Calorie della carne

Guarda il video >>

Quante calorie ha la carne? O meglio, quante calorie hanno i vari tipi di carne?

In questo articolo proponiamo un calcolo semplificato delle calorie delle carni fresche, facile da ricordare e da applicare ai più svariati tipi di carne. Il nostro è un metodo esemplificativo, utile in quei casi in cui non si ha a disposizione la tabella dei nutrienti stampata nelle etichette dei prodotti alimentari, praticamente nella maggior parte delle volte quando si ha a che fare con carne fresca. 

In generale le carni hanno una densità calorica (le calorie ogni 100 grammi di prodotto) che varia tra le 100 kcal/hg del petto di pollo e le 250 kcal/hg della carne di maiale più grassa (pancetta o salsiccia fresche, non stagionate), quindi in generale non è un alimento molto calorico. 

Le carni magre sono tante e non si limitano al petto di pollo, si va dal semplice bovino fino alla selvaggina come il cervo, il capriolo o lo struzzo, che a volte hanno addirittura meno di 100 kcal/hg.

Le carni più grasse sono ovviamente quelle più caloriche, come per esempio l'oca, con circa 350 kcal/hg.

 

 

Quello che ha senso è un'operazione che dovremmo imparare a fare tutte le volte che compriamo la carne dal macellaio o al supermercato, quella più comune (manzo, pollo, tacchino, coniglio, agnello, ecc): suddividerla in 3 categorie, in base al tenore di grasso:

  • carne magra: ha un valore di densità calorica medio di 100 kcal/100 grammi (petto di pollo, petto di tacchino o molti tagli del vitellone, quelli senza grasso di marezzatura, sono carni che non contengono grasso o al massimo ne contengono un 3%)
  • carne semigrassa: ha un valore medio di 180 kcal (tra le 150 e le 200 kcal/100 grammi), come nel caso del pollo con la pelle, del capocollo di maiale o del vitellone particolarmente marezzato)
  • carne grassa: con circa 250 kcal, per lo più alcune parti del maiale come la pancetta o la salsiccia fresche.

Come si può capire se la carne che stiamo comprando è magra, semigrassa o grassa? La differenza, anche se può sembrare assurdo, è sotto i nostri occhi, possiamo capirlo anche solo utilizzando la vista. 

La quantità di grasso presente nel tessuto muscolare dei vari animali di allevamento, soprattutto dei bovini, dipende da tanti fattori che, il più delle volte, sfuggono al nostro controllo, come il tipo di alimentazione, il tipo di razza e altri elementi gestiti in allevamento.

Per capire la quantità di grasso presente in quel pezzo di carne che stiamo per acquistare bisogna guardarlo e osservare la marezzatura presente, cioè quelle venature di grasso bianche che intervallano il tessuto muscolare rosso, se stiamo valutando carne rossa (manzo, agnello o maiale).

Già semplicemente guardando un pezzo di carne possiamo capire a quale categoria appartiene. La carne magra non ha neanche un filo di grasso, quella semigrassa ne ha un po' e quella grassa ne ha in abbondanza (ad occhio è bicolore, per intenderci, con tante parti bianche-grasse quante rosse-magre).

Va tenuto presente che il vitellone (fiorentina, tagliata, filetto...) non sarà mai una carne classificabile come grassa, al massimo semigrassa. A maggior ragione tenendo in considerazione che in Italia non amiamo la carne di vitellone particolarmente marezzata, a differenza di quello che succede invece negli Stati Uniti dove più è marezzata e più è considerata di qualità.

A volte il grasso presente nel pezzo di carne è una copertura esterna e può essere separato, quindi se lo togliamo la carne da semigrassa diventerà magra.

Abbiamo poi una categoria di carni fresche a se stante, il grasso fresco, come il lardo crudo, non stagionato, che ha una densità calorica di 650 kcal/100 g. Non è un grasso in purezza, come l'olio, il burro o lo strutto che contengono 900 kcal/100 g, ma un alimento ottenuto dal tessuto adiposo del maiale che, inevitabilmente, contiene anche acqua e proteine del tessuto connettivo, due elementi che, non avendo calorie, abbassano la sua densità calorica rispetto ai grassi puri. Ma nessuno mangia il lardo crudo, al massimo lo si può consumare sotto forma di salume, si pensi al lardo di Colonnata o al lardo d'Arnad.

E dopo la cottura? Le calorie della carne diminuiscono o aumentano?

Carne calorie calcolo

Quello detto finora vale solo per le carni crude. Una volta cotte, le carni diventano più caloriche, anche non usando grassi durante la cottura. I valori sopra citati vanno aumentati del 30-40% dato che, durante la cottura, la carne si disidrata, perde acqua e quindi la densità calorica aumenta. Questa è una cosa da sapere se ci troviamo a dover quantificare le calorie di una carne già cotta (pollo arrosto, per esempio).

Un consiglio che diamo sempre quando si tratta di cucinare la carne è: meglio scegliere una carne semigrassa e più saporita e cuocerla senza aggiungere ulteriori grassi in cottura, piuttosto che scegliere una carne magra e doverla cuocere con l'aggiunta di olio o di burro per darle un minimo di sapore. Per esempio, invece di comprare due fettine di petto di pollo si può optare per comprare una sovracoscia disossata senza pelle (o anche con la pelle, se ve la potete permettere dal punto di vista calorico). Il petto di pollo cotto ha 130 kcal, mentre la sovracoscia cotta ha 188 kcal. Sono poco meno di 60 kcal di differenza che non rappresentano un problema, e ci si guadagna in appetibilità.

