La dieta per la gastrite

La gastrite è un processo infiammatorio, che può essere acuto o cronico, della parete stomaco.

I classici sintomi della gastrite sono l'acidità, che in genere il soggetto avverte come "sensazione di stomaco gonfio", la digestione lenta e laboriosa, le eruttazioni acide, il sapore amaro in bocca, i crampi allo stomaco, seguiti da vomito e nausea, con sensazione di vertigine e sudorazione fredda.

In molti casi la gastrite dipende dalla sindrome dispeptica ipersecretoria, cioè dalla eccessiva produzione di acido dello stomaco. In questi casi una dieta corretta può aiutare molto a gestire i sintomi della gastrite.

In altri casi la gastrite non dipende dalla dieta, ma da cattive abitudini come l'abuso di alcol e/o di fumo.

Dieta gastrite

In altri casi ancora, la gastrite dipende dall'abuso di farmaci, come gli antinfiammatori non steroidei (FANS, che se assunti per lunghi periodi vanno associati a un gastroprotettore), l'aspirina e gli antiaggreganti.

Dunque, prima di impostare una dieta per la gastrite, bisognerà scoprirne le cause, agire su queste e di conseguenza intervenire sulla dieta per limitare i sintomi ed evitare le ricadute.

Dieta e gastrite

Chi soffre di gastrite dovrebbe seguire una dieta che rispetti i consigli per una buona digestione. Inoltre, dovrebbe evitare pasti troppo abbondanti, ma puntare su piccoli pasti, frequenti.

 

 

Se la gastrite dipende da un eccesso di acidità, bisogna seguire una dieta povera di cibi che richiedono forti secrezioni acide come la carne e il pesce, ma puntare su quelli che tamponano l'acidità come i latticini, il pane e gli amidi in genere.

In generale bisognerà fare attenzione anche agli alimenti molto acidi come alcuni frutti (arance, mandarini, kiwi, limoni, fragole, ecc).

I cibi che richiedono una lunga digestione, come quelli ricchi di grassi cotti a lungo, andranno limitati a occasioni particolari e non in grandi quantità.

Questi consigli di massima andranno personalizzati dal paziente in base alle proprie sensazioni e con l'aiuto del medico, al fine di progettare una dieta personalizzata che offra la massima libertà compatibilmente con il controllo dei sintomi legati alla gastrite.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Dieta


Il fabbisogno calorico

Il fabbisogno calorico giornaliero è la quantità di energia (espressa in kcal) necessaria al mantenimento del nostro peso corporeo.


Il metabolismo basso

Come capire se si ha un metabolismo davvero basso o se si è dei veri mangioni.


Etichetta a semaforo (traffic light label)

Un recente dibattito dell'Unione Europea sulle etichette a semaforo per aiutare la popolazione ad alimentarsi in modo più equilibrato: vantaggi e svantaggi.


Perché la pizza è difficile da digerire?

Tantissime persone non riescono a digerire correttamente la pizza: non è solo una questione di lievitazione e cottura, ma anche di quantità... Perché il troppo, comunque, stroppia!

 


La pizza fa ingrassare?

La pizza fa ingrassare? Scopriamo, dati alla mano, se può essere considerata solo uno sgarro alimentare da concedersi ogni tanto, o se è possibile assumerla più di frequente.


Quante calorie ha la pizza?

Quante calorie ha una pizza? Sebbene sia un alimento variabile, è possibile risalire con abbastanza precisione alle calorie totali sia di una margherita che di una pizza condita.


La mozzarella fa ingrassare?

La mozzarella fa ingrassare? È tradizionalmente considerato un formaggio adatto in una dieta ipocalorica, in realtà a causa della sua appetibilità è un formaggio pericoloso per la linea!


Calorie del formaggio

Le calorie del formaggio sono molto variabili, ma dividendo i formaggi in categorie è possibile calcolarle in modo molto semplice!