Liquore Strega

Il Liquore Strega è un digestivo alle erbe di colore giallo intenso trasparente, con una gradazione alcolica di circa 40%, originario di Benevento, in Campania.

 

 

Il Liquore Strega, detto comunemente lo Strega, ha un gusto dolce e vellutato, una consistenza abbastanza densa, ed è molto aromatico con sentori di menta e spezie tra le quali spiccano la cannella e lo zafferano, l'ingrediente che gli conferisce il tipico colore giallo.

Come liquore è alquanto versatile, viene bevuto generalmente dopo i pasti come "ammazzacaffè", sia freddo che caldo, oppure viene usato per accompagnare pasticceria secca e biscotti, per insaporire alcuni dolci e dessert (per esempio nella torta mimosa al posto del marsala), oppure ancora nei gelati affogati e nelle macedonie, o, infine, come ingrediente di alcuni cocktails, in alternativa al liquore Galliano, il quale ricorda anche per il colore.

Storia del Liquore Strega

Liquore Strega

Il Liquore Strega fu ideato nel 1860 dalla distilleria Strega Alberti di Benevento.
Il nome "strega" fu scelto per ricordare una leggenda longobarda che vedeva la città di Benevento come il ritrovo ufficiale di tutte le streghe del mondo.

La ricetta originale, tutt'oggi rimasta immutata e segreta, prevede l'uso di circa 70 varietà di spezie ed erbe, tra le quali sono note lo zafferano, la cannella, la menta, il finocchio, il ginepro e la noce moscata.

 

 

Ogni erba viene selezionata attentamente dalla famiglia Alberti e poi conservata in cassettini di legno numerati, alcuni ingredienti molto preziosi vengono conseravti sotto chiave.
Agli operai che producono il liquore, spetta solo il compito di prelevare i quantitativi esatti per ogni ingrediente numerato e poi di macinarle, cosicchè la ricetta possa sempre rimanere segreta. 

Il liquore viene fatto maturare in botti di rovere per circa un anno prima di essere imbottigliato, per dare modo alle erbe e alle spezie di amalgamarsi bene tra di loro.

Il Liquore Strega ha fama mondiale, grazie anche al fatto che è stato citato in tantissimi film e libri di autori di fama internazionale, da Ernest Hemingway che lo cita in "Addio alle armi", a Vinicio Capossela che lo poetizza nella sua canzone "Con una rosa".

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Dieta in base al somatotipo: perché non ha senso

La teoria del somatotipo suddivide i tipi corporei in tre categorie: ectomorfo, endomorfo, mesomorfo. La dieta formulata in base a queste categorie appare senza senso.


Proteine del latte

Le proteine del latte sono contenute nei derivati del latte e vengono anche isolate e proposte in forma più o meno pura sottoforma di integratori alimentari.


Dieta a zona: funziona?

La dieta a zona è una delle più diffuse. Analizziamo pregi e difetti del modello alimentare di Berry Sears.


Teriyaki - salsa giapponese

Teriyaki: la salsa agrodolce giapponese composta da soia e sakè ideale per il pollo e il salmone.

 


Mirin - vino di riso giapponese

Il mirin, il condimento giapponese ottenuto dalla fermentazione del riso glutinoso.


Calorie dei cibi cotti e crudi

Le calorie degli alimenti cotti e crudi: cambiano o rimangono sempre invariate?


La dieta flexitarian

La dieta flexitarian è una dieta vegetariana "flessibile", promuove cioè un consumo di carne sostenibile.


La ripartizione dei macronutrienti

La ripartizione dei macronutrienti: quali sono le percentuali corrette di grassi, proteine e carboidrati da assumere.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.