Olio di nocciole

L'olio di nocciole è un olio vegetale ricavato dal seme (achenio) della nocciola (Corylis avellana), di colore giallo paglierino pallido e dal sapore inconfondibile, delicato, dolciastro ma con una nota di tostatura. 

 

 

Oltre a rappresentare un alimento, l'olio di nocciole viene molto usato anche in cosmesi dove trova impiego nel trattamento di acne o problemi di pelle grassa, di capelli sfibrati e secchi, come olio da massaggio, per produrre saponi o creme in genere.

La spremitura delle nocciole per l'olio destinato al consumo alimentare viene effettuata per lo più a freddo, a basse temperature per evitare che il calore danneggi gli aromi naturali delle nocciole. Le nocciole, prima delle spremitura, vengono tostate con diversi gradi di tostatura, per conferire all'olio una nota peculiare e gustosa. 

L'olio raffinato viene utilizzato molto spesso per compiere delle frodi, perché il profilo in acidi grassi dell'olio di nocciole è simile a quello dell'olio di oliva, e quindi viene usato per tagliare partite di olio, soprattutto provenienti dall'estero, che poi vengono vendute come olio d'oliva.

Olio nocciole

Gli acidi grassi dell'olio di nocciole

L'olio di nocciole assomiglia molto all'olio extravergine di oliva, come profilo degli acidi grassi. Contiene infatti una quantità maggioritaria di grassi monoinsaturi, e una quantità simile tra grassi saturi e polinsaturi (intorno al 10%). Non contiene quantità apprezzabili di omega 3.

Come abbiamo visto, queste caratteristiche lo rendono particolarmente idoneo per essere utilizzato nelle truffe alimentari, quando viene spacciato per olio di oliva.

Acidi grassi Quantità (g)
Grassi saturi totali 9.00
C4:0\÷C10:0 (laurico) 0.00
C12:0 (laurico) 0.00
C14:0 (miristico) 0.00
C16:0 (palmitico) 6.00
C18:0 (stearico) 2.80
C20:0 (arachidico) 0.00
C22:0 (beenico) 0.00
Grassi monoinsaturi totali 75.00
C14:1 (miristoleico) 0.00
C16:1 (palmitoleico) 0.00
C18:1 (oleico) 75.00
C20:1 (eicosaenoico) 0.00
C22:1 (erucico) 0.00
Grassi polinsaturi totali 11.00
C18:2 W6 (linoleico) 10.50
C18:3 W3 (linolenico) 0.00
C20:4 W6 (arachidonico) 0.00
C20:5 W3
(eicosapentaenoico - EPA)
0.00
C22:6 W3
(docosaesaenoico - DHA)
0.00
Rapporto Polinsaturi/Saturi 1.22

L'olio di nocciole in cucina

 

 

L'olio di nocciole ottenuto solo con procedimenti meccanici (non raffinato) si trova abbastanza facilmente e viene prodotto anche in Italia, grande produttrice di nocciole (soprattutto nel Lazio, in Campania e in Piemonte). Può essere anche ricavato in casa, semplicemente facendo decantare la pasta di nocciole, un semilavorato per pasticceria che si trova comodamente su molti siti internet e nei negozi di alimentazione biologica.

Il prezzo è accessibile (è molto variabile ma si trova facilmente per poco più di 20 euro al litro), conviene usarlo esclusivamente a crudo per esaltarne le caratteristiche organolettiche, per esempio per insaporire insalate, carne o pesce.

C'è chi lo ha provato anche nel pesto al basilico in sostituzione dell'olio di oliva e dice sia un ottimo connubio!

L'olio di nocciole ha uno spiccato sentore di nocciola tostata che non può non piacere agli amanti di questo frutto secco. L'utilizzo più naturale delle nocciole è in pasticceria, dove però si tende a non usare l'olio di nocciole, ma la pasta (ottenuta macinando le nocciole intere, tostate).

L'olio trova invece un suo utilizzo più naturale nei piatti salati, per condire piatti finiti a crudo o per preparare salse per la carne o per il pesce, dove la pasta non sarebbe idonea, a causa del colore e della consistenza.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Cookie dough: l'impasto per biscotti goloso e crudo

Il cookie dough è un impasto per biscotti che si consuma crudo. Per questo motivo si prepara in genere senza uova. Ne esistono di diverse versioni con diversi gusti.


Acqua riciclata: come, perché e usi pratici

L'acqua riciclata può essere realizzata a partire dall'acqua piovana anche a livello casalingo attraverso impianti specifici; essi non hanno costi elevati.


Pizza con kiwi: l'erede della pizza hawaiana

La pizza con i kiwi è stata di recente proposta da uno chef svedese, che ha ricevuto per questo anche diversi insulti per aver fatto un'offesa alla tradizione culinaria italiana.


Pizza con ananas: gusto, ricetta e variante gourmet

La pizza all'ananas è una variante nata in Canada ma molto diffusa in America. Il gusto è soggettivo: molti la apprezzano, altri la ritengono inaccettabile.

 


Kombucha: benifici e come si prepara

Il kombicha è una coltura simbionte di lieviti e batteri che viene usato per la preparazione di un tè che i microrganismi fermentano. I suoi benefici sono ancora in dubbio.


Cannucce commestibili: alternativa amica dell'ambiente

Le cannucce commestibili sono una valida alternativa a quelle di plastica, di cui consentono di ridurne l'uso. Sono state realizzate con diversi alimenti fra cui mais, zucchero e alghe.


Amido resistente

L'amido resistente è composto da quella parte di amido che resiste al processo di digestione (idrolisi) da parte degli enzimi digestivi dell'intestino tenue.


Carne vegetale: sembra carne ma non lo è

La carne vegetale, poco nota in Italia, è un preparato di origine vegetale che ha sapore, gusto e consistenza simili a quello della carne da allevamento.