La dieta per la gastrite

La gastrite è un processo infiammatorio, che può essere acuto o cronico, della parete stomaco.

 

 

I classici sintomi della gastrite sono l'acidità, che in genere il soggetto avverte come "sensazione di stomaco gonfio", la digestione lenta e laboriosa, le eruttazioni acide, il sapore amaro in bocca, i crampi allo stomaco, seguiti da vomito e nausea, con sensazione di vertigine e sudorazione fredda.

In molti casi la gastrite dipende dalla sindrome dispeptica ipersecretoria, cioè dalla eccessiva produzione di acido dello stomaco. In questi casi una dieta corretta può aiutare molto a gestire i sintomi della gastrite.

In altri casi la gastrite non dipende dalla dieta, ma da cattive abitudini come l'abuso di alcol e/o di fumo.

Dieta gastrite

In altri casi ancora, la gastrite dipende dall'abuso di farmaci, come gli antinfiammatori non steroidei (FANS, che se assunti per lunghi periodi vanno associati a un gastroprotettore), l'aspirina e gli antiaggreganti.

Dunque, prima di impostare una dieta per la gastrite, bisognerà scoprirne le cause, agire su queste e di conseguenza intervenire sulla dieta per limitare i sintomi ed evitare le ricadute.

Dieta e gastrite

Chi soffre di gastrite dovrebbe seguire una dieta che rispetti i consigli per una buona digestione. Inoltre, dovrebbe evitare pasti troppo abbondanti, ma puntare su piccoli pasti, frequenti.

 

 

Se la gastrite dipende da un eccesso di acidità, bisogna seguire una dieta povera di cibi che richiedono forti secrezioni acide come la carne e il pesce, ma puntare su quelli che tamponano l'acidità come i latticini, il pane e gli amidi in genere.

In generale bisognerà fare attenzione anche agli alimenti molto acidi come alcuni frutti (arance, mandarini, kiwi, limoni, fragole, ecc).

I cibi che richiedono una lunga digestione, come quelli ricchi di grassi cotti a lungo, andranno limitati a occasioni particolari e non in grandi quantità.

Questi consigli di massima andranno personalizzati dal paziente in base alle proprie sensazioni e con l'aiuto del medico, al fine di progettare una dieta personalizzata che offra la massima libertà compatibilmente con il controllo dei sintomi legati alla gastrite.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Dieta


Nutriscore (etichetta a semaforo): utile o dannosa?

Un recente dibattito dell'Unione Europea sulle etichette a semaforo per aiutare la popolazione ad alimentarsi in modo più equilibrato: vantaggi e svantaggi.


Fiori di Bach: la cura placebo per le emozioni

I fiori di Bach sono una terapia proposta per la cura delle malattie, ritenute dai suoi sostenitori come causate da squilibri emotivi.


Costituzione robusta: un luogo comune da sfatare!

Il termine "costituzione robusta" è il più delle volte un alibi dietro il quale ci si nasconde.


Dieta: abbassa il metabolismo?

La dieta ipocalorica, specie se protratta per lunghi periodi di tempo, determina un rallentamento del metabolismo per diversi meccanismi regolatori che coinvolgono ormoni e neuropeptidi.

 


Saltare la colazione: fa male o fa dimagrire?

Saltare la prima colazione o farla non influisce sul peso corporeo nel lungo termine, ma alcuni studi a breve termine giungono a conclusioni diverse.


La buccia della frutta è ricca di vitamine?

La buccia della frutta non contiene in genere grandi quantità di vitamine, che sono per la maggior parte presenti invece nella polpa del frutto.


Biologo nutrizionista: cosa fa, differenze col dietista

Biologo nutrizionista: l'unica figura professionale che può prescrivere diete, oltre al dietologo.


Dietologo: il medico che si occupa di nutrizione

La figura del medico dietologo: formazione, competenze e differenze con il biologo nutrizionista.