Liquore al cioccolato cremoso al rum

Il liquore al cioccolato è uno dei tanti liquori che si possono facilmente preparare in casa, come il limoncello, il nocino e il liquore alla liquirizia (di cui abbiamo anche la videoricetta).

 

 

Tutte le ricette del liquore al cioccolato prevedono la preparazione di una base composta da cioccolato o cacao (o entrambi, come nella nostra ricetta), zucchero, latte o panna (ma si può preparare anche solo con acqua), addizionata con alcol puro o altri superalcolici (come il rum, usato nella nostra ricetta).

Ogni variante ha le sue peculiarità, l'importante è ottenere un liquore che abbia una gradazione sufficiente (la maggior parte delle ricette che si trovano in rete hanno una gradazione alcolica tra i 10 e i 15 gradi) e una percentuale sufficiente di zucchero (minimo il 20%, ma alcune ricette arrivano fino al 40%), affinché possa conservarsi correttamente a temperatura ambiente.

 

 

Il liquore al cioccolato si può facilmente preparare con il Bimby, che si presta molto bene a questo tipo di preparazione, dove bisogna mescolare e scaldare allo stesso tempo. La ricetta del bimby prevede l'utilizzo di cioccolato fondente e panna, è una ricetta con una quantità di grassi e zuccheri piuttosto elevata. Nulla vieta di utilizzare il Bimby per preparare il liquore al cioccolato con qualunque altra ricetta, divera da quella "ufficiale"!

Liquore al cioccolato

Cioccolato o cacao in polvere?

Il cioccolato ha un gusto migliore rispetto al cacao, e apporta anche grassi (burro di cacao) e zuccheri. Però rende il liquore meno "cioccolatoso", meno scuro, dunque se si usa solo il cioccolato è bene prevedere una quantità più abbondante, in proporzione agli altri ingredienti, e soprattutto usare un cioccolato fondente con almeno il 65% di cacao.

Usando solo il cacao (amaro, mi raccomando, lo zucchero lo aggiungiamo noi!) si potrà facilmente ottenere un liquore al cioccolato con un forte aroma di cacao, ma si perderà in finezza. Anche perché non è semplice trovare un cacao in polvere di qualità, sul mercato.

Con o senza panna (o latte)?

 

 

Decidere se usare la panna o il latte dipende anche qui dal risultato che vogliamo ottenere. Il latte, e soprattutto la panna, conferiscono grassi e zuccheri al liquore, donando cremosità e rotondità. Per avere un gusto "puro" di cioccolato, possiamo utilizzare solo l'acqua, dobbiamo considerare, tuttavia, che il gusto sarà anche più acquoso, meno rotondo, se avete mai assaggiato un sorbetto al cioccolato sapete di cosa sto parlando. Se decidete di fare un liquore al cioccolato senza panna, né latte, dovrete obbligatoriamente utilizzare cioccolato fondente, per avere comunque una certa quantità di grassi nella ricetta che vi garantisca una certa cremosità.

Ricetta del liquore alla cioccolato

La ricetta che proponiamo prevede l'utilizzo di latte, cioccolato fondente e cacao in polvere, per ottenere un liquore equilibrato sotto tutti i punti di vista. Al posto dell'alcol puro, utilizziamo il rum: si può usare rum bianco, ma ancora meglio sarebbe quello scuro, che conferisce il suo particolare aroma che si sposa molto bene con il cioccolato.

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Tempo totale:

Ingredienti per una bottiglia da 1 litro

  • 300 g di latte intero
  • 200 g di zucchero
  • 100 g di rum scuro
  • 65 g di cacao amaro in polvere
  • 50 g di cioccolato fondente al 70% di cacao

Preparazione

Tritare grossolanamente il cioccolato. Mettere il latte e lo zucchero in una casseruola di acciaio a fondo spesso, aggiungere il cacao, scaldare a fuoco medio mentre si mescola con una frusta per far sciogliere lo zucchero e il cacao. Quando il composto raggiunge quasi l'ebollizione, spegnere e unire il cioccolato, farlo sciogliere bene, quindi unire il rum a filo, continuando a mescolare. Filtrare e imbottigliare. Conservare in frigorifero.

Informazioni nutrizionali per biccherino da 50 g

 

Energia

142 kcal - 594 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

1 g

Proteine

2 g - 7%

Carboidrati

21 g - 66%

Grassi

4 g - 27%

di cui

 

saturi

2.2 g

monoinsaturi

1.1 g

polinsaturi

0.2 g

Fibre

0 g

Colesterolo

3 mg

Sodio

5 mg

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Cibi ultra-processati: fanno davvero male?

I cibi ultra-processati sono definiti dalla classificazione NOVA che ne sconsiglia il consumo, appoggiata da diversi paesi. Rimane da capire come sostituirli in modo efficace.


Caffeina

La caffeina è la sostanza psicoattiva più consumata al mondo, contenuta in diverse piante come caffè, cacao, tè, cola, guaranà e mate.


Quanta caffeina (e caffè) al giorno?

La quantità di caffeina considerata sicura dipende dalle condizioni patologiche e fisiologiche del soggetto, ma anche dalla tollerabilità individuale.


Pasta di legumi: utile solo per la celiachia

La pasta di legumi è utile solo in caso di patologie che richiedano l'eliminazione del glutine dalla dieta, per diverse ragioni che vedremo in questo articolo.

 


Prosciutto cotto senza conservanti (nitriti)

Il prosciutto cotto senza conservanti (nitriti) si sta oggi diffondendo grazie a nuove tecniche non sempre rese note dalle aziende produttrici.


Gli alimenti trasformati o processati: la classificazione NOVA

I cibi processati o trasformati sono classificati secondo la classificazione NOVA che li distingue in base al tipo di processo di produzione a cui sono sottoposti.


Arachidi

Le arachidi, una specie di leguminose tipica dei Paesi sudamericani.


Cosa mangiare durante lo sport

Troppi atleti mangiano a sproposito durante gli allenamenti. In realtà dovrebbe mangiare solo chi fa allenamenti molto lunghi.