La tabella delle kcal delle varie tipologie di carni

 

 

In questa tabella (dati INRAN) ho lasciato indicate anche le voci relative agli alimenti cotti. Quando è indicato "cotto", ci riferiamo alla cottura in forno o in padella, senza aggiunta di grassi e di sale e all'alimento scolato dal grasso prodotto con la cottura.

Quando non è indicato esplicitamente si fa riferimento, come da prassi, all'alimento crudo,  è indicato crudo ci riferiamo al tessuto muscolare privato del grasso visibile.


Alimento Energia
(kcal/100g p.e.)
Oca 373.00
Pollo, ala con pelle, cotta  283.00
Agnello cotto  270.00
Vitello, filetto, cotto  258.00
Pollo intero con pelle, cotto  246.00
Pollo, sovracoscio con pelle, cotto  219.00
Pollo intero senza pelle, cotto 206.00
Pollo, fuso con pelle, cotto  201.00
Pollo intero con pelle, cotto 200.00
Pollo, ala con pelle cruda 196.00
Pollo, sovracoscio con pelle crudo 196.00
Faraona, coscio, senza pelle, cotto 194.00
Gallina 194.00
Tacchino, fuso, con pelle, cotto  191.00
Tacchino, fuso, senza pelle, cotto  190.00
Pollo, sovracoscio senza pelle, cotto  188.00
Tacchino, sovracoscio, senza pelle, cotto 182.00
Pollo, fuso senza pelle, cotto 175.00
Maiale, lombo 172.00
Bovino adulto o vitellone - pancia, biancostato, punta di petto 171.00
Pollo intero con pelle crudo 171.00
Coniglio intero, cotto 166.00
Agnello, coscio, cotto 165.00
Quaglia 161.00
Pollo intero senza pelle, cotto  160.00
Agnello 159.00
Anatra domestica 159.00
Maiale, spalla 156.00
Agnello, costoletta, cotta 153.00
Faraona, petto, senza pelle, cotto 146.00
Fagiano 144.00
Cavallo 143.00
Bovino adulto o vitellone - costata  140.00
Piccione 138.00
Coniglio, coscio 137.00
Tacchino intero, con pelle crudo 135.00
Bovino adulto o vitellone - lombata  134.00
Bovino adulto o vitellone - copertina di sotto, copertina di spalla, sottospalla, collo 133.00
Maiale, leggero, spalla 133.00
Faraona, coscio, con pelle, crudo 133.00
Pollo, sovracoscio senza pelle crudo 132.00
Tacchino, fesa, cotta 131.00
Pollo, petto, cotto  129.00
Maiale, coscio 128.00
Bovino adulto o vitellone - filetto  127.00
Faraona, coscio, senza pelle, crudo 127.00
Tacchino, fuso, con pelle crudo 126.00
Pollo, fuso con pelle crudo 125.00
Capretto 122.00
Faraona, petto, senza pelle, crudo 121.00
Tacchino, sovracoscio, senza pelle crudo 120.00
Cinghiale 120.00
Bovino adulto o vitellone - scamone  119.00
Coniglio intero crudo 118.00
Bovino adulto o vitellone - tagli posteriori 117.00
Coniglio intero, surgelato 116.00
Tacchino, fuso, senza pelle 113.00
Bovino adulto o vitellone - geretto anteriore e posteriore 112.00
Bovino adulto o vitellone - sottofesa 111.00
Bovino adulto o vitellone - girello  110.00
Maiale, leggero, coscio 110.00
Pollo intero senza pelle crudo 110.00
Maiale magra 110.00
Tacchino intero, senza pelle crudo 109.00
Bovino adulto o vitellone - spalla, muscolo, girello, fesone 108.00
Vitello, filetto crudo 107.00
Pollo, fuso senza pelle crudo 107.00
Tacchino, fesa 107.00
Bovino adulto o vitellone - noce 106.00
Agnello, costoletta cruda  106.00
Bovino adulto o vitellone - fesa  103.00
Agnello, coscio crudo  103.00
Struzzo, cotto  101.00
Pollo, petto crudo 100.00
Daino 95.00
Struzzo crudo 92.00
Cervo 91.00
Lumaca 67.00
Rana 64.00  

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Calcolare le calorie della frutta

Il calcolo pratico delle calorie della frutta e la distinzione tra frutta normocalorica e ipercalorica.


Non c'è più la frutta di una volta?

La frutta di una volta era diversa dall'attuale? Sì... Ma era peggio!


Calorie della frutta

Qual è la variabilità media delle calorie della frutta e come regolarsi quando vi è la necessità di capire quante calorie ha la frutta che stiamo mangiando?


Mangiare in bianco: cosa significa? Ha ancora un senso?

Mangiare in bianco: cosa significa e da dove deriva questa abitudine alimentare? Ha senso dal punto di vista medico?

 


Formaggio di alpeggio o di malga

Il formaggio di alpeggio (o di malga) viene prodotto in estate nei pascoli in alta montagna, è la massima espressione del formaggio di qualità.


Latte microfiltrato

Il latte microfiltrato è fresco ma ha una durata doppia rispetto a quello tradizionale: un caso legale.


Mele - Mela

La mela, uno dei frutti più diffusi in tutto il mondo, citato anche nella bibbia, e presente in più di 2000 varietà in tutto il mondo.


I mieli uniflorali e millefiori

I mieli uniflorali derivano da un'unica specie botanica. Scopriamone le caratteristiche e la differenza con i millefiori.