Pasta con pesto di pistacchi e gamberi

La Sicilia è l'unica regione italiana che può vantare una produzione importante di pistacchi, un frutto molto particolare che viene coltivato soprattutto alle pendici dell'Etna, il vulcano più alto d'Europa, e precisamente nei dintorni del comune di Bronte, situato nella zona sud ovest del vulcano. Questo habitat così particolare rende i pistacchi di Bronte molto saporiti, di qualità eccezionale, ma anche molto cari a causa delle difficoltà di raccolta, che non può essere fatta con sistemi automatizzati, a causa della pietra lavica che si trova alla base degli alberi di pistacchio di queste zone.

 

 

Anche i Gamberi sono tipici della regione siciliana, e in particolare quelli di Mazara del Vallo. Oggi vi proponiamo una ricetta che utilizza entrambi questi ingredienti: la pasta con pesto di pistacchi e gamberi.

Cos'è il pesto di pistacchi?

Il pistacchio è un frutto molto versatile, che si può utilizzare per diverse preparazioni, sia dolci che salate, anche se abitualmente lo troviamo utilizzato in pasticceria, e dunque nelle ricette dolci.

 

 

Il pesto di pistacchi è probabilmente la ricetta salata più conosciuta, e viene preparata macinando o frullando i pistacchi con olio extravergine, aglio, formaggio, erbe aromatiche, sale e pepe. Occorre aggiungere acqua alla ricetta, per raggiungere la consistenza ideale, e ovviamente è possibile personalizzare gli ingredienti aggiungendone o anche omettendone uno o più di uno.

Come formaggio si utilizza spesso il Grana Padano o il Parmigiano-Reggiano (sai qual è la differenza?), ma c'è anche chi preferisce il pecorino, magari siciliano. Se si vuole rendere la ricetta vegana, si può omettere del tutto il formaggio, aumentando il sale per compensare.

Se non amate l'aglio, si può ovviamente omettere.

Essendo un pesto, in genere viene utilizzato il basilico come erba aromatica, ma ovviamente è sempre possibile utilizzarne altre, anche in miscela.

C'è chi aggiunge della scorza di limone, per conferire profumo e freschezza alla ricetta.

I pistacchi devono essere non tostati e non salati, e andrebbero pelati (privati della pellicina che avvolge il frutto) prima di essere pestati, operazione che si esegue facilmente, sbollentando i pistacchi per pochi secondi, per favorire la rimozione della pellicina esterna. Volendo, si può utilizzare la pasta di pistacchi pura, un semilavorato per pasticceria e gelateria che si può facilmente trovare online, che altro non è se non pistacchio al 100%, macinato e ridotto in pasta.

Sì o No?

Come ogni pesto che si rispetti, si tratta di un sugo decisamente ipercalorico, che tuttavia è possibile abbinare a una verdura favorevole (zucchine o fagiolini, per esempio) in modo tale da abbassare la densità calorica del piatto e rispettare i vincoli della cucina Sì, potendo così inserire questa ricetta all'interno di un piano alimentare ipocalorico (per dimagrire) o normocalorico (per mantenere il peso forma).

 

 

Se non si adottano opportune strategie per abbassare la densità calorica, ovvero se non si aggiungono verdure e se non si bilancia in modo opportuno la quantità di pesto, pasta e verdura, la pasta col pesto di gamberi è un piatto che possono permettersi solo coloro che consumano molte calorie, perché giovani o molto sportivi.

Un esempio per utilizzare il pesto genovese in una ricetta ipocalorica: insalata di pasta al pesto con fagiolini.

Ricetta della pasta con pesto di pistacchi e gamberi

Pasta con pesto di pistacchi e gamberi

Il pesto di pistacchi si può utilizzare da solo, per condire qualunque tipo di pasta, come se fosse un normale pesto genovese.  

Oggi vi proponiamo una raffinata ricetta che utilizza un altro ingrediente tipico siciliano: la pasta con pesto di pistacchi e gamberi.

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura: 20

Tempo totale: 40

Ingredienti per 4 persone

Per il pesto:

  • 80 g di pistacchi non salati
  • 40 g di acqua
  • 40 g di olio extravergine di oliva
  • 20 g di Parmigiano-Reggiano
  • 3 foglie di basilico
  • un ciuffetto di prezzemolo
  • un pezzetto di aglio (1/4 di spicchio)
  • sale, pepe

Per la pasta:

  • 320 g di pasta (fusilli, penne, o busiate)
  • 800 g di gamberoni interi (con carapace)
  • il pesto di pistacchi
  • 10 g di olio extravergine
  • la scorza di mezzo limone
  • 1 cucchiaio di succo di limone
  • sale

Preparazione

Bollire 2 litri di acqua salata in una casseruola. Tuffarvi i pistacchi, cuocerli per un minuto, quindi rimuoverli, farli raffreddare, pelarli e metterli in un frullatore insieme al basilico, l'aglio, il prezzemolo, il parmigiano, l'acqua, l'olio, il sale e il pepe. Frullare per 30 secondi, quindi attendere 30 secondi per evitare che il pesto si surriscaldi troppo, ripetere l'operazione fino ad ottenere una crema densa e omogenea. Assaggiare, e regolare di sale e pepe.

In una casseruola di 28-32 cm di diametro, scaldare l'olio e soffriggere i gamberoni un minuto per lato, quindi aggiungere acqua fino a coprirli, portare ad ebollizione, unire il succo e la scorza di limone, e cuocere a fuoco medio per 10 minuti. Togliere i gamberoni, farli raffreddare, sgusciarli e tagliarli a pezzetti.

Buttare la pasta nell'acqua bollente, e scolarla quando manca un minuto alla cottura, avendo cura di conservare un po' di acqua di cottura.

Versare la pasta nella padella dei gamberoni, e ultimare la cottura in quel liquido, aggiungendo acqua di cottura se si asciuga troppo.

Quando la pasta è quasi pronta, unire il pesto e mescolare bene per farla insaporire, continuando ad aggiungere acqua di cottura, per regolare la densità del sugo. Da ultimo, aggiungere i gamberoni, assaggiare, regolare di pepe e servire.

Informazioni nutrizionali per porzione

 

Energia

599 kcal - 2504 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

14 g

Proteine

26 g - 17%

Carboidrati

68 g - 44%

Grassi

27 g - 39%

di cui

 

saturi

4.1 g

monoinsaturi

17.0 g

polinsaturi

3.9 g

Fibre

4 g

Colesterolo

140 mg

Sodio

170 mg

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina

Penne al baffo - Origine e ricetta con zucchine

Penne al baffo origine e ricetta con zucchine: variante salutistica di una ricetta semplice, dalle origini incerte ma probabilmente nata negli anni '80.

Frittelle di mele - Gonfie e soffici

Le frittelle di mele sono un dolce tipico della regione Trentino Alto Adige, ma diffusa in tutta Italia. Scopri come farle gonfie e soffici!

Scapece

Scapece ovvero la marinatura in aceto ed erbe aromatiche di verdure o pesci fritti tipica del Meridione.

Alici marinate - Ricetta classica e veloce con aceto

Le alici marinate sono un piatto semplice, ma è importante adottare alcuni accorgimenti per essere sicuri del risultato. Scopriamo questa ricetta con aceto, vino e limone.

 

Pasta con pesto di pistacchi e gamberi

Pasta con pesto di pistacchi e gamberi: una raffinata e gustosa ricetta di origine siciliana, patria tanto dei gamberi, quanto dei pistacchi.

Zeppole di San Giuseppe

Zeppole di San Giuseppe: i dolci tipici campani, diffusi un po' in tutto il sud Italia, a base di pasta per bignè che però viene fritta, dopo un passaggio in forno.

Ziti alla genovese - Origini e ricetta napoletana

Ziti alla genovese: la ricetta originale napoletana di questo primo piatto a base di cipolle e carne di manzo.

Gulasch (o gulash) : ricetta originale e light

Il gulasch, il famoso piatto ungherese qui proposto con la ricetta originale, ma anche rivisitato in chiave dietetica.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.