Malto - Malto di orzo - Malto di cereali

Il malto è un alimento prodotto cuocendo i cereali (orzo, mais, riso, ecc.) in presenza di enzimi in grado di scindere l'amido in essi contenuto in maltosio.

 

 

Questi enzimi sono presenti nei germogli dei cereali, di solito si usano i germogli di orzo aggiunti al cereale già cotto. Dopo la trasformazione enzimatica, il prodotto viene concentrato fino ad ottenere una consistenza e una quantità di zuccheri simile a quella del miele.

Il maltosio è un disaccaride (uno glucide contenente due molecole di glucosio) con potere dolcificante inferiore a quello dello zucchero da cucina (saccarosio), quindi anche il malto ha un potere dolcificante inferiore a quello dello zucchero.

Il malto viene impiegato nella preparazione di torte, dolci o come sostituto dello zucchero.

Qualità nutrizionali del malto

Malto

Quando si parla di dolficanti, la cosa importante da valutare è il risparmio di calorie a parità di effetto dolcificante: questo vale anche per il malto, il cui utilizzo in ottica salutistica ha senso solamente se consente di riapermiare calorie.

Diciamo questo perché, soprattutto negli ambienti della alimentazione vegetariana, vegana e naturale circolano voci assolutamente infondate riguardo le proprietà salutari del malto e di altri sostituti dello zucchero.

Le motivazioni di tale superiorità risiederebbero nei microelemente di cui sarebbero ricchi i sostituti dello zucchero.

 

 

La quantità di microelementi dei sostituti naturali dello zucchero, qualsiasi essi siano, è assolutamente trascurabile considerando che l'assunzione giornaliera di tali dolcificanti è decisamente piccola (si parla di qualche decina di grammi al massimo).

Spesso tali alimenti sono addirittura negativi, poiché consentono ad alcune industrie alimentari di spacciare prodotti come "senza zucchero" quando in realtà lo zucchero c'è eccome, sottoforma di malto.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Proteine della carne

Le proteine della carne si trovano in egual misura nella carne rossa e in quella bianca, nella prima sono legate a una maggiore quantità di grassi saturi e colesterolo.


Caseina (proteina del latte e dei formaggi)

La caseina, o meglio le caseine, sono le proteine maggiormente rappresentate nel latte, costituendo circa l'80% delle proteine contenute nel latte di vacca, bufala, pecora e capra.


Qualità delle proteine: valore biologico e altri indicatori

Qualità delle proteine: il valore biologico delle proteine, gli altri indicatori, l'aminoacido limitante. Come valutare la qualità delle proteine.


Latte condensato

Il latte condensato è un prodotto ottenuto dal latte vaccino provato di parte dell'acqua e di solito addizionato con zucchero. Utile in molte preparazioni dolci.

 


Toffee o caramelle mou

Le caramelle mou o toffee, di origine inglese, sono a base di caramello scuro e burro o panna montata.


Proteine del siero del latte (whey)

Le proteine del siero del latte (whey protein in inglese) sono le proteine più utilizzate come integratore.


Dieta in base al somatotipo: perché non ha senso

La teoria del somatotipo suddivide i tipi corporei in tre categorie: ectomorfo, endomorfo, mesomorfo. La dieta formulata in base a queste categorie appare senza senso.


Proteine del latte

Le proteine del latte sono contenute nei derivati del latte e vengono anche isolate e proposte in forma più o meno pura sottoforma di integratori alimentari.