Ghiaccioli

I ghiaccioli sono dei dolci estivi composti da succo di frutta, zucchero e acqua fatti congelare attorno ad uno stecco di legno.

I gusti dei ghiaccioli possono essere i più disparati, i più comuni sono quelli alla menta, al limone, all'arancia, alla fragola, alla ciliegia, ma ci sono anche quelli alla Coca Cola, al lampone, al melone, al cocomero, al fiordilatte, al tè verde e così via.

 

 

I ghiaccioli vengono consumati come snack, per lo più dai bambini ma anche dagli adulti, nelle calde giornate estive, per esempio al mare, per il loro effetto dissetante e rinfrescante e vengono venduti nei baracchini, nei bar o nelle gelaterie.

In commercio si trovano tantissimi tipi di ghiaccioli, delle marche più disparate, anche se spesso quelli "commerciali" prodotti a livello industriale contengono sciroppi di frutta anziché succo, più coloranti e conservanti, consiglio sempre, quindi, di scegliere dei ghiaccioli il più naturali possibili, per esempio quelli fatti dalle gelaterie artigianali o quelli biologici senza additivi aggiunti, o in alternativa di prepararli in casa, è semplicissimo!

Una cosa da tener presente, inoltre, è anche il quantitativo di zucchero che viene addizionato, se il ghiacciolo è troppo dolce, infatti, provoca l'effetto contrario, anziché essere dissetante crea una sensazione stucchevole in bocca che fa aumentare la sete.

 

 

Storia dei ghiaccioli

Ghiaccioli

Secondo la versione più accreditata storicamente, il primo ghiacciolo della storia fu inventato da un bambino di 11 anni (Frank Epperson) nel 1905 negli USA (Oakland - California).

Un sera d'inverno il bambino Frank aveva dimenticato sul davanzale della finestra il suo bicchiere di soda con dentro una palettina di legno, al risveglio trovò che la soda si era congelata e immergendo il bicchiere in acqua calda riuscì a staccarla impugnando la palettina di legno come manico. D'istinto prese a leccarla e fu così che inventò il primo ghiacciolo.

Qualche anno più tardi, nel 1923, Frank riuscì a brevettare la sua invenzione e commercializzò il primo ghiacciolo negli Stati Uniti chiamandolo "Epsicle ice pop", presto ribattezzato in Popsicle, nome tuttora usato negli Usa per indicare il ghiacciolo.

In America vengono chiamati anche ice pop o freezer pop, nel Regno Unito, invece, sono conosciuti come ice-jolly o lolly ice.

I ghiaccioli sono conosciuti e diffusi in tutto il mondo.

Ricetta dei ghiaccioli fai da te

Preparare dei ghiaccioli casalinghi è semplice e veloce, basta munirsi di un set di stampi e di alcune palettine in legno. Sono reperibili durante il periodo estivo nei grandi supermercato o nei negozi di articoli casalinghi.

 

 

In alternativa alle classiche palettine di legno si possono usare i bastoncini di liquirizia, che si abbinano bene ai gusti limone, arancia o caffè.

Ingredienti per circa 12 ghiaccioli

  • 300 g di acqua
  • 150 g di zucchero
  • 150 g di succo di limone
  • 150 g di succo d'arancia
  • 150 g di Coca Cola

Procedimento

Il procedimento è semplice e si può ripetere per ogni gusto. Prepara in 3 pentole diverse uno sciroppo con acqua e zucchero portandoli ad ebollizione, il rapporto è sempre di 1 a 1/2 (1 parte d'acqua e mezza di zucchero, quindi 100 g di acqua e 0,5 g di zucchero). Aggiungere i succhi di frutta scelti in ogni pentola e lasciare raffreddare. Travasare lo sciroppo negli appositi stampini e inserire il bastoncino in verticale più o meno al centro dello stampo, tenendolo fermo con del fil di ferro o della carta stagnola. Mettere in freezer per qualche ora, finchè non si saranno solidificati. I ghiaccioli si possono conservare per qualche giorno.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Colesterolo nella carne | Bianca o rossa? | Quale la migliore?

Tutti sanno che per abbassare il colesterolo bisogna mangiare meno carne... Ma siamo sicuri che sia vero?


Il vino fa bene o male?

Il vino fa bene o male? A basse dosi sembra essere benefico, ma le ultime ricerche lo stanno mettendo in dubbio. Una cosa è certa: l'alcol è cancerogeno, a qualsiasi dose.


Meglio il vino bianco o rosso? | Calorie | Colesterolo

È più salutare il vino bianco o quello rosso? Quale fa ingrassare di più? Purtroppo il vino fa sempre male, a prescindere dal colore...


Quante calorie ha la pizza?

Quante calorie ha una pizza? Sebbene sia un alimento variabile, è possibile risalire con abbastanza precisione alle calorie totali sia di una margherita che di una pizza condita.

 


Fa ingrassare più la pizza o la piadina?

La pizza e la piadina sono due alimenti abbastanza critici per la linea. Ma quale dei due fa ingrassare di più?


La pizza fa ingrassare?

La pizza fa ingrassare? Scopriamo, dati alla mano, se può essere considerata solo uno sgarro alimentare da concedersi ogni tanto, o se è possibile assumerla più di frequente.


Fa ingrassare più la pasta o la pizza?

Fa ingrassare più la pasta o la pizza? In questo caso la risposta non è "dipende", ma possiamo tranquillamente dire che la pizza fa ingrassare di più!


Fa ingrassare più la pasta o il riso?

Questa domanda è particolarmente gettonata e la risposta è tutt'altro che scontata: fa ingrassare più la pasta o il riso?

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.