti di origine animale, il pesce è importante perchè fornisce gli acidi grassi omega-3 di cui i capelli sono composti. 

L'acqua, altro costituente dei capelli, deve essere abbondante e sempre presente nell'alimentazione equilibrata. 

I micronutrienti per capelli sani

Oltre a cisteina e lisina, che come abbiamo visto aiutano nel mantenere folti e robusti i capelli, altri amminoacidi importanti sono la taurina e l'arginina, che mantengono il benessere dei bulbi piliferi. Queste molecole si trovano in alimenti di origine animale come uova, pesce e carne rossa. 

Le vitamine e i minerali sono micronutrienti importanti per il benessere non solo dei capelli ma di tutto l'organismo. Esse sono infatti coinvolte in diversi processi metabolici e funzioni fisiologiche. in particolar modo le vitamine del gruppo B aiutano a mantenere la robustezza dei capelli, in particolare la vitamina B1. La riboflavina, o vitamina B2, contribuisce nella regolazione della secrezione del sebo nel cuoio capelluto e combatte i capelli secchi. La vitamina B5 aiuta nella crescita dei capelli, mentre la vitamina B9, ossia l'acido folico, è coinvolta nella sintesi delle proteine per cui aiuta anche quella della cheratina, contribuendo a rendere i capelli forti. Anche la vitamina E con la sua azione antiossidante combatte la caduta dei capelli. La vitamina A favorisce l'ossigenazione dei follicoli contribuendo alla forza e alla salute dei capelli. 

I minerali sono altri micronutrienti che possono aiutare ad avere capelli più sani. In particolare, ferro, rame, magnesio, zinco e zolfo rallentano la caduta dei capelli e ne favoriscono la ricrescita e l'irrobustimento. 

Così come abbiamo detto per le carenze proteiche, anche quelle di vitamine e minerali sono difficile da riscontrare nel mondo occidentale. Appare quindi inutile fossilizzarsi su carenze di questo tipo da imputare come causa di capelli non sani, soprattutto se non si decide di seguire uno stile di vita salutare anche in altri aspetti che poco hanno a che fare con l'alimentazione. 

Inoltre, le carenze vitaminiche, a meno di regimi alimentari molto ristretti o condizioni patologiche e fisiologiche particolari, sono difficili da verificarsi. Il fabbisogno di vitamine e minerali è in genere molto basso e può essere facilmente soddisfatto attraverso gli alimenti. Domande quindi come quali carenze di vitamine fanno cadere i capelli hanno come risposta: nessuna, se la dieta è equilibrata e varia. 

Se si temono carenze, e si vuole stare sul sicuro, si può optare per un semplice ed economico multivitaminico, che fornisca all'organismo la dose giornaliera raccomandata dei principali micronutrienti (vitamine e minerali).

Integratori per capelli sani

Molto spesso vengono pubblicizzati integratori specifici per capelli sani che possono contenere amminoacidi e vitamine utili nel determinare la forza e la salute dei capelli. Quello che bisogna capire è che questi integratori sono efficaci solo in caso di carenza effettiva di uno o più nutrienti che contengono, cosa altamente improbabile nelle società occidentali.

Gli integratori più comuni sono a base di vitamine del gruppo B ma anche vitamina E ed A, con l'aggiunta di minerali quali ferro, zinco e zolfo. Altri prodotti possono contenere anche amminoacidi come cisteina e lisina. 

Oggi vi sono anche nutraceutici, ossia sostanze alimentari efficaci per la salute che possono essere addizionate ai cibi. Fra queste vi sono alcune formulazioni adatte anche alla salute dei capelli, come il lievito di birra, ricco di vitamine del gruppo B, che può essere addizionate in scaglie ai piatti. 

Accorgimenti per capelli sani

La dieta equilibrata va sempre accompagnata ad uno stile di vita sano, senza il quale non si può ottenere il completo raggiungimento della salute dei capelli. 

Il fumo è uno dei fattori che contribuisce maggiormente a rendere i capelli deboli e che tende a favorire la caduta dei capelli. La nicotina, infatti, contribuisce al loro danneggiamento. 

Altro fattore importante nella salute dei capelli è l'esposizione solare: non deve essere eccessiva per evitare il loro indebolimento. 

I lavaggi, inoltre, devono essere effettuati con prodotti di qualità, non aggressivi e non devono essere effettuati troppo di frequente, è sufficiente lavarli 2-3 volte alla settimana. 

L'asciugatura deve essere delicata e graduale, evitando l'eccesso di calore e mantenendo il phon ad una distanza di circa 30 cm dalla testa. 

In conclusione

Così come potremmo concludere per quanto riguarda la dieta per unghie sane, imputare la mancata salute dei capelli alla sola alimentazione è inutile. Un'alimentazione varia ed equilibrata soddisfa, in genere, i fabbisogni di nutrienti necessari a mantenere in salute tutto il corpo, capelli compresi. Alcuni alimenti possiedono molecole importanti per i capelli, come amminoacidi essenziali, vitamine e minerali, pertanto qualora si escludano totalmente dalla dieta, va preso in considerazione una loro sostituzione con altri cibi dalle stesse caratteristiche nutrizionali. Qualora questo non fosse possibile, si ricorre all'integrazione. 

Risulta inutile, però, prestare attenzione all'alimentazione e non ad uno stile di vita sano in generale, privo quindi di fumo e stress, ma accompagnato dall'attività fisica. 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Dieta


Dieta: abbassa il metabolismo?

La dieta ipocalorica, specie se protratta per lunghi periodi di tempo, determina un rallentamento del metabolismo per diversi meccanismi regolatori che coinvolgono ormoni e neuropeptidi.


Saltare la colazione: fa male o fa dimagrire?

Saltare la prima colazione o farla non influisce sul peso corporeo nel lungo termine, ma alcuni studi a breve termine giungono a conclusioni diverse.


La buccia della frutta è ricca di vitamine?

La buccia della frutta non contiene in genere grandi quantità di vitamine, che sono per la maggior parte presenti invece nella polpa del frutto.


Biologo nutrizionista: cosa fa, differenze col dietista

Biologo nutrizionista: l'unica figura professionale che può prescrivere diete, oltre al dietologo.

 


Dietologo: il medico che si occupa di nutrizione

La figura del medico dietologo: formazione, competenze e differenze con il biologo nutrizionista.


Dietista: cosa fa, la laurea, differenze col biologo nutrizionista

La figura del dietista: come si forma, le competenze, le differenze con il biologo nutrizionista.


Ionoforesi: definizione, applicazioni, vantaggi e svantaggi

La ionoforesi è una tecnica usata per la somministrazione dei farmaci attraverso la veicolazione di una corrente continua.


La dieta per la salute dei capelli: esiste?

La dieta può essere utile nel mantenimento della salute dei capelli se è varia ed equilibrata ed accompagnata ad uno stile di vita sano.