La dieta per la menopausa

La menopausa è una fase della vita sessuale femminile, caratterizzata dalla cessazione definitiva dei cicli mestruali, per esaurimento della funzione dell'ovaio. La menopausa interviene generalmente tra i 40 e i 50 anni e spesso si accompagna ad un complesso di manifestazioni che rientrano nel quadro del climaterio femminile; le più spiccate tra di esse riguardano i caratteri sessuali, il sistema nervoso e l'apparato cardiovascolare.

La menopausa può anche essere causata da interventi chirurgici sugli organi genitali interni o da trattamenti ormonoterapici (menopausa artificiale).

Con la menopausa iniziano per la donna una serie di cambiamenti fisiologici che possono comportare una serie di disturbi, come l'aumento della pressione arteriosa e quindi l'aumento del rischio di malattie cardiovascolari, l'osteoporosi (cioè la riduzione della massa del tessuto osseo, dovuta alla sospensione della produzione di estrogeni che agiscono come protezione nei confronti della demineralizzazione ossea, che quindi in menopausa va monitorata costantemente), la depressione, per chi non accetta questa nuova condizione ed infine, l'aumento ponderale, dovuto in parte ad un problema psicologico, in parte al cambiamento fisiologico.

Dieta in menopausa: calorie e nutrienti

Dieta menopausa

Infatti con l'aumentare dell'età diminuisce il fabbisogno calorico, ma ciò non va di pari passo con l'introito del cibo che spesso continua ad essere superiore alle necessità. Date le caratteristiche della menopausa e il ruolo che il cibo riveste, oggi particolarmente, è chiaro che anche per questa condizione si possono dare dei consigli alimentari. Le donne in menopausa dovrebbero innanzitutto contrastare l'osteoporosi aumentando l'introito del calcio (fino a 1000 mg al giorno), attraverso una dieta ricca di latte, formaggi, yogurt, uova (il tuorlo in particolare è ricco di calcio) e verdure. In realtà l'assorbimento del calcio,che avviene soprattutto nell'ileo, e la sua utilizzazione, dipendono anche dal paratormone (l'ormone delle paratiroidi), dalla calcitonina e dall'1-25-diidrossicolecalciferolo, derivato quest'ultimo dalla vitamina D (presente nell'olio di fegato di merluzzo, nel salmone, nell'aringa, nelle uova e, anche se in minor quantità anche nei formaggi, soprattutto quelli più grassi). Da evitare invece l'abuso di aceto, di alcool e il fumo, che tendono a demineralizzare l'osso.

 

 

È bene inoltre diminuire l'apporto di sale, essendo la menopausa condizione favorente la ipertensione arteriosa, e di grassi, come prevenzione per le malattie cardiovascolari.

Durante la menopausa è consigliabile anche l'assunzione della soia che, contenendo i fitoestrogeni, (composti, presenti in numerose piante, caratterizzati da un'azione simile a quella degli estrogeni, cioè gli ormoni femminili prodotti soprattutto dalle ovaie) rappresenta un'ottima alternativa naturale alla terapia ormonale sostitutiva. Infine in menopausa è molto importante abbinare a questo tipo di dieta l'attività fisica, possibilmente all'aria aperta (i raggi solari attivano la vitamina D) e svolgendo movimenti che sollecitano il sistema scheletrico, quindi contro una resistenza (portare un carrello o lavorare la terra). In questo modo infatti si combatte la menopausa su più fronti dal momento che si limita l'osteoporosi, grazie ai movimenti di trazione e all'esposizione al sole che aumenta l'assorbimento del calcio, si riduce la massa corporea, favorendo il controllo pressorio e diminuendo il rischio di malattie cardiovascolari, e, nel modo più semplice possibile si contrasta la depressione, che normalmente fa sì che la donna si chiuda in se stessa limitando la socializzazione.

A proposito del peso, va comunque sottolineato che anche in menopausa un po' di grasso fa bene. Ovviamente è preferibile avere un tipo di grasso periferico e non centrale, cioè avere una struttura corporea a pera e non a mela. Il grasso infatti contiene l'enzima aromatasi che converte gli androgeni deboli sintetizzati dai surreni (i quali a differenza delle ovaie funzionano allo stesso modo anche in menopausa) in estrogeni, che sono endotelio-protettivi.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Dieta


Il fabbisogno calorico

Il fabbisogno calorico giornaliero è la quantità di energia (espressa in kcal) necessaria al mantenimento del nostro peso corporeo.


Il metabolismo basso

Come capire se si ha un metabolismo davvero basso o se si è dei veri mangioni.


Etichetta a semaforo (traffic light label)

Un recente dibattito dell'Unione Europea sulle etichette a semaforo per aiutare la popolazione ad alimentarsi in modo più equilibrato: vantaggi e svantaggi.


Perché la pizza è difficile da digerire?

Tantissime persone non riescono a digerire correttamente la pizza: non è solo una questione di lievitazione e cottura, ma anche di quantità... Perché il troppo, comunque, stroppia!

 


La pizza fa ingrassare?

La pizza fa ingrassare? Scopriamo, dati alla mano, se può essere considerata solo uno sgarro alimentare da concedersi ogni tanto, o se è possibile assumerla più di frequente.


Quante calorie ha la pizza?

Quante calorie ha una pizza? Sebbene sia un alimento variabile, è possibile risalire con abbastanza precisione alle calorie totali sia di una margherita che di una pizza condita.


La mozzarella fa ingrassare?

La mozzarella fa ingrassare? È tradizionalmente considerato un formaggio adatto in una dieta ipocalorica, in realtà a causa della sua appetibilità è un formaggio pericoloso per la linea!


Calorie del formaggio

Le calorie del formaggio sono molto variabili, ma dividendo i formaggi in categorie è possibile calcolarle in modo molto semplice